Impatto della crioterapia sull’organismo

Pubblicato il 28/09/2016
Impatto della crioterapia sull’organismo | Pazienti.it

Il ghiaccio come antinfiammatorio, un trattamento tanto utile quanto arcaico. Già Ippocrate, medico greco considerato il padre della medicina, vissuto tra il 460 a.C. e il 375 a.C, consigliava la terapia con acqua fredda per lenire dolore e infiammazione. Oggi la crioterapia è una realtà che acquista sempre più fiducia e conferma evidenze cliniche e basi scientifiche.

Una criocamera all’interno della quale, il paziente deve restare circa tre minuti a una temperatura di -130°, raggiunta con l’azoto liquido; la crioterapia agisce sulla base di alcuni processi biochimici secondo i quali, le basse temperature, attivano un’azione antinfiammatoria e antidolorifica, innescando, nel corpo, meccanismi di difesa che favoriscono la circolazione sanguigna, il sistema endocrino, il sistema immunitario e il sistema nervoso centrale.

La crioterapia: come si esegue

Sviluppata in Giappone nel 1978 per il trattamento dell’artrite reumatoide, la tecnica è stata raffinata e migliorata in Europa.

Per sicurezza, le camere sono dotate di ossigeno a livello della bocca. Al fine di proteggere i tessuti sensibili dalle basse temperature, i clienti indossano calze asciutte, pantofole, guanti e, se si utilizza la camera walk in, una maschera facciale (per proteggere il naso ed evitare l’inalazione di aria fredda), nonché paraorecchie o un cappello per coprire copre le orecchie.

Una sessione è di breve durata (2-3 minuti), e il freddo è “a secco”, quindi è molto tollerabile. Verso la fine della sessione, si potrebbe avvertire una sensazione di formicolio che scompare immediatamente dopo il trattamento.

Gli effetti positivi della crioterapia

Dal punto di vista clinico, la crioterapia riduce dolore e infiammazione, migliorando la qualità della vita dei pazienti che si sottopongono a essa. La crioterapia viene consigliata per:

La terapia del freddo ha una serie di effetti benefici sul corpo, sia subito dopo la lesione sia più tardi nel processo di riabilitazione. Tra gli effetti positivi troviamo:

  • Sollievo dal dolore, infatti, il freddo riduce l’attività delle terminazioni nervose libere aumentando la soglia del dolore.
  • Rilascio di endorfine, il freddo provoca un rilascio di endorfine, ovvero neurotrasmettitori con potente attività analgesica, eccitante, antinfiammatoria e vasocostrittrice. Questa vasocostrizione porta a una diminuzione della quantità di sangue che viene trasportato alla zona e successivamente diminuisce la quantità di tumefazione e gonfiore. La riduzione dell’edema, permette più movimento muscolare e la riduzione del dolore dovuto alla pressione determinata dal gonfiore a livello dei tessuti.
  • Riduzione dello spasmo muscolare.
  • Riduzione della necrosi tissutale.

Quali sono le controindicazioni?

La crioterapia è un trattamento sicuro, un potentissimo antinfiammatorio privo di effetti collaterali, tuttavia in maniera precauzionale viene sconsigliata in caso di:

  • febbre
  • valvulopatie e scompenso cardiaco
  • claustrofobia severa
  • pregresse paralisi del nervo faciale
  • malattia di Raynaud
  • ipotiroidismo non corretto da trattamento farmacologico
  • trombosi agli arti inferiori
  • neoplasie
  • insufficienza respiratoria severa e infezioni acute alle vie respiratorie

Vuoi approfondire l'argomento con uno specialista?

Scrivi al medico Parla con un medico
Redazione
Scritto da:
472 articoli pubblicati
Categoria: Salute

Commenta questo articolo:

comments powered by Disqus