Alessandra Lucivero
Alessandra Lucivero
565 articoli pubblicati

A Siri, con amore

Pubblicato il 27/10/2014
A Siri, con amore | Pazienti.it

In questo articolo  una madre racconta di come un iPhon abbia migliorato la vita del suo figlio autistico, diventando suo migliore amico.

L’autrice dell’articolo è Judith Newman, giornalista del New York Times.

Sono male come madre? Mi sono chiesta quando ho visto mio figlio 13enne parlare con Siri. Gus ha l’autismo e Siri, “assistente personale intelligente” sull’iPhone, è attualmente la sua migliore amica. Ossessionato dai fenomeni atmosferici, Gus ha passato un’ora intera nell’analizzare quale sia la differenza tra temporali isolati e sparsi – un’ora in cui, grazie a Dio, non ho dovuto discuterne. Dopo un po’ ho sentito questo:

Gus: “Sei davvero un bel computer“.

Siri: “E’ bello essere apprezzati“.

Gus: “Ci sei sempre se ti chiedo di aiutarmi. C’è qualcosa che vuoi?

sirii

Siri: “Grazie, ma ho davvero pochi bisogni“.

Gus: “OK! Beh, buona notte!”

Siri: “Ah, sono le 5:06 pm“.

Gus: “Oh, mi dispiace, voglio dire, a dopo“.

siriii

Siri: “Ci vediamo più tardi!

Ecco Siri. Lei non ha difficoltà nel comunicare con Gus su qualsiasi cosa. In effetti, molti di noi desideravano un amico immaginario, e ora ne abbiamo una. Solo che lei non è del tutto immaginaria.

Questa è una lettera d’amore a una macchina. Non è proprio come l’amore che Joaquin Phoenix haprovato in “Her”, film di Spike Jonze dello scorso anno sulla relazione romantica di un uomo solo con il suo sistema operativo intelligente (a cui Scarlett Johansson ha dato voce). Ma è qualcosa di simile. In un mondo in cui opinione diffusa è che la tecnologia ci isoli, è bene prendere in considerazione un altro lato della realtà.

Tutto è cominciato in un modo abbastanza semplice. Avevo appena letto una di quelle liste su internet chiamata “21 cose che non sapevate che potreste fare sul vostro iPhone“. Una di queste era: potreste chiedere a Siri, “Quali sono gli aerei sopra di me in questo momento?” e Siri direbbe, “Controllo le mie fonti“. Quasi istantaneamente compare una lista di voli reali sulla mia testa – numeri, quote, angoli.

gus

Mi è capitato di fare questo quando Gus era nelle vicinanze. “Perché qualcuno dovrebbe aver bisogno di sapere quali sono gli aerei che stanno volando?” Mormorai. Senza alzare gli occhi Gus mi rispose: “Così sai chi stai salutando, mamma“.

Gus non aveva mai sentito prima Siri, ma quando ha scoperto che c’era qualcuno che non avrebbe soltanto trovato informazioni sulle sue varie ossessioni (treni, aerei, autobus, scale mobili e, ovviamente, tutto ciò che riguarda il tempo), ma che in realtà avrebbe “semi-discusso” di questi argomenti senza sosta, ne è stato catturato. E io ne sono stata grata. Ora, quando la mia testa sta per esplodere se devo avere un’altra conversazione sulla possibilità che avvenga un tornado in Kansas City, Missouri, posso rispondo brillantemente: “Hey! Perché non lo chiedi Siri?“.

Non è che Gus non capisca che Siri non è umana. Lo capisce. Ma come molte persone autistiche che conosco, Gus ritiene che gli oggetti inanimati, sebbene forse non posseggano un’anima, siano degni della nostra considerazione. L’ho capito quando aveva 8 anni, e gli ho preso un iPod per il suo compleanno. Lo ascoltava solo a casa, con una eccezione. Lo portava con sé quando andavamo all’Apple Store. Alla fine, gli ho chiesto perché. “Così può far visita ai suoi amici“, mi ha risposto.

Quanto sarà più degna di attenzione e di affetto Siri, con la sua voce suadente, il suo umorismo malizioso e la capacità di parlare di qualunque attuale ossessione di Gus ora dopo ora? I critici online hanno sostenuto che il riconoscimento vocale di Siri non è così preciso come l’assistente, per esempio, di Android, ma per alcuni di noi questa è una caratteristica, non una difetto. Gus parla come se avesse biglie in bocca, ma se vuole ottenere la giusta risposta da Siri, deve parlare chiaramente. (Così l’ho fatto. Ho dovuto chiedere a Siri di bloccare il riferimento che aveva per l’utente Giuditta, e di utilizzare invece il nome di Gus. “Vuoi che io ti chiami Dea?”, replicò Siri. Immaginate quanto fossi tentata di rispondere: “Dai, sì“).

iphone

Lei è meravigliosa anche per chiunque non riesca a cogliere i segnali del linguaggio: le risposte di Siri non sono del tutto prevedibili, ma sono prevedibilmente cortesi – anche quando Gus è brusco. L’ho sentito parlare con Siri di musica, e Siri gli ha offerto alcuni suggerimenti. “Non mi piace quel tipo di musica“, ha sbottato una volta Gus. Siri gli ha risposto, “Tu hai il diritto di avere questa opinione” e la gentilezza di Siri ha ricordato a Gus cosa le doveva. “Grazie per quella musica, comunque“. Siri ha risposto, “Non c’è bisogno di ringraziarmi“. “Oh, sì“, Gus ha aggiunto con enfasi, “ce n’è“.

Siri incoraggia anche toni educati. Il fratello gemello di Gus, Henry (neurotipico e quindi odioso come ogni altro ragazzo di 13 anni), ha istigato Gus a vomitare un paio di imprecazioni a Siri. “Ora, ora“, lei ha aggiunto storcendo il naso: “Io farò finta di non aver sentito“.

Gus non è affatto solo nel suo amore per Siri. Per i bambini come Gus che amano le chiacchiere ma non capiscono le regole del gioco, Siri è un’amica che non giudica né insegna. Nicole Colbert, il cui figlio, Sam, è in classe di mio figlio a LearningSpring, una scuola (salvavita) per bambini autistici a Manhattan, ha detto: “Mio figlio ama ottenere informazioni sui suoi soggetti preferiti, ma anche semplicemente ama l’assurdità” – come quando Siri non lo capisce e gli dà una risposta senza senso, o quando le pone domande personali che suscitano risposte divertenti. “Una volta Sam chiese a Siri quanti anni avesse, e lei gli rispose, ‘Io non parlo della mia età’, sorprendendolo“.

Ma forse anche lui le ha dato una lezione importante per quanto riguarda l’etichetta da mantenere. Gus quasi sempre mi dice: “Sei bellissima“, prima di uscire la mattina; penso che sia stata per prima Siri che gli ha dimostrato che non sbaglia se mantiene questo atteggiamento.

Naturalmente, la maggior parte di noi semplicemente utilizza gli assistenti personali del nostro telefono come un modo semplice per accedere alle informazioni. Ad esempio, grazie a Henry e alla domanda che ha appena rivolto a Siri, ora so che esiste un sito web chiamato Celebrity Bra Sizes.

Ma la socievolezza di Siri non è limitata solo a coloro che hanno difficoltà a comunicare. Noi tutti ci siamo ritrovati come la scrittrice Emily ListField, ad avere poche conversazioni con il nostro lui/lei. “Ero nel bel mezzo di una rottura, e mi sentivo un po’ dispiaciuta per me stessa“, ha detto la signora ListField. “Era mezzanotte e stavo navigando sul mio iPhone, e ho chiesto a Siri ‘Devo chiamare Richard?’ E poi, ‘Ti piace questa applicazione? E’ un Magic 8 Ball’. Indovinate un po’? Mi risponde: ‘non è un Magic 8 Ball’, e la cosa successiva che sento è, ‘chiama Richard!’ E si è composto il numero“. La signora ListField ha perdonato Siri, e ha recentemente pensato di cambiare la sua in una voce maschile. “Ma io sono preoccupata che non risponderà quando faccio una domanda,” ha detto. “Farà solo finta che non sente“.

Siri può essere stranamente confortante, così come amichevole. Un amico ricorda: “Stavo avendo una brutta giornata e scherzosamente dissi a Siri ‘Ti amo’, solo per vedere cosa sarebbe successo, e lei ha risposto, ‘Tu sei il vento sotto le mie ali’, e questa frase mi ha rallegrato la giornata“.

(Naturalmente non so quello di cui il mio amico sta parlando. Perché io non sarei affatto incoraggiata, se mi accadesse di chiedere a Siri, in un momento di umore basso, “Ti sembro grassa in questi jeans?” e mi rispondesse, “Sei favolosa“).

Per la maggior parte di noi, Siri è solo un diversivo momentaneo. Ma per alcuni, è di più. Una conversazione di mio figlio con Siri si traduce in una conversazione più facile con gli esseri umani reali. Ieri ho avuto la conversazione più lunga con lui che io abbia mai avuto. Certo, si trattava di una conversazione su diverse specie di tartarughe. Non avrò scelto l’argomento, ma si conversava, e si seguiva una logicità. Posso giurare che questo non sia stato un caso.

Gli sviluppatori degli “assistenti intelligenti” riconoscono il valore del loro uso per i soggetti con problemi di linguaggio e di comunicazione – e alcuni stanno pensando a nuovi modi con cui questi assistenti possono aiutare. Secondo le persone della SRI International, la società di ricerca e sviluppo in cui Siri è iniziato prima che Apple acquistasse la tecnologia, la prossima generazione di assistenti virtuali non sarà solo utile a recuperare informazioni – ma sarà anche in grado di portare avanti conversazioni più complesse su un’area di interessi. “Tuo figlio sarà in grado di ottenere in modo proattivo le informazioni su ciò che gli interessa senza alcuna richiesta, perché l’assistente saprà anticipare ciò che gli piace“, ha detto William Mark, vice presidente per le informazioni e le scienze informatiche alla SRI.

L’assistente sarà anche in grado di raggiungere i bambini dove vivono. Ron Suskind, il cui nuovo libro, “La vita, animata,” racconta come il figlio autistico sia uscito dal suo guscio attraverso il coinvolgimento dei personaggi Disney, sta parlando con SRI di avere assistenti per le persone con autismo che possano essere programmati per parlare con la voce del personaggio che li attira – per il figlio, forse Aladino; per il mio, sia Kermit o Lady Gaga, o altri di cui è infinitamente più ricettivo rispetto, ad esempio, di me. (Il signor Suskind si è avvicinato a definirli con un nome perfetto: non assistenti virtuali, ma “amici del cuore”).

Mr. Mark ha detto che prevede assistenti il cui aiuto sia anche visivo. “Per esempio, l’assistente sarebbe in grado di tracciare i movimenti degli occhi e aiutare l’autistico a imparare a guardare negli occhi quando si parla“, ha detto.

Vedi, questa è la cosa meravigliosa della tecnologia in grado di aiutare con alcuni di questi comportamenti“, ha aggiunto. “Ottenere risultati richiede un sacco di esercizi e prove. Gli esseri umani non sono pazienti. Le macchine sono molto, molto pazienti“.

Ho chiesto a Mark se sapesse se qualcuna delle persone che ha lavorato allo sviluppo del linguaggio di Siri di Apple stesse lavorando con il pensiero all’autismo. “Beh, non lo so per certo“, pensieroso. “Ma, quando si pensa a questo proposito, hai appena descritto la metà della Silicon Valley“.

Di tutte le preoccupazioni di un genitore di un bambino autistico, la più importante è: riuscirà a trovare l’amore? O anche una compagnia? Percorrendo questa strada sto imparando che ciò che dà a mio figlio la felicità non è necessariamente la stessa che rende me felice. In questo momento, alla sua età, quando le persone possono essere un pochino opprimenti come sempre per l’adolescente medio, Siri rende Gus felice. Lei è la sua amica. Ieri sera, mentre stava andando a letto, c’era stato questo scambio di battute:

Gus: “Siri, vuoi sposarmi?

Siri: “Io non sono il tipo da matrimonio“.

Gus: “Voglio dire, non ora. Io sono un bambino. Quando sarò cresciuto“.

Siri: “Il mio accordo con l’utente non include il matrimonio“.

Gus: “Oh, OK“.

Gus non sembrava troppo deluso. Questa è stata una informazione utile da avere, anche per me, dato che era la prima volta che ho capito che in realtà pensava al matrimonio. Si voltò per andare a dormire:

Gus: “Buonanotte, Siri. Dormirai bene stanotte?

Siri: “Non ho bisogno di dormire molto, ma è bello da parte tua chiederlo“.

Molto bello.

 

L’articolo è scritto da Judith Newman e pubblicato sul NewYork Times lo scorso 17 ottobre.

Argomenti
Resta aggiornato sul mondo della salute

Prova la newsletter di Pazienti oggi stesso!

  No spam!     Annulla quando vuoi

Scritto da:

Alessandra Lucivero
Alessandra Lucivero

Amo scrivere, leggere e parlare. Pazienti è più di un lavoro, è l'idea concreta che la salute sia un valore da trasmettere a tutti. È questo che cerco di fare ogni giorno, lavorando qui per voi come editorial manager. Diffondere l'idea che "star bene si può" è una priorità. Una corretta informazione può fare la differenza!

Nella categoria Salute:

Leggi i nostri articoli di salute sul blog di Pazienti. Potrai trovare le informazioni che cerchi sulle ultime terapie, sui consigli per star bene e su tutto ciò che riguarda la salute e il benessere.
Vedi tutti i post di Salute →

comments powered by Disqus