Cura della tallonite

Contenuto di: Ortopedia e traumatologia - Aggiornato il 23/09/2013
655
 
17
 
32
Google +

La tallonite generalmente indica una patologia infiammatoria che causa una condizione dolorosa del tallone, ovvero la parte posteriore del piede, inferiore al calcagno. In ambito medico la tallonite è nota con il nome di tallodinia o di talalgia plantare. Per la cura della tallonite è consigliato un assoluto riposo e, solo in rari casi, si ricorre alla chirurgia.

Scopri consigli, prodotti e rimedi

Foto illustrativa  su Pazienti

Cosa è la tallonite?

La tallonite generalmente indica una patologia infiammatoria che causa una condizione dolorosa del tallone, ovvero la parte posteriore del piede, inferiore al calcagno. In ambito medico la tallonite è nota con il nome di tallodinia o di talalgia plantare.

Quali sono le cause della tallonite?

Le cause della tallonite possono essere condizionate da molti aspetti. La tallonite può può avere origini neurologiche, metaboliche o congenite. Tra le cause più comuni troviamo:

  • postura errata: utilizzo dei tacchi alti
  • borsite: un'infiammazione delle borse sierose retrocalcaneari o sottocutanee che favoriscono lo scorrimento delle strutture periferiche del tendine
  • tendinopatia inserzionale: infiammazione causata da alcuni sport, come la corsa o il calcio, nei quali è sollecitata la zona calcaneare
  • fascite plantare: infiammazione della muscolatura della pianta del piede causata da un'eccessiva sollecitazione del tallone
  • frattura da stess: una frattura ossea legata a microtraumi ripetuti nel tempo
  • malattie dismetaboliche: come per esempio la gotta, una patologia in cui un aumento della produzione di acido urico è all'origine di un progressivo accumulo di cristalli di acido urico e di conseguenti dolorose infiammazioni a livello articolare
  • reumatismi
  • sperone (spina) calcaneare: crescita anomala del tessuto osseo del calcagno

Chi soffre di tallonite?

La tallonite colpisce soprattutto persone di età superiore ai 40 anni e in sovrappeso. Negli sportivi è più facile che insorga l'infiammazione, soprattutto quando la parte del calcagno è sottoposta a continue sollecitazioni.

Quali sono i sintomi della tallonite?

I sintomi della tallonite sono legati al tipo di disturbo che dà origine all'infiammazione. Genericamente, si manifesta come dolore nell'area del tallone e del calcagno, molto intenso la mattina quando ci si alza dal letto e ogni volta che ci si mette in piedi dopo essere stati seduti o fermi per molto tempo. Se il fastidio è più diffuso ed esterno il problema potrebbe essere una tendinite dell'achilleo.

Quali terapie sono consigliate per la cura della tallonite?

Le terapie consigliate per la cura della tallonite variano a seconda delle cause scatenanti. Mirate tecniche di indagine diagnostica (esami radiografici, ecografia, risonanza magnetica nucleare) sono utilizzate per stabilire con esattezza l'origine dell'infiammazione. È di solito necessario un periodo di riposo del tallone di 15 giorni. Nei casi migliori la tallonite evolve spontaneamente verso la guarigione dopo la prima settimana. Nel caso che, trascorsi 15 giorni, non vi siano miglioramenti di alcun genere, è opportuno rivolgersi allo specialista ortopedico. Oltre al riposo altre tipologie di intervento sono lo stretching per mantenere la flessibilità dei tessuti, l'utilizzo di talloniera, la mesoterapia, le infiltrazioni e la fisioterapia. La chirurgia è consigliata solo in casi di fascite plantare o borsite particolarmente seri ed altrimenti irreversibili.

In quali casi sono consigliate le terapie di mantenimento per la tallonite?

Le cosiddette terapie di mantenimento sono sconsigliate nella maggior parte dei casi poiché rischiano di aggravare la tallonite. Per esempio, i farmaci antinfiammatori e quelli antidolorifici sono solitamente controindicati perché, sopprimendo il dolore, consentono un carico che non è detto che la struttura ossea possa in realtà reggere. Solo dopo che la tallonite è guarita è opportuno usare un plantare fatto ad hoc, utile nei casi di cause dell'infiammazioni anatomiche e non rimosse.

Argomenti: fascite plantaretallodinitetallonitefascia plantaredolore al calcagnotendinopatia
Ferritina e piastrine alte: cosa fare?
Dr. Marco Castellazzi Medico Chirurgo | Torino

La vera terapia che puoi seguire è semplicemente un attento controllo dei valori ogni 6 mesi. In caso di valori più elevati esistono delle terapie specifiche. Se in futuro il...

Leggi tutto
Aree pseudonodulari al fegato e valori alterati: è recidiva di neuroblastoma?
Dr. Carlo Pastore Medico Chirurgo | Latina

A mio avviso per quanto hai descritto occorrerebbe eseguire una biopsia di una delle aree, per avere delle risposte adeguate. La cinetica delle cellule neoplastiche, ammesso che si tratti di recidiva,...

Leggi tutto
Artrite reumatoide: che cos'è e come si diagnostica?
Prof. Dott. Alfonso Oriente Medico Chirurgo | Napoli

L'artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica di origine autoimmune. Colpisce prevalentemente le articolazioni simmetriche, ma anche tendini, muscoli ed altri tessuti dell'organismo. I sintomi comunemente associati all'artrite reumatoide interessano...

Leggi tutto
Ferritina alta: può essere causata da un calcolo alla colecisti?
Dr. Domenico Labonia Medico Chirurgo | Modena

Gentile Signora, escludo che il calcolo della colecisti, in quanto tale, possa causare un incremento della ferritina. Esistono invece alcune condizioni patologiche, come le anemie emolitiche, che possono essere alla...

Leggi tutto
Ciclo mestruale in ritardo e ferritina alta: devo preoccuparmi?
Dr. Luigi Cetta Medico Chirurgo | Roma

L'emocromo è buono, e perdendo peso il fisico si difende in questo modo. Devi fare un consulto con uno specialista per chiarire molte cose. Saluti

Leggi tutto
Ferritina alta: come abbassarla?
Maria Papavasileiou Nutrizionista | Milano

Buongiorno, l’iperferritinemia è una malattia correlata al sovraccarico di ferro nel sangue. La ferritina aumenta per vari motivi come nei casi di infiammazione di qualche organo, o comunque in caso...

Leggi tutto
Ferritina alta dopo chemioterapia:quali cause?
Dr. Piero Gaglia Medico Chirurgo | Torino

La Ferritina è la proteina di deposito del ferro nell'organismo. Da un punto di vista clinico valori sotto la norma suggeriscono una possibile perdita cronica di sangue. Valori sopra la norma sono...

Leggi tutto
Ferritina alta e tendiniti: c'è relazione?
Dr. Giorgio Rotundo Medico Chirurgo | Roma

L'unica correlazione che mi viene in mente è che una elevata attività fisica può provocare entrambe le cose. Ma per il resto non ho in mente alcuna relazione specifica. Saluti

Leggi tutto
Ferritina alta e sla: che esami fare?
Dr. Aniello Cusati Medico Chirurgo | Milano

La ferritina è un indice aspecifico infiammatorio. Non si capisce se la diagnosi di SLA sia già stata fatta. Nè se tu abbia altre malattie in atto. Chiedi consiglio al...

Leggi tutto
Ferritina alta: cosa fare?
Dr. Matteo Gino Luigi Borsati Medico Chirurgo | Torino

Bisogna vedere il suo emocromo. Mcv basso e ferritina alta significano forme di talassemia minor o simili, (anemie mediterranee). Poi la ferritina alta puo significare, con sideremia elevata, emocromatosi, una malattia...

Leggi tutto

Tiroidite

La tiroidite è un'infiammazione della tiroide che ne comporta il rigonfiamento... Continua a leggere...

Noduli alla tiroide

I noduli alla tiroide sono un'alterazione della ghiandola tiroidea... Continua a leggere...

Scopri consigli, prodotti e rimedi

Torna su
ShareThis Copy and Paste