Idrocele

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Giuseppe Dovinola
Indice contenuto:
  1. Cos'è l'idrocele?
  2. Quali sono i sintomi dell’idrocele?
  3. Come viene curato l’idrocele?
  4. Quali sono le cause dell'idrocele?
  5. Come viene diagnosticato?
  6. L'idrocele è diffuso nei neonati?
  7. Cosa prevede l'intervento per idrocele?
  8. Idrocele: cura naturale

Cos'è l'idrocele?

Idrocele

L’idrocele è la raccolta di liquido nella sacca sierosa lungo il cordone spermatico nello scroto. Esso può verificarsi da uno o entrambi i lati.

Nei bambini, è dovuto alla mancata chiusura del dotto che unisce l’addome allo scroto, il fluido quindi si scarica in modo non corretto nel dotto peritoneo-vaginale, arrivando nei testicoli, dove rimane intrappolato e causa il rigonfiamento dello scroto.

Negli uomini adulti, l’infiammazione o il trauma ai testicoli o dell'epididimo possono essere la causa del l’idrocele, come complicanza di un intervento per curare la fimosi, la stenosi uretrale, la disfunzione erettile, il pene curvo e operazioni al frenulo, o dopo circoncisionevasectomia o isterectomia.

L’idrocele può anche essere associato a un'ernia inguinale, a diverticoli, ernia ai testicoli o allo scroto, ma più spesso accade senza una ovvia ragione. 

Può essere classificato primitivo, quando compare senza una causa evidente, oppure secondario ad affezioni di varia natura del testicolo o dell'epididimo.

Quali sono i sintomi dell’idrocele?

Spesso, l’idrocele non causa sintomi. Questi, se presenti, includono:

  • Dolore
  • Gonfiore
  • Rossore dello scroto. 

L’entità del gonfiore varia da paziente a paziente e dipende dalle cause della condizione.

L’intensità dei sintomi può variare nel corso della giornata ed essere maggiore nel tardo pomeriggio o nella serata.

L'idrocele primitivo viene considerato come effetto di infezioni assai blande del testicolo o quale conseguenza di piccoli traumi esercitati sul testicolo dagli individui. Esso si manifesta con un aumento di volume di un emiscroto senza dolore o altri disturbi finchè la raccolta di liquido non è tale da provocare col suo peso una fastidiosa sensazione di tensione e di stiramento.

Il liquido, di aspetto limpido e di colorito citrino, è presente sotto lieve tensione. In esso, che può raggiungere quantità anche molto grandi, il testicolo può essere palpato verso il basso e dietro. I foglietti di rivestimento, che costituiscono la membrana vaginale del testicolo, possono ispessirsi per reazione al liquido (pachivaginalite).

L'idrocele secondario, acuto o cronico, consegue ad infezioni acute o croniche del testicolo e dell'epididimo. In questi casi, la diagnosi è facilitata dall'osservazione clinica della malattia alla quale esso consegue.

Come viene curato l’idrocele?

L’idrocele di solito non è una condizione grave e viene curato solo se causa fastidio o imbarazzo.

L’aspirazione del fluido rappresenta una possibile cura anche se non definitiva e non da tutti riconosciuta utile, in quanto l’idrocele tende a ricomparire ma, soprattutto, la puntura può provocare una grave peritonite per il diffondersi dei batteri dalla sacca idrocelica al peritoneo attraverso il suddetto dotto che unisce l’addome allo scroto.

Un’altra possibilità per curare l’idrocele è l’idrocelectomia, cioè l’intervento chirurgico per riparare l’idrocele, una procedura semplice, con una percentuale di successo alta. Questa opzione viene scelta nel caso di idrocele di grandi dimensioni e doloroso.

Durante questa procedura, viene praticata un’incisione nell’area dello scroto sotto anestesia generale o locale. Tramite questa incisione viene drenato il liquido presente nello scroto e vengono applicati dei punti di sutura per chiudere l’incisione.

Quali sono le cause dell'idrocele?

La causa della maggior parte degli idrocele è sconosciuta. Nei neonati, questa condizione è frequente per la persistenza congenita del dotto peritoneo vaginale (il dotto che unisce l’addome allo scroto); normalmente, tale condizione si risolve senza trattamento chirurgico entro il primo anno di vita.

Come viene diagnosticato?

La diagnosi si fa facilmente se, come nei casi non complicati, è possibile effettuare la transilluminazione: questa consiste nell'osservare al buio, per trasparenza, una luce artificiale posta dietro all'emiscroto in esame. Ciò non è possibile quando esiste una pachivaginalite. In tal caso, si dovrà fare una diagnosi attraverso:

  • esame fisico, con il quale il medico controlla la zona dello scroto;
  • test delle urine ed esame del sangue;
  • ecografia, per scartare la presenza di un’ernia o tumore ai testicoli. Grazie all’ecografia, è possibile determinare le dimensioni esatte del rigonfiamento e la sua natura. L’idrocele appare come un accumulo di liquido trasparente;
  • cistoscopia

Qualunque individuo che noti gonfiore ai testicoli dovrebbe rivolgersi al medico per approfondire la causa di tale condizione. È molto importante che la diagnosi avvenga in modo tempestivo, nel caso il gonfiore fosse dovuto a condizioni gravi diverse dall’idrocele.

Le patologie che presentano gonfiore testicolare simile all’idrocele sono:

  • varicocele;
  • ernia inguinale;
  • cisti all’epididimo;
  • ematocele;
  • torsione dei testicoli;
  • epididimite;
  • spermatocele.

L'idrocele è diffuso nei neonati?

Un idrocele congenito è quello con cui nasce un bambino. Il gonfiore può sembrare spaventoso, ma di solito non è un problema. Probabilmente andrà via prima che il bambino abbia 2 anni.

Un mese circa prima della nascita, i testicoli di un bambino si spostano dalla zona del ventre nello scroto, insieme a un po' del rivestimento della zona del ventre. La fodera si restringe, lasciando un piccolo spazio vuoto attorno ai testicoli. Questo spazio normalmente si chiude quando il bambino ha 2 anni. Di solito, il corpo assorbe il fluido nel tempo.

Se lo spazio non si chiude come dovrebbe, il fluido si sposta avanti e indietro tra lo scroto e l'area della pancia. Questo è chiamato idrocele comunicante. Il gonfiore va e viene. Questo problema viene solitamente risolto con un intervento chirurgico per aiutare a prevenire l'ernia all'inguine.

Un altro tipo di idrocele è quello del cordone spermatico. Si trova più in alto nello scroto. Il liquido viene solitamente assorbito in pochi mesi o al più tardi entro 1 o 2 anni. 

Il solito sintomo è uno scroto gonfio e non fa male. Se il bambino sembra soffrire, chiamare il medico. La presenza del dolore può significare che ha un'ernia o altri problemi.

I medici diagnosticano un idrocele congenito durante un esame fisico che include domande sulla salute del bambino. Il gonfiore è spesso facile da vedere, quindi l'idrocele non è in genere difficile da identificare, ma il dottore vorrà escludere altre condizioni.

Il bambino potrebbe aver bisogno di un intervento chirurgico per rimuovere il liquido se:

  • Ha ancora l'idrocele all'età di 2 anni
  • Il gonfiore va e viene
  • Il gonfiore provoca dolore
  • Il gonfiore peggiora

Se è necessario un intervento chirurgico, un piccolo taglio (incisione) sarà effettuato nell'area dell'inguine. Alla fine dell'intervento, il taglio sarà ricucito. 

Cosa prevede l'intervento per idrocele?

I pazienti con un idrocele si presentano solitamente con uno scroto gonfio e possono lamentare dolore, pesantezza o fastidio con l'esercizio. I trattamenti comprendono drenaggio semplice o drenaggio con scleroterapia, ma la riparazione chirurgica è considerata la terapia definitiva.

La valutazione di un idrocele comprende la storia medica e chirurgica, l'esame obiettivo e l'ecografia scrotale. La transilluminazione può aiutare a distinguere un idrocele da una massa solida. La maggior parte degli idroceli è il risultato di processi benigni, ma può anche portare a una malattia secondaria maligna. 

I pazienti devono essere informati prima dell'intervento che l'edema postoperatorio scrotale è comune e potrebbe richiedere diversi mesi per risolversi e che lo scroto ritorni alle dimensioni normali. È comune che il testicolo si senta duro alla palpazione dopo la riparazione dell'idrocele perché si forma uno strato di cicatrice tra la tunica albuginea e la tunica vaginale.

Quando i risultati dell'esame ultrasonografico del testicolo sono normali, un approccio transcrotale alla riparazione viene spesso utilizzato. L'incisione può essere eseguita in modo trasversale o verticale. Il sacco dell'idrocele viene accuratamente sezionato da sotto e viene estratto intatto. Il sacco viene aperto longitudinalmente direttamente sulla superficie anteriore del testicolo e il fluido viene drenato. Bisogna essere molto esperti per identificare tutte le strutture del cordone, in particolare i vasi spermatici e l'epididimo. La tunica vaginale è spesso ispessita o infiammata cronicamente, rendendo così difficile la visualizzazione di importanti strutture.

I 3 diversi metodi chirurgici di riparazione di idrocele sono:

  1. la procedura Lord;
  2. l'idrocelectomia;
  3. un'operazione a finestra aperta. 

La procedura Lord può essere utilizzata per idroceli più piccoli con uno strato sottile di tunica. Il sacco viene aperto anteriormente, usando l'elettrocauterio e il bordo peritoneale della tunica viene estratto usando una sutura assorbibile. 

Per i grandi idroceli, un'idrocelectomia viene eseguita asportando l'eccesso di tunica vaginale e poi invertendo i bordi e cucendoli posteriormente al cordone spermatico e all'epididimo. È fondamentale lasciare abbastanza tunica vaginale per evitare la costrizione del cordone spermatico e che l'epididimo o il vaso non vengano incorporati incidentalmente nella linea di sutura. Non è necessaria l'embricazione della tunica al di sopra dell'epididimo. 

Le operazioni con le finestre aperte possono trattare adeguatamente gli idroceli più piccoli. Durante questa procedura, viene asportata una finestra di tessuto dalla tunica vaginale. 

Il posizionamento del drenaggio deve essere preso in considerazione per idroceli più grandi o quando il campo chirurgico non è emostaticamente perfetto. La ferita viene chiusa a strati con sutura assorbibile. Per ridurre l'edema postoperatorio, è necessario applicare un supporto scrotale con garza o una medicazione a compressione.

L'aspirazione dell'idrocele combinata con la scleroterapia è un'alternativa alla chirurgia. La risoluzione completa dell'idrocele è rara, sebbene sia possibile ottenere una riduzione parziale delle dimensioni. La procedura viene eseguita utilizzando un ago per aspirare il fluido dall'idrocele e quindi iniettare lo sclerosante. Vari agenti sclerosanti vengono impiegati per questo scopo. Teoricamente, i tentativi di aspirazione possono introdurre batteri nel sacco dell'idrocele e possono quindi contaminare il fluido e portare ad un problema più serio.

Idrocele: cura naturale

La causa più comune di un idrocele è lo stile di vita non adeguato. Qui di seguito, ecco alcuni modi efficaci per curarlo naturalmente:

  • Dieta: si dovrebbero mangiare mele, pere, uva, arance, melone ed evitare i prodotti in scatola. Il succo di limone spremuto in un bicchiere d'acqua con un po' di zucchero è un toccasana. Il pasto di mezzogiorno può comprendere una varietà di verdure, con un uovo. L'ultimo pasto del giorno dovrebbe contenere verdure miste, con pane integrale. È fondamentale evitare liquori, tè o caffè espresso, sottaceti, aromi e fumo.
  • Clistere con acqua tiepida.
  • Arnica e Conium: i migliori farmaci omeopatici per l'idrocele causato da lesioni, colpi, cadute, contusioni, incidenti e traumi; risponde molto bene all'Arnica. I testicoli si gonfiano e assumono un aspetto rosso-bluastro, casi in cui l'Arnica si rivelerà la più efficace tra i farmaci omeopatici. La condizione è ulteriormente caratterizzata da dolore marcato e livido. Il Conium è utile in un idrocele di origine traumatica, con dolori acuti nello scroto, testicoli e cordone spermatico.
  • Berberis Vulgaris, Nux Vomica e Clematis: efficace medicina omeopatica per idrocele con dolore. Berberis Vulgaris è utile per l'idrocele con il bruciore. Nux Vomica è considerata uno dei farmaci omeopatici più idonei per l'idrocele con dolore acuto, mentre Clematis è uno dei migliori farmaci omeopatici per l'idrocele con dolore livido e bruciore ai testicoli. In alcuni casi, il dolore può estendersi dai testicoli all'addome.
  • Clematide e rododendro: Clematis è uno dei farmaci omeopatici più efficaci per l'idrocele del lato destro. La clematide è indicata per chi prova dolore nello scroto e nei testicoli. Il dolore e l'indolenzimento possono anche essere avvertiti nei testicoli e nel cordone spermatico. Il dolore dei testicoli può estendersi all'addome. Per trattare l'idrocele del lato sinistro, il rododendro è una scelta eccellente. Il rododendro è indicato quando il testicolo sinistro è gonfio e doloroso. Il dolore del testicolo può estendersi alle cosce o all'addome.
  • Abrotanum, Pulsatilla e rododendro: per l'idrocele congenito. Queste medicine sono di origine naturale e completamente sicure per l'uso tra i bambini.