Roberta Nazaro
Roberta Nazaro
191 articoli pubblicati

Come l’ansia altera la percezione della realtà

Pubblicato il 09/11/2016
Come l’ansia altera la percezione della realtà | Pazienti.it

Secondo un recente studio del Weizmann Institute of Science in Israele, il cervello delle persone ansiose potrebbe avere una percezione completamente diversa rispetto a quello delle persone immuni da tale disturbo mentale.

Le persone affette da disturbo d’ansia potrebbero già sentirsi in qualche modo degli outsider rispetto alla popolazione mediamente più tranquilla e distaccata. Tuttavia, le ricerche ne hanno identificato il vero motivo.

L’eccessiva generalizzazione non appartiene naturalmente né agli umani, né agli animali, che al contrario tendono a rispondere bene in situazioni di estremo stress e di potenziale pericolo con i meccanismi di sopravvivenza innati.

Il comportamento estremamente coinvolto potrebbe essere causato dall’incapacità di differenziare fra uno stimolo di stress e uno neutrale.

Come risponde una persona ansiosa?

La risposta di una persona ansiosa a qualcosa di innocente, come un misterioso dolcetto regalato sulla scrivania dell’ufficio, potrebbe essere di stress e preoccupazione. In questo caso, il dolcetto potrebbe essere visto come una grave minaccia, facendo cadere il cervello in una spirale di pensieri paranoici, come: perché qualcuno ha messo lì il dolcetto? Qualcuno sta cercando di avvelenarmi?

Per contro, una persona non ansiosa mangerebbe il dolcetto senza pensieri stressanti di nessun genere, o addirittura con uno stimolo piacevole.

L’autore dello studio sullo stress, condotto nel 2015, ha dichiarato: “L’eccessiva generalizzazione della paura a stimoli o situazioni di pericolo è un peso della vita di tutti i giorni e una caratteristica del disturbo da stress post-traumatico“.

In cosa consiste l’incapacità percettiva di differenziare?

Negli studi più recenti, i ricercatori sono giunti a una conclusione molto simile, dopo aver osservato i partecipanti all’esperimento mentre facevano distinzioni tra diversi suoni. In questo modo, sono giunti alla conclusione che le persone ansiose sono affette dall’incapacità percettiva di differenziare.

Come sono state condotte le ricerche?

A un gruppo di partecipanti affetti da disturbo d’ansia è stato chiesto di differenziare il suono associato a:

  • perdita di denaro
  • guadagno di denaro
  • nessuna conseguenza

Successivamente, è stato loro chiesto di ascoltare 15 suoni differenti e di capire se li avessero già sentiti durante l’ascolto precedente. Se avessero risposto correttamente, sarebbero stati ricompensati in denaro.

Quali sono stati i risultati dello studio sull’ansia?

Gli studi hanno dimostrato che le persone ansiose erano più inclini ad associare un nuovo suono con un suono precedente, che avesse innescato una risposta emozionale.

Di conseguenza, chi soffriva di disturbo d’ansia, associava più suoni rispetto ai soggetti più tranquilli e distaccati.

Durante l’esperimento, inoltre, la risonanza magnetica ha evidenziato due differenti risposte dell’amigdala agli stimoli sottoposti a persone ansiose e a persone non ansiose.

Bisogna ricordare che l’amigdala, coinvolta nella regolazione dell’ansia, nel comportamento emozionale e nella motivazione, in passato è stata associata agli attacchi di panico e ai disturbi dell’ansia.

In cosa consiste la plasticità del cervello?

I ricercatori hanno definito i cambiamenti dei cervelli ansiosi come “plastici”, in riferimento alla flessibilità cerebrale nel crescere, aumentare o diminuire le reti neurali in base allo stile di vita e alla mentalità.

Rony Paz, del Weizmann Institute, autore dello studio, ha dichiarato: “Abbiamo dimostrato che nei pazienti con l’ansia, l’esperienza emozionale induce plasticità nei circuiti cerebrali, che perdura anche dopo la fine dell’esperienza stessa. Questi cambiamenti plastici insorgono nei circuiti primari, che in seguito mediano la risposta a nuovi stimoli, causando l’incapacità di distinguere tra stimolo dell’esperienza originaria e nuovo stimolo. Pertanto, i pazienti ansiosi rispondono in maniera emozionale ai nuovi stimoli, provocando uno stato di ansia anche nelle situazioni più irrilevanti“. Ciò significa che le persone affette da disturbo d’ansia non possono controllare questa risposta.

L’ansia si può curare?

Fortunatamente, l’ansia può essere curata in diversi modi:

Secondo degli studi, l’esercizio può effettivamente aiutare a migliorare la qualità della vita delle persone affette da disturbo d’ansia.

Resta aggiornato sul mondo della salute

Prova la newsletter di Pazienti oggi stesso!

  No spam!     Annulla quando vuoi

Scritto da:

Roberta Nazaro
Roberta Nazaro

Trasmettere un messaggio, veicolarne il senso, abbattere le barriere linguistiche: sono questi i miei scopi in qualità di traduttrice e interprete, giovane ma determinata. Se poi si aggiunge la passione per la scrittura e l'amore sconfinato per la lettura, allora è presto spiegato quanto sono felice di collaborare con Pazienti.it, scoprendo e imparando giorno per giorno nuove cose.

Nella categoria Salute:

Leggi i nostri articoli di salute sul blog di Pazienti. Potrai trovare le informazioni che cerchi sulle ultime terapie, sui consigli per star bene e su tutto ciò che riguarda la salute e il benessere.
Vedi tutti i post di Salute →

comments powered by Disqus