Aterosclerosi

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Antonio Magioncalda
Indice contenuto:
  1. Che cos’è l’aterosclerosi?
  2. Quali sono i sintomi dell’aterosclerosi?
  3. Chi è colpito dall’aterosclerosi?
  4. Quali sono le cause dell’aterosclerosi?
  5. Come si cura l’aterosclerosi?
  6. SI può prevenire l'aterosclerosi?

Che cos’è l’aterosclerosi?

Aterosclerosi

L’aterosclerosi è una malattia potenzialmente seria in cui le arterie del corpo medie e grandi si ostruiscono a causa di sostanze grasse, come il colesterolo. Queste sostanze sono chiamate placche o ateromi.

Le arterie

L’apparato circolatorio è composto da arterie e vene.

Il sangue è pompato dal cuore e attraverso l’aorta (la principale arteria collegata al cuore) prima viaggia attraverso arterie più piccole che si diramano una dall’altra.

Il sangue passa in piccoli vasi sanguigni, conosciuti come capillari, in cui l’ossigeno è trasformato in cellule di tessuti del corpo e degli organi.

Il sangue ritorna al cuore attraverso le vene. Indurimento e il restringimento delle arterie è potenzialmente pericoloso per due motivi:

  • un flusso sanguigno limitato può danneggiare un organo e bloccare il suo corretto funzionamento
  • se un placca si rompe può causare un coagulo nel punto della rottura che può a sua volta bloccare l’apporto di sangue a un organo importante, come il cuore, causando un attacco cardiaco, o il cervello, causando un ictus (ischemico o emorragico)

Malattie cardiovascolari

L’aterosclerosi è il maggiore fattore di rischio per molte malattie che riguardano la circolazione sanguigna. Queste patologie vengono chiamate malattie cardiovascolari, fra queste:

  • malattia arteriosa periferica: in cui l’apporto di sangue alle gambe è bloccato, causando dolore muscolare
  • malattia coronarica cardiaca: in cui le principali arterie che riforniscono il cuore (le arterie coronariche) si ostruiscono a cause delle placche
  • ictus: una malattia molto grave in cui l’apporto di sangue al cervello è interrotto
  • attacco cardiaco: una malattia molto grave in cui l’apporto di sangue al cuore è bloccato

Quali sono i sintomi dell’aterosclerosi?

L’aterosclerosi di solito non dà alcun sintomo finché la circolazione sanguigna non viene ostacolata o bloccata, conducendo all’insorgenza di una malattia cardiovascolare.

Il tipo di malattia cardiovascolare e i sui sintomi associati dipendono de dove si verifica il blocco. Le malattie conosciute e causate dall’aterosclerosi includono:

Malattia arteriosa periferica

La malattia arteriosa periferica, conosciuta anche come malattia vascolare periferica, è una malattia che si presenta quando c’è un blocco nelle arterie degli arti (nella maggior parte dei casi, nelle gambe).

Il sintomo più comune della malattia arteriosa periferica è il dolore nelle gambe, che si manifesta generalmente in una o entrambe le cosce, le anche o i polpacci.

Il dolore si può presentare come un crampo, o una sensazione di fiacchezza o pesantezza, nei muscoli delle gambe, può andare e venire e generalmente peggiora con l’esercizio fisico, come quando si cammina o si salgono le scale.

Lo sforzo fisico aumenta il bisogno di maggiore apporto di sangue ai muscoli ma, a causa del restringimento delle arterie, questa richiesta non può essere soddisfatta e ciò causa la comparsa del dolore. Altri sintomi della malattia arteriosa periferica includono:

  • stanchezza o intorpidimento nelle gambe
  • dolore nei piedi o nelle gambe che non scompare
  • cambiamento del colore della pelle delle gambe
  • caduta dei peli delle gambe e dei piedi
  • ispessimento delle unghie dei piedi
  • disfunzione erettile, conosciuta anche come impotenza (negli uomini)

Angina

L’angina è simile alla malattia arteriosa periferica ed è causata da un ridotto apporto di sangue al cuore. Il sintomo più comune dell’angina è la sensazione di dolore o fastidio nel torace.

Il dolore può essere fitto, sordo o intenso e generalmente scompare in pochi minuti. Il dolore che è associato all’angina può diffondersi dal torace al braccio sinistro, al collo, alla mascella e alla schiena e generalmente segue a dell’attività fisica o uno stress emozionale.

In alcuni casi, il dolore può svilupparsi quando la temperatura è fredda o dopo aver mangiato. Alcune persone possono avere anche i seguenti sintomi:

L’insorgenza dei sintomi dell’angina è spesso chiamata attacco anginoso.

Aneurisma

L’aterosclerosi indebolisce le pareti dei vasi sanguigni e può condurre alla formazione di un aneurisma (un rigonfiamento nel vaso sanguigno).

Se l’aneurisma si ingrandisce molto, c’è il pericolo che si posso rompere, causando un sanguinamento interno potenzialmente mortale o un danno all’organo. Un aneurisma può svilupparsi ovunque nel corpo, ma ci sono due tipi più comuni:

  • aneurisma intracranico (conosciuto anche come aneurisma cerebrale): che si sviluppa all’interno del cervello
  • aneurisma aortico: che si sviluppa all’interno dell’aorta (un vaso sanguigno grande che attraversa l’addome e trasporta il sangue fuori dal cuore)

Se l’aneurisma aortico si rompe, si potrebbe provare un dolore improvviso e intenso al centro o al lato dell’addome.

Negli uomini, il dolore può anche irradiarsi nello scroto (la tasca che si trova tra le gambe e che contiene i testicoli). I sintomi di una rottura di un aneurisma intracranico generalmente iniziano con un mal di testa improvviso e intenso, descritto come un colpo alla testa, che diventa un atroce dolore mai provato prima.

Attacco cardiaco

Se una delle placche nelle arterie coronariche si rompe, potrebbe creare un grumo di sangue, che può bloccare l’apporto di sangue al cuore, causando un attacco di cuore. I sintomi dell’attacco di cuore includono:

  • dolore al torace, che generalmente è localizzato al centro di esso e può sembrare una pressione, una stretta o una compressione
  • dolore in altre parti del corpo come se viaggiasse dal torace alle braccia (generalmente il braccio sinistro, sebbene possa colpire entrambe le braccia), alla mascella, al collo, alla schiena e all’addome
  • opprimente senso di ansia
  • difficoltà respiratorie
  • nausea
  • confusione
  • tosse
  • vomito
  • ansimare

Ictus

Un grumo di sangue può bloccare anche l’apporto di sangue al cervello, causando un ictus. I principali sintomi di un ictus possono essere notati da un certo atteggiamento del viso (che può come cadere da un lato, la persona potrebbe non essere in grado di sorridere, la sua bocca o un suo occhio potrebbero abbassarsi), dalle braccia (a causa dell’indebolimento la persona potrebbe non essere in grado di alzare le braccia o di mantenerle in alto), dal linguaggio (la persona potrebbe farfugliare invece di parlare).

Altri sintomi includono:

  • vertigini
  • problemi di comunicazione
  • difficoltà nel masticare
  • forti mal di testa
  • intorpidimento o affaticamento che possono sfociare in una completa paralisi di un lato del corpo
  • perdita di coscienza

C’è anche una malattia correlata al ictus, conosciuta come attacco ischemico transitorio in cui l’apporto di sangue al cervello è temporaneamente interrotto, causando un piccolo ictus.

I sintomi dell’attacco ischemico transitorio sono gli stessi di quelli dell'ictus, ma durano da pochi minuti a poche ore prima di scomparire completamente. Tuttavia, un attacco ischemico transitorio non deve essere ignorato in quanto e un serio segno che deve far pensare a problemi legati all’apporto di sangue al cervello.

Chi è colpito dall’aterosclerosi?

È difficile riuscire a calcolare quanto sia diffusa l’aterosclerosi, perché non causa sintomi evidenti fin quando non raggiunge uno stadio avanzato e causa l’insorgenza di malattie correlate, come un attacco di cuore. Tuttavia, si pensa che quasi tutti gli adulti hanno qualche grado di aterosclerosi.

L’aterosclerosi è più comune nelle persone sopra i 40 anni di età ed è più diffusa negli uomini che nelle donne, si pensa perché gli ormoni impiegati nel ciclo riproduttivo femminile, come gli estrogeni, sono una protezione contro la malattia. I fattori di rischio che possono notevolmente accelerare il processo di aterosclerosi includono:

Quali sono le cause dell’aterosclerosi?

Man mano che si avanti con l’età, le arterie si induriscono e si restringono naturalmente, conducendo all’aterosclerosi. Tuttavia, ci sono molti fattori che possono seriamente accelerare questo processo.

Dieta ricca di grassi e colesterolo

Il colesterolo è un tipo di grasso essenziale per il corretto funzionamento del corpo. Il colesterolo contribuisce alla produzione di ormoni, alla costituzione delle membrane (le pareti che proteggono le singole cellule) e alla protezione delle terminazioni nervose. Ci sono due tipi di colesterolo:

  • lipoproteina a bassa densità: composta principalmente da grasso, più proteine. Questo tipo di colesterolo può bloccare le arterie, per questo è chiamato colesterolo cattivo
  • lipoproteina ad alta densità: composta principalmente da proteine, più una piccola quantità di grasso. Questo tipo di colesterolo può aiutare a ridurre il blocco nelle arterie, per questo è chiamato colesterolo buono

La maggior parte del colesterolo di cui il corpo ha bisogno è prodotto dal fegato. Tuttavia, se si mangiano cibi con alto contenuto di grassi saturi, il grasso si rompe in colesterolo cattivo. I cibi ad alto contenuto di grassi saturi includono:

  • biscotti
  • torte
  • pancetta
  • salsiccia
  • carne conservata
  • burro
  • crema

Il colesterolo cattivo si attacca alle pareti arteriose sotto forma di deposito di grasso che, nel tempo, gradualmente aumenta restringendo o bloccando completamente l’apporto di sangue. I depositi di grasso sono conosciuti anche come placche o ateromi.

Oltre che una dieta ricca di grassi, anche la mancanza di esercizio regolare, essere obesi e bere quantità eccessive di alcol possono aumentare l’aumento di colesterolo cattivo nel corpo. Il termine medico per definire la presenza di alto livello di colesterolo è iperlipidemia.

Fumo

Il fumo può danneggiare le pareti delle arterie. Se le arterie vengono danneggiate, le cellule sanguigne, chiamate piastrine, cercano di riparare il danno, causando un restringimento delle arterie.

Il fumo può anche far diminuire l’abilità del sangue di trasportare l’ossigeno per il corpo, incrementando le possibilità di un’ostruzione sanguigna.

Pressione alta

Se si ha una pressione sanguigna alta (ipertensione), questa può danneggiare le arterie nel medesimo modo in cui fa il fumo. Le arterie sono addette nel pompare il sangue a una certa pressione. Se questa pressione è eccessiva, le pareti delle arterie si danneggiano. La pressione sanguigna lata può essere causata da:

  • sovrappeso
  • assunzione di quantità eccessive di alcol
  • stress
  • fumo
  • mancanza di esercizio fisico

Diabete

Se si è affetti da diabete di tipo 1 o di tipo 2 e lo si controlla poco, l’eccesso di glucosio nel sangue può danneggiare le pareti delle arterie.

Obesità

Essere in sovrappeso o obesi non aumenta direttamente il rischio di sviluppo di aterosclerosi e di malattie cardiovascolari, ma può condurre ai fattori di rischio correlati. In particolare, le persone in sovrappeso o obese:

  • hanno un rischio maggiore di sviluppare pressione sanguigna alta
  • tendono ad avere livelli più alti di colesterolo risultanti da una dieta ricca di grassi
  • hanno un maggiore rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

Mancanza di esercizio fisico

Come per il sovrappeso e l’obesità, la mancanza di esercizio non è direttamente correlata all’aumento di rischio di aterosclerosi e malattie cardiovascolari. Tuttavia, è collegata a un aumento di rischio di sovrappeso e obesità e di pressione alta (ipertensione).

Alcol

Bere una quantità eccessiva di alcol può causare un aumento della pressione sanguigna (ipertensione) e fare aumentare i livelli di colesterolo nel sangue, aumentando il rischio di sviluppo dell’aterosclerosi e malattia cardiovascolari. La maggior parte dei bevitori assidui tendono anche ad avere altra abitudine non sane, come il fumo, una dieta ricca di grassi e non fare abbastanza esercizio fisico.

Storia clinica familiare

Se si ha un parente di primo grado (un genitore o un fratello o una sorella) affetto da aterosclerosi o da una malattia cardiovascolare, si è due volte più soggetti a sviluppare problemi simili rispetto al resto della popolazione.

Etnia

La percentuale di persone affette da pressione alta e diabete è maggiore in chi discende dalle popolazioni africane e afrocaraibiche: ciò significa che in questi gruppi c’è un rischio più alto di sviluppare l’aterosclerosi e le malattie cardiovascolari.

Inquinamento

I ricercatori hanno visto che le persone che vivono in posti molto inquinati hanno molta più possibilità di sviluppare l’aterosclerosi.

Come si cura l’aterosclerosi?

Il trattamento per l’aterosclerosi mira a prevenire il peggioramento della malattia, la quale potrebbe se no sfociare in una malattia cardiovascolare o in un attacco di cuore. Questo obiettivo può essere raggiunto dallo specialista prescrivendo una combinazione di cambiamenti di stile di vita, come una dieta sana, e alcuni farmaci.

Una volta che si è creato una placca nell’arteria, questa non può essere eliminata. Uno stile di vita sano può aiutare a bloccarne o rallentarne la crescita. Per questo si possono assumere farmaci per controllare i livelli di colesterolo e per la pressione alta. Esistono anche cure invasive per aprire i blocchi creati dall’aterosclerosi come:

SI può prevenire l'aterosclerosi?

Ci sono delle regole che, se seguite possono aiutare a prevenire il rischio di insorgenza dell’aterosclerosi. Sono:

  • Evitare il fumo
  • Cercare di mantenere il colesterolo nei valori corretti
  • Mantenere nella norma la pressione sanguigna
  • Evitare l’obesità
  • Mantenere bassi i livelli di stress
  • Il diabete è un fattore di rischio infarto
  • Dieta ricca di frutta e verdure
  • Evitare di assumere troppo alcool
  • Fare esercizio fisico