Clavicola

Contenuto di:

La clavicola è un osso lungo, circa 15 centimetri, del nostro corpo, che collega la scapola allo sterno. Nel nostro scheletro ce ne sono due, una per ogni braccio. La sua funzione principale è di mantenere la scapola in posizione in modo che il braccio possa pendere liberamente. 

Che cos'è la clavicola?

Clavicola | Pazienti.it

La clavicola è un osso che si estende tra lo sterno e l'acromion della scapola.

È classificato come un osso lungo e può essere sentito alla palpazione lungo tutta la sua lunghezza. Nelle persone magre, è visibile sotto la pelle.

La clavicola ha tre funzioni principali:

  1. unisce l'arto superiore al tronco;
  2. protegge le strutture neurovascolari sottostanti che forniscono l'arto superiore;
  3. trasmette forza dall'arto superiore allo scheletro assiale.

La clavicola è un sottile osso con una forma a 'S'. Visto di fronte, l'aspetto mediale è convesso e l'aspetto laterale concavo. Può essere diviso in un’estremità sternale, un albero che agisce da punto di origine e attaccamento per diversi muscoli, come il deltoide, il trapezio, la subclavicola, i pettorali maggiori, lo sternocleidomastoideo, e un’estremità acromiale, la quale ospita un piccolo aspetto dell'articolazione con l'acromion della scapola in corrispondenza dell'articolazione acromion claveare.

L’estremità acromiale serve anche come punto di attaccamento per due legamenti:

  • Tubercolo conoide, che è il punto di attacco del legamento conoide, parte mediale del legamento coraco clavinico.
  • Linea trapezoidale, che è il punto di attacco del legamento trapezoidale, parte laterale del legamento coraco clavinico.

Il legamento coraco clavinico è una struttura molto forte, mantenendo in sospeso efficacemente il peso dell'arto superiore dalla clavicola.

Come ci si accorge se la clavicola è rotta?

Una funzione della clavicola è quella di trasmettere le forze dall'arto superiore allo scheletro assiale. Così, la clavicola è l'osso del corpo che più comunemente si frattura. Le fratture spesso derivano da una caduta sulla spalla o su una mano tesa.

Il punto più comune di frattura o lussazione o contrattura è la giunzione del mediale 2/3 e laterale 1/3. Dopo la frattura, l'estremità laterale della clavicola viene spostata inferiormente dal peso del braccio e medialmente dal pettorale maggiore. L'estremità mediale viene tirata in alto, dal muscolo sternocleidomastoideo.

I nervi soprascapolari (mediali, intermediali e laterali) possono venir danneggiati dal movimento verso l'alto della parte mediale della frattura. Essi innervano i rotatori laterali dell'arto superiore alla spalla, i danni provocano una rotazione mediata dall'arto superiore.

Le fratture della clavicola sono classificate a seconda del punto in cui l'osso è rotto. Le 3 classificazioni sono:

  • Al centro dell’osso: dal 75% all'80% di tutte le fratture della clavicola, di solito si verifica nelle persone più giovani.
  • Estremità laterale (vicino all'articolazione acromion-clavicolare): dal 15% al ​​25% di tutte le fratture della clavicola.
  • Centro-esterno (vicino all'articolazione sterno-clavicolare): rara; 5% di tutte le fratture della clavicola.

Le fratture sono classificate come:

  • Composte. I pezzi dell'osso fratturato rimangono allineati.
  • Scomposte. Le due parti dell'osso fratturato non si allineano.
  • Sminuzzate. Più pezzi di osso si trovano nel sito di frattura. A volte i frammenti possono penetrare nella pelle, causando una frattura composta.

Se si rompe la clavicola, si sentirà molto dolore nella zona della rottura. Si potrebbero notare lividi viola nella zona che potrebbero diffondersi sulla spalla e sul braccio. Il gonfiore si verificherà nel sito del danno e nel braccio. È comune sentire il movimento dell'osso mentre si sposta. La maggior parte delle persone con questa lesione non sarà in grado di sollevare il braccio.

I sintomi che possono far capire che la clavicola si è rotta sono:

  • Spalla che cade verso il basso e in avanti oppure sporgente
  • Dolore quando si tenta di sollevare il braccio
  • Deformità evidente sulla clavicola
  • Gonfiore ed ematoma sopra la clavicola

Che riabilitazione seguire in caso di frattura dell'osso?

La maggior parte delle fratture della clavicola viene trattata senza intervento chirurgico, ma le fratture più complesse possono richiedere un’operazione. In entrambi i casi, un fisioterapista può contribuire a promuovere la guarigione e un ritorno sicuro alla normale attività garantendo la gestione del dolore, l'esercizio guidato e la formazione funzionale.

Il braccio coinvolto sarà inserito in una fascetta per fissarlo e sostenere il suo peso. La terapia fisica inizia presto per aiutare a ridurre il dolore e il gonfiore. Quando si sarà in grado di tollerare il movimento del braccio, il fisioterapista prescriverà esercizi dolci per la spalla e per il gomito coinvolti per impedire la rigidità e per aiutare ad iniziare a recuperare il pieno movimento.

Mentre la guarigione progredisce, il dolore e il gonfiore si risolvono gradualmente. Gli esercizi progrediranno verso un livello più attivo per prevenire debolezza e rigidità e riacquistare il pieno movimento.

Dopo 6 o 8 settimane o quando l'osso mostrerà una guarigione adeguata, inizieranno gli esercizi di rinforzo più forti. Il fisioterapista creerà un programma di addestramento per ritornare a svolgere le attività giornaliere, il lavoro e lo sport.

I tempi di guarigione variano tra gli individui a causa delle differenze di età, salute e complessità del danno. La maggior parte dei pazienti torna alla propria attività quotidiana dopo circa 6 settimane e a sopportare carichi di lavoro straordinari dopo 9-12 settimane.

Clavicola lussata: quando?

Quando si parla di clavicola lussata ci si riferisce ad un rottura, che può essere più o meno completa, dei fasci legamentosi che uniscono acromion e clavicola. Il trauma è provocato per lo più da traumi dove la forza va dall’alto verso il basso, come una caduta.

Si cura con l’immobilizzazione dell’arto per circa 20 giorni, per permettere alle strutture lacerate di cicatrizzare. Nel caso in cui la lesione abbia provocato una lacerazione complessa, allora si fa ricorso alla chirurgia.

Cosa aspettarsi dopo l'intervento chirurgico?

La riabilitazione fisica dopo l'intervento chirurgico è simile a quella prevista per i casi non chirurgici, ma il seguirà un programma rigoroso fissato dal chirurgo. La terapia fisica inizia subito dopo l'operazione e continua per 8-12 settimane.

La prima settimana dopo l'intervento chirurgico, il fisioterapista aiuterà il paziente a controllare il dolore e il gonfiore e si potranno iniziare alcuni esercizi di movimento lieve. Si indosserà un tutore per il supporto del braccio. Nelle settimane successive, si aumenterà gradualmente il programma di esercizi.

Dopo 4 settimane, se i raggi X mostrano una buona posizione e stabilità, si potrà iniziare una gamma completa di movimenti della spalla. A 6 a 8 settimane, se i raggi X presentano un’adeguata guarigione, il trattamento procederà ad includere esercizi di rinforzo e di resistenza.

Questi tempi possono variare tra gli individui in base alla differenza di età, salute, complessità del danno e procedura chirurgica.

Come può aiutare un fisioterapista?

Non tutte le fratture della clavicola possono essere evitate. Tuttavia, è possibile ridurre il rischio di lesioni indossando indumenti protettivi appropriati quando si pratica certi sport, come i pattini o il calcio. È anche possibile ridurre il rischio evitando cadute.

Si consiglia di considerare:

  • Un fisioterapista esperto nel trattamento di lesioni sportive, pediatriche o ortopediche. Alcuni dottori hanno una particolare attenzione per la medicina sportiva.
  • Un fisioterapista è uno specialista clinico certificato dal consiglio o che ha completato una ciclo di studi. Questo tipo di medico ha conoscenze, esperienze e competenze avanzate che possono essere applicate alla condizione.

Argomenti: frattura clavicola clavicola gonfiore clavicola