Redazione
Redazione
326 articoli pubblicati

Aritmie cardiache: quando il cuore batte in modo disordinato

Pubblicato il 10/02/2017
Aritmie cardiache: quando il cuore batte in modo disordinato | Pazienti.it

Le aritmie cardiache sono disturbi del normale battito (ritmo) del cuore. Possono comparire a qualsiasi età. Sia in persone che non soffrono di alcuna patologia – specie tra i giovani e definite idiopatiche (cioè senza causa apparente) – o in soggetti già affetti da malattie cardiovascolari importanti e quindi secondarie a infarto, valvulopatie (alterazioni della funzionalità valvolare), ischemia delle arterie coronarie (restringimento od occlusione dei vasi, che portano sangue e ossigeno al muscolo cardiaco).

Chi è lo specialista che si occupa di aritmie?

Lo studio, la diagnosi e la cura delle aritmie – difetti elettrici nel sistema di conduzione del cuore (paragonabile alla batteria delle auto) – sono i campi d’intervento del medico elettrofisiologo (aritmologo), quale specializzazione della Cardiologia interventistica.

Come si diagnosticano le aritmie cardiache?

La medicina moderna dispone oggi di molte metodiche d’indagine – in continua evoluzione e in affiancamento a procedure non chirurgiche – per una corretta identificazione e cura delle aritmie. Alcune in dettaglio:

  • Elettrocardiogramma (ECG): è la registrazione e riproduzione, tramite tracciato grafico, dell’attività elettrica del cuore.
  • ECG dinamico (Holter): consente di monitorare il battito cardiaco durante un intervallo di tempo ben definito. In genere, tra le 24 e le 48 ore. Gli holter di ultima generazione consentono la registrazione cardiaca fino ad un massimo di 7 giorni.
  • ECG da sforzo (test ergometrico): prevede l’esecuzione dell’elettrocardiogramma nel corso di uno sforzo fisico prolungato. Esamina la risposta dell’apparato cardiocircolatorio registrando frequenza dei battiti, valori della pressione arteriosa, modificazioni del tracciato.
  • Ecocardiogramma: valuta la funzione e l’integrità delle valvole cardiache anche in rapporto alle dimensioni degli atri e dei ventricoli.
  • Risonanza Magnetica: permette un’accuratezza diagnostica elevata nelle miocarditi e cardiomiopatie (ipertrofica o aritmogena del ventricolo destro).
  • Studio elettrofisiologico: è l’analisi del battito cardiaco dall’interno del cuore mediante l’impiego di un dispositivo (catetere) inserito, in modo indolore per il paziente, tramite una o più vene periferiche. Si esegue in anestesia generale.

GVM

La fibrillazione atriale: un’aritmia insidiosa

La fibrillazione atriale è l’aritmia cardiaca più frequente. Colpisce circa l’1% della popolazione generale e la sua crescita percentuale segue il progressivo invecchiamento delle persone.

È comune in chi ha un’anomalia funzionale della ghiandola tiroide; in coloro che soffrono di diabeteipertensione arteriosa; in pazienti con alcune malattie polmonari e in soggetti con apnee ostruttive del sonno.

Pur non costituendo di per sé un rischio diretto ed immediato di morte, l’irregolarità del battito e quindi la riduzione di capacità da parte del cuore di pompare sangue, aumenta il rischio di formazione di coaguli all’interno degli atri e dunque di ictus cerebrale.

Come si cura la fibrillazione atriale?

La cura della fibrillazione atriale prevede:

  • Farmaci: riducono il rischio che nel sangue si formino coaguli e quindi le probabilità di ictus cerebrale. In chi soffre d’ipertensione, diabete o ha avuto precedenti cardiovascolari vanno assunti per tutta la vita.
  • Cardioversione elettrica: si trasmettono scosse elettriche al cuore attraverso elettrodi posizionati sul petto; è utile a ripristinare il normale battito cardiaco.
  • Impianto di pacemaker.
  • Ablazione transcatere: alcune forme di fibrillazione atriale nascono da imput elettrici sbagliati originanti nelle vene polmonari. L’area da cui provengono gli impulsi difettosi viene “bloccata” tramite l’utilizzo di fonti d’energia a caldo estremo o freddo estremo (Crioablazione) somministrate con speciali cateteri inseriti nel cuore partendo dalle vene degli arti inferiori.
  • Ablazione chirurgica nei casi di contemporaneo intervento a cuore aperto, “eliminando” negli atri le vie di propagazione dei segnali elettrici patologici (Operazione labirinto).

 

 

Resta aggiornato sul mondo della salute

Prova la newsletter di Pazienti oggi stesso!

  No spam!     Annulla quando vuoi

Scritto da:

Redazione
Redazione

Noi della Redazione di Pazienti scriviamo di benessere e salute, andando a scovare tutte novità del mondo sanitario e approfondendo i temi di maggior interesse.

Nella categoria Salute:

Leggi i nostri articoli di salute sul blog di Pazienti. Potrai trovare le informazioni che cerchi sulle ultime terapie, sui consigli per star bene e su tutto ciò che riguarda la salute e il benessere.
Vedi tutti i post di Salute →

comments powered by Disqus