Anisocitosi

Contenuto di: Ematologia - Aggiornato il 01/07/2016

L'anisocitosi è una condizione caratterizzata dalla presenza nel sangue di globuli rossi di dimensioni differenti. Questo fenomeno è frequente nelle anemie.

Scopri consigli, prodotti e rimedi

Che cos'è l'anisocitosi?

Globuli_rossi

L’anisocitosi è una condizione medica caratterizzata dalle dimensioni abnormi e variabili dei globuli rossi nel sangue. Le dimensioni dei globuli rossi non sono simili tra loro. Queste dimensioni irregolari sono diagnosticate come un problema diverso dall’anemia, dalla talassemia, ecc.

Quali sono le cause dell'anisocitosi?

Le cause dell'anisocitosi sono molteplici:

  • carenza di ferro
  • anemia sideroblastica
  • carenza di vitamina A
  • deficit di 4-alfa-idrossifenilpiruvato idrossilasi
  • sindrome mielodisplastica
  • malattia da emoglobina H
  • kwashiorkor
  • emoglobina di Bart
  • diseritropoietica congenita di tipo 2
  • carenza di folati
  • carenza di vitamina B12
  • trasfusione di sangue
  • beta talassemia
  • anemia di Diamond-Blackfan

Sintomi dell’anisocitosi

Le funzioni vitali dei globuli rossi sono quelle di trasportare l’ossigeno e le sostanze nutrienti ai diversi tessuti del corpo. In generale, le dimensioni dei globuli rossi sono uguali tra loro, ma quando si verifica l’anisocitosi, i globuli rossi di diversa dimensione causano una diminuzione dell’attività del trasporto di ossigeno e delle sostanze nutritive. Questo influisce sull’intero sistema fisiologico. Con l’anisocitosi, di solito, si avvertono i seguenti sintomi:

  • fatica anche nello svolgere attività non pesanti;
  • stanchezza dopo aver fatto un esercizio fisico non impegnativo;
  • dispnea, mancanza del respiro e difficoltà di respirazione;
  • ipossia, cioè una condizione in cui una zona del corpo è priva di un apporto sufficiente di ossigeno;
  • tachicardia, cioè l’aumento della frequenza cardiaca.

Anche questi sintomi sono comuni in presenza dell’anisocitosi:

  • pallore della pelle, delle unghie e del bulbo oculare;
  • temperatura corporea troppo bassa;
  • freddezza nei palmi delle mani e dei piedi;
  • mal di testa;
  • vertigini.

Anisocitosi alta: quali sono le cause?

L’eritropoiesi, ovvero lo sviluppo dei globuli rossi, ha origine nel midollo osseo. Il rene secerne l'ormone eritropoietina, che stimola il midollo osseo nella produzione dei globuli rossi e dei fattori come la vitamina B12, l’acido folico e il ferro che promuovono la crescita dei globuli rossi. Nell’anisocitosi, i globuli rossi sono sottosviluppati. Le cause possono essere le seguenti.

La carenza di acido folico

L'acido folico è essenziale per la sintesi del DNA, che ha un ruolo fondamentale nella crescita delle cellule e nella divisione cellulare. La carenza di acido folico porta ad avere un DNA anormale e di conseguenza i globuli rossi differiscono in termini di dimensioni.

La carenza di vitamina B12

La funzione della vitamina B12 è simile a quella dell’acido folico. La vitamina B12 che viene secreta dalle ghiandole gastriche aiuta ad assorbire le sostanze nutrienti con l'aiuto di fattori intrinseci. La carenza di vitamina B12 porta degli squilibri nella crescita dei globuli rossi e un cattivo assorbimento delle sostanze nutritive essenziali come l’acido folico e il ferro.

Anemia perniciosa

In questa condizione, l'anomalia di base è nella mucosa gastrica che non riesce a produrre normali secrezioni e fattori intrinseci. In assenza di questi ultimi, la vitamina B12 non è in grado di funzionare correttamente.

Malattie del fegato

Dopo l’assorbimento della vitamina B12 dal tratto gastrointestinale, essa viene prima conservata nel fegato e poi rilasciata lentamente ogni volta che il midollo osseo ne ha bisogno. In caso di malattie del fegato, la conservazione e il rilascio della vitamina B12 viene ostacolato.

Anemia

L’anemia può essere di diversi tipi, ma in ogni caso la quantità di globuli rossi e dell’emoglobina è sempre molto bassa. La condizione può verificarsi a causa della mancanza di ferro, della vitamina B12 o dell’acido folico.

Trasfusione di sangue

Nelle persone che ricevono una trasfusione di sangue spesso si verifica l’anisocitosi causata della mancata corrispondenza delle dimensioni dei globuli rossi del sangue del donatore con quella del sangue del ricevente. Questo è un fattore importante che deve essere preso in considerazione prima della trasfusione di sangue.

Cosa indica un aumento dell'anisocitosi?

L'anisocitosi è la presenza contemporanea, nel sangue, di eritrociti di piccole e grandi dimensioni. Solo l'aumento della anisocitosi eritrocitaria è ritenuta importante ai fini diagnostici.L'aumento di questo parametro è indice di anemie o emoglobinopatie.

Anisocitosi eritrocitaria: cos’è?

Il parametro che indica la variabilità della dimensione dei globuli rossi o eritrociti è il RDW. Quando questo valore risulta alto nelle analisi del sangue, si parla di anisocitosi, ovvero l’aumento della variazione delle dimensioni dei globuli rossi. In caso di eritrociti alti, è necessario sottoporsi a degli esami più approfonditi per capire esattamente la natura del disturbo. 

Anisocitosi in gravidanza

L'anemia tra le donne in età riproduttiva è molto comune, ma quella durante la gravidanza è ancora più probabile. Infatti, durante il primo e il secondo trimestre, il volume del plasma aumenta in modo sproporzionato. D'altra parte, le donne in gravidanza con lieve anemia hanno un aumento della mortalità perinatale e neonatale precoce. Anche quando l'anemia viene notata all'inizio della gravidanza e trattata tempestivamente, vi è comunque un maggior rischio di parto prematuro rispetto ad altre condizioni.

I casi più gravi di anemia (Hb <8 g / dL) sono associati ai maggiori rischi della nascita prematura del bambino, che potrebbe essere sottopeso.  Inoltre, in questi casi, è possibile che venga effettuata una trasfusione, in particolare tra le pazienti che dovranno effettuare il parto cesareo. 

Come può essere diagnosticata l'anisocitosi?

L'anisocitosi può essere diagnosticata tramite un esame emocromocitometrico. In particolare il medico valuterà i valori MCV (volume corpuscolare medio) che risultano superiori o inferiori alla norma a causa rispettivamente della presenza di macrociti e microciti. La diagnosi di anisocitosi è particolarmente importante in gravidanza.

Macrociti e microciti

I macrociti sono globuli rossi di dimensioni maggiori della norma, mentre i microciti sono eritrociti di dimensioni inferiori alla norma. Sono caratteristici rispettivamente dell'anemia macrocitica e dell'anemia microcitica.

Quali sono i trattamenti per l'anisocitosi?

Il trattamento dell'anisocitosi prevede la cura della malattia di base.

Scopri consigli, prodotti e rimedi

Argomenti: beta talassemia analisi del sangue volume dei globuli rossi anisocitosi anemia di Diamond-Blackfan carenza di vitamina A
Creatinina_alta
Creatinina alta

Se dall'esame del sangue o delle urine si evince un valore di creatinina alta, significa che qualcosa a livello dei reni non funziona.

Piastrine_alte
Piastrine alte (valore piastrine)

In questa pagina scopri il valore sano delle piastrine. Con il termine piastrine alte ci si riferisce usualmente alla trombocitosi, una particolare patologia che ha come caratteristica principale un elevatissimo...

Albumina
Albumina

L'albumina è una proteina prodotta dal fegato e contenuta anche nel latte e nell'albume dell'uovo.

Missing
Azotemia

L’azotemia misura la quantità di scorie derivanti dalla sintesi delle proteine contenute nel sangue; più specificatamente esprime la concentrazione di azoto non proteico nel nostro sangue.

Missing
Basofili

i basofili sono globuli bianchi che intervengono nelle reazioni di ipersensibilità immediata provocando la liberazione di istamina.

Colesterolo_totale
Colesterolo totale

Il colesterolo è una sostanza grassa indispensabile per l'organismo poiché interviene in alcuni importanti processi come la secrezione della bile, lo sviluppo delle reti neuroniche e l’assorbimento della vitamina D....

Elettroforesi
Elettroforesi

L'elettroforesi è un esame eseguito per individuare proteine quali albumina, alfa 1 globuline, alfa 2 globuline, beta globuline, gamma globuline.

Missing
Ematocrito

L'ematocrito è il volume percentuale di sangue che è costituito da cellule. Elevati valori indicano un aumento della densità del sangue.

Lab
Esame ferritina

L'esame della ferritina è una procedura medica effettuata per verificare la quantità di ferritina presente nel sangue.

Globuli_bianchi
Globuli bianchi

I globuli bianchi sono cellule coinvolte nella risposta immunitaria, grazie alle quali il corpo umano si difende dagli attacchi di microorganismi ostili.

Torna su