Caduta dei capelli dopo l’estate? Renderli più forti è possibile, se sai come fare

Pubblicato il 05/09/2017
Caduta dei capelli dopo l’estate? Renderli più forti è possibile, se sai come fare | Pazienti.it

Alla fine dell’estate bisogna fare i conti non solo con lo stress da rientro ma anche con il pessimo stato di salute dei nostri capelli. Il cloro, l’acqua salata, l’esposizione prolungata al sole, l’aria condizionata, l’inquinamento e le alte temperature indeboliscono notevolmente il capello, provocandone l’invitabile rottura e caduta. La caduta dei capelli è una condizione fisiologica normale: possiamo perdere più di 100 capelli al giorno, un numero irrisorio se si pensa alla totalità dei circa 100 mila capelli che mediamente una persona ha in testa.

Durante il corso della nostra vita i capelli cadono e si riproducono centinaia di volte ad una velocità più o meno costante che tende a rallentarsi dopo la mezza età. In condizioni normali il capello cade staccandosi direttamente dal cuoio capelluto. Contrariamente, in caso di capelli deboli, esso si spezza lungo la sua lunghezza o alle punte, piuttosto che direttamente dalla testa. Rafforzare i capelli, però, è assolutamente possibile.

Come rafforzare i capelli indeboliti?

I capelli rappresentano un biglietto da visita della nostra immagine: capelli folti, lucenti e ben curati sono di gran lunga più belli da ammirare rispetto a capelli fragili, scoloriti, opachi e con doppie punte. Ed è proprio quest’ultima l’immagine dei nostri capelli a fine estate.

Caduta dei capelli: come renderli più forti e resistenti

Ecco alcuni suggerimenti per rinforzare i capelli indeboliti:

  • Scelta dei prodotti: optare per prodotti delicati ricchi di proteine e aminoacidi, il più possibile naturali e non aggressivi.
  • Utilizzo del phon: utilizzare il gettito caldo partendo dalle radici fino alle estremità. Prima di procedere con l’asciugatura tamponare i capelli con un asciugamano in modo da asciugare i follicoli del capello e nutrire il pelo con una maschera ricca di proteine.
  • Prodotti chimici: ridimensionare per quanto possibile l’utilizzo di coloranti, spesso ricchi di alcool e candeggina che possono nel lungo termine provocare danni irrimediabili alla salute del capello. Scegliere prodotti di styling contenenti alcool stearilico, un alcol grasso che aiuta a rafforzare e ammorbidire i capelli deboli.
  • Limitare l’uso di superfici calde: phon, arriccia capelli e piastre liscianti indeboliscono notevolmente il capello. La sua umidità, unitamente al caldo delle superfici, generano il consueto effetto crespo.
  • Cambiare stile ogni giorno: acconciare i capelli ogni giorno in modo diverso, preferire il capello sciolto a quello con treccia o coda. Elastici e altri accessori tirano i capelli e a lungo termine li indeboliscono. Nei casi in cui non riuscite a fare a meno di tenere i capelli raccolti optate per elastici per capelli privi di metalli.
  • Spazzolare i capelli: l’attrito della spazzola sui capelli ne causa sovente la rottura. È fortemente sconsigliato spazzolare capelli bagnati.
  • Doppie punte: è possibile contrastarle provvedendo a tagliare le estremità dei capelli ogni 6/8 settimane, a supporto utilizzare oli idratanti sulle punte.
  • Cuoio capelluto: la salute del capello è strettamente legata allo stato del cuoio capelluto. Per capelli crespi e asciutti è bene applicare sul cuoio capelluto degli oli idratanti, per capelli particolarmente oleosi utilizzare prodotti antiforfora.
  • Dieta sana: il capello, come la pelle, risente particolarmente del tipo di alimentazione. Capelli deboli e sfibrati sono spesso il risultato di una dieta malsana e bassa di apporto calorico. Vitamine, minerali, proteine sono gli ingredienti primari per capelli forti.
  • Acqua: una buona idratazione è la chiave di lettura per capelli elastici e in salute, a tal proposito bere i canonici 8 bicchieri d’acqua durante la giornata.

Se anche adottando questi suggerimenti i vostri capelli continuano a cadere e a spezzarsi è bene consultare un dermatologo e sottoporsi ad un controllo più accurato della propria cute per verificare la presenza o meno di determinate condizioni mediche (stress, cambiamenti ormonali, alimentazione poco proteica, problemi alla tiroide). La caduta dei capelli, infatti, può essere associata a diverse condizioni e patologie: mai sottovalutare il loro stato di salute.

Badate bene ai vostri capelli!

Vuoi approfondire l'argomento con uno specialista?

Scrivi al medico Parla con un medico
Scritto da:
54 articoli pubblicati

Commenta questo articolo:

comments powered by Disqus