Le complicanze di una colecistite

Pubblicato il 09/11/2017
Le complicanze di una colecistite | Pazienti.it

La colecistite è un’infiammazione della colecisti (cistifellea), un piccolo organo piriforme situato nella parte inferiore del fegato. La sua funzione è quella di accumulare al suo interno la bile prodotta dalle cellule del fegato, che risulta fondamentale per la normale digestione dei lipidi.

In alcuni casi, però, possono formarsi dei calcoli alla colecisti (calcoli biliari) e il normale decorso della bile risulta bloccato. Cosa succede in questo caso? L’organo si infiamma e compare la famosa colecistite. Attenzione, però! La colecistite può avere diverse complicanze non del tutto piacevoli. Eccole.

Le complicanze di una colecistite

Come abbiamo visto, la colecistite acuta può a sua volta portare a serie complicanze, che comprendono:

  • Infezioni della colecisti – Se la bile tende a accumularsi all’interno della colecisti, può innescare un’infezione.
  • Danni alla colecisti – Se non trattata, la colecistite può provocare la progressiva morte del tessuto della colecisti (gangrena). Si tratta della complicanza più diffusa, soprattutto nelle persone anziane, in coloro che sono in attesa di un adeguato trattamento e nelle persone che soffrono di diabete.
  • Perforazione della colecisti – La colecisti può apparire addirittura perforata in seguito a un infezione o a una necrosi tissutale.

Per non incorrere in queste complicazione è bene conoscere la malattia in tutti i suoi dettagli – partendo dai sintomi e dalle cause – per poterla così curare al meglio.

I sintomi di una colecisti infiammata

Il segnale più comune che indica che è in corso un’infiammazione della colecisti è il dolore addominale che può durare anche diverse ore. Questo, generalmente, si presenta localizzato nella parte superiore destra dell’addome ma può anche irradiarsi alla schiena. Il dolore causato dalla colecistite è percepito come una fitta o un crampo.

Colecistite: ecco i sintomi di una colecisti infiammata

Altri sintomi della colecisti infiammata comprendono:

  • Feci color verde
  • Nausea
  • Febbre
  • Ittero
  • Perdita di appetito
  • Gonfiore addominale

Ricordiamo che molti di questi campanelli di allarme tendono a manifestarsi in seguito ai pasti, soprattutto se particolarmente ricchi di grassi.

Riconoscere le cause

Le cause della colecistite sono molteplici e possono comprendere:

  • Calcoli biliari – Spesso la colecistite è causata da piccoli sassolini che si formano all’interno della colecisti che vanno a ostruire i dotti biliari attraverso cui fluisce la bile, prima di essere riversata nell’intestino. Quando la bile si accumula, generalmente compare l’infiammazione.
  • Cancro – Una formazione neoplastica può impedire il normale decorso della bile, causando l’accumulo che poi porta alla colecistite.
  • Ostruzione del dotto biliare – Un anomalo restringimento del dotto biliare può portare alla malattia.
  • Infezioni – L’AIDS e altre infezioni possono anch’esse dare il via a una infiammazione e carico della colecisti.
  • Problemi vascolari – Patologie gravi a carico dei vasi possono ridurre il flusso sanguigno diretto alla colecisti e provocarne un’infiammazione.

Prevenire la colecistite

Se si vogliono ridurre al minino le probabilità di una colecisti infiammata, è possibile:

  • Perdere peso gradualmente – Dimagrire in poco tempo può aumentare i rischi di calcoli biliari. Se si ha intenzione di dimagrire, è consigliabile perdere al massimo 1 kg a settimana. Evitiamo le diete drastiche!
  • Riuscire a mantenere il proprio peso forma – Essere in sovrappeso è un ulteriore fattore di rischio per la formazione dei calcoli biliari. È quindi importante seguire una dieta equilibrata accompagnata a un regolare esercizio fisico. consigliabile infatti ridurre l’apporto di grassi e aumentare il consumo di fibre, contenute in frutta e verdure.

In ogni caso, in consiglio migliore che possiamo darvi –  se si avvertono forti dolori addominale o altri sintomi riconducibili alla colecistite – è quello di contattare il vostro medico di fiducia!

Vuoi approfondire l'argomento con uno specialista?

Scrivi al medico Parla con un medico
Roberto Pisani
Scritto da:
56 articoli pubblicati
Categoria: Salute

Commenta questo articolo:

comments powered by Disqus