Globuli bianchi alti: cosa sta succedendo?

Pubblicato il 11/01/2018
Globuli bianchi alti: cosa sta succedendo? | Pazienti.it

I leucociti, detti anche globuli bianchi, sono elementi sferoidali, dotati di nucleo necessari per difendere l’organismo dalle infezioni virali, batteriche o micotiche e, più in generale, da ogni minaccia esterna. Quando i globuli bianchi sono particolarmente alti, cosa sta succedendo al nostro organismo? Vediamolo insieme.

Cosa sono e i valori dei globuli bianchi

I globuli bianchi non contengono emoglobina e sono in rapporto di 1 a 1.000 con i globuli rossi. In particolare, ogni globulo bianco, al contrario delle altre cellule del sangue, è dotato di nucleo. È inoltre importante sapere che i leucociti vengono sintetizzati a livello del midollo osso ma sono presenti in ogni distretto del corpo, soprattutto nel torrente ematico e nel sistema linfatico.

I globuli bianchi costituiscono solo circa l’1% del volume del sangue. Al contrario, gli eritrociti, o globuli rossi, rappresentano ben il 40-45% del volume ematico totale: nonostante queste differenze in termini di volume percentuale, i globuli bianchi e rossi sono indispensabili al corretto funzionamento dell’organismo.

In funzione della morfologia e del ruolo svolto, i leucociti possono essere classificati in:

  • Neutrofili
  • Eosinofili
  • Basofili
  • Linfociti
  • Monociti

I valori normali di globuli bianchi sono compresi tra 4.500 a 11.000 per µL. La composizione dei globuli bianchi (formula leucocitaria) è così composta:

  • Neutrofili: 70-80%
  • Linfociti: 20-30%
  • Monociti: 6-8%
  • Eosinofili: 1-4%
  • Basofili: 0-1%

Il test ematico che valuta la concentrazione nel sangue dei globuli bianchi è un utile indicatore poiché può rilevare leucocitosi, ovvero un valore elevato relativo alla concentrazione nel sangue di leucociti, o leucopenia, ovvero un valore basso di leucociti nel sangue.

Le cause dei globuli bianchi alti

In linea generale, la condizione nota come leucocitosi, ovvero valori alti relativi ai globuli bianchi, indica un’attivazione del sistema immunitario che sta tentando di difendere l’organismo da “minacce” esogene o endogene quali infezioni virali, micotiche o batteriche, emorragie, tumori o uso di farmaci.

In casi più rari, la leucocitosi (leucociti alti) può essere causata da patologie del midollo osseo che determinano una eccessiva produzione di globuli bianchi.

Più spesso, le cause dei globuli bianchi alti sono più semplici: anche l’influenza può determinare questa condizione.

Altri fattori non patologici che possono causare alterazioni dei normali valori dei leucociti sono rappresentati da fumo, stress, gravidanza, parto ed eccessiva attività fisica.

In caso di leucocitosi, è ovviamente opportuno rivolgersi al proprio medico il quale, in funzione dei sintomi e della storia clinica del paziente, potrà effettuare la diagnosi più appropriata che spieghi le cause dei globuli bianchi alti e le ragioni più probabili di eventuali valori alti dei leucociti.

In linea generale, è fondamentale capire quale tipo di globulo bianco è incrementato per definire quale tipo di patologia è in atto. In particolare:

  • Aumento dei neutrofili (neutrofilia) – Può essere correlato a infezioni acute, infiammazioni croniche, reazioni leucemoidi, infarto miocardico.
  • Aumento dei linfociti (linfocitosi) – È spesso causato da malattie infettive virali acute, infezioni croniche e leucemie linfatiche, epatiche.
  • Aumento di monociti (monocitosi) – È correlato a sindromi mieloproliferative (leucemie, linfomi, mielomi, istiocitosi), infezioni croniche, malattie autoimmuni, neoplasie maligne, affezioni gastrointestinali.
  • Aumento degli eosinofili (eosinofilia) – È legato ad affezioni allergiche e parassitarie
  • Aumento dei basofili (basofilia) – Può essere causato da leucemia mieloide cronica, policitemia, colite ulcerosa, artrite reumatoide, carenza di ferro, neoplasie, infezioni e malattie metaboliche.

Qualsiasi sia la causa, rivolgetevi al vostro medico: è importante affinché la diagnosi sia davvero accurata.

Vuoi approfondire l'argomento con uno specialista?

Scrivi al medico Parla con un medico
Elisabetta Ciccolella
Scritto da:
191 articoli pubblicati
Categoria: Salute

Commenta questo articolo:

comments powered by Disqus