Mal di testa: siete sicuri di masticare nel modo corretto?

Pubblicato il 14/11/2017
Mal di testa: siete sicuri di masticare nel modo corretto? | Pazienti.it

Il mal di testa può dipendere da molti fattori, ma lo sapevi che può dipendere dal modo in cui mastichiamo e da patologie cranio-facciali?

Lo studio portato avanti dall’università di medicina di San Paolo in Brasile ha dimostrano una connessione tra gli attacchi di emicrania e la disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare (dtm), una condizione legata allo stress caratterizzata da dolore articolare, limitazione di movimento, clicking, dolore facciale e al collo.

Vediamo di cosa si tratta.

Articolazione tempero-mandibolare: di cosa si tratta?

L’articolazione temporo-mandibolare (atm) è una delle articolazioni più complesse del nostro corpo. Essa è localizzata di fronte alle orecchie, in entrambi i lati della faccia e permette di svolgere i movimenti necessari per la masticazione, per ingoiare, parlare e per assumere le espressioni facciali.

Questa articolazione funziona come un perno scorrevole che connette la mandibola al cranio: quando le persone sperimentano dolore all’atm e ai muscoli ad essa associati, si parla di disfunzione temporo-mandibolare, i cui sintomi includono difficoltà nella masticazione e tensione articolare.

I pazienti con emicrania cronica, cioè con attacchi che ricorrono con una frequenza di più di quindici giorni al mese, sono tre volte più a rischio di sperimentare i dolori connessi alla dtm dei pazienti con emicrania di tipo episodico.

La correlazione tra la cefalea e la disfunzione dell’articolazione della mandibola rappresentano un circolo vizioso, in quanto la ripetizione degli attacchi di emicrania potrebbe aumentare la sensibilità al dolore e il dtm aumenta a sua volta la frequenza e la severità del mal di testa, sebbene non lo causi direttamente.

Come sapere se si è affetti da difficoltà di masticazione e da cosa è causata?

I sintomi di questa condizione possono verificarsi a entrambi i lati della faccia, collo o testa. Alcune persone confondono questi sintomi con altri problemi collegati alle orecchie o alla testa. I sintomi della disfunzione temporo-mandibolare più ricorrenti sono:

  • Dolore cronico nell’articolazione e nella regione delle tempie
  • Dolore acuto e fitte percepite nel muscolo, nell’articolazione o nell’orecchio
  • Sensazione di affaticamento nell’area articolare, più spesso presente al mattino
  • Mal di testa localizzato nelle tempie, sulla fronte o nella parte posteriore del cranio
  • Dolore al collo e alle spalle
  • Apertura della bocca limitata o presenza di dolore quando si apre la bocca
  • Blocco della mandibola in posizione chiusa o aperta
  • Dolore durante la masticazione
  • Denti rotti, usurati o sensibili.

Le cause del disturbo temporo-mandibolare non sono ancora conosciute del tutto, ma i due fattori principali che stanno alla base della comparsa di questa condizione sono lo stress e la dinamica individuale del morso.

Qualsiasi tipo di cambiamento può stimolare l’abitudine di digrignare i denti (bruxismo) causando traumi muscolari e dolore. Questo dolore può essere continuo ma, più spesso, è di natura transitoria e può durare da giorni ad anni.

Cosa fare in caso di difficoltà di masticazione connesso al mal di testa?

Non rimandare! Le ricerche hanno dimostrato che se i sintomi del disturbo temporo-mandibolare vengono trattati entro i primi sei mesi dalla loro comparsa, vi sono buone probabilità di successo. Trascorsi i sei mesi, il dolore potrebbe diventare cronico e difficile da curare.

La terapia da seguire può includere:

  • Informazione del paziente e trattamento del dolore in modo autonomo
  • Terapia fisica
  • Utilizzo di apparecchi intraorali occlusali
  • Assunzione di farmaci, come analgesici e FANS, cioè i farmaci antinfiammatori non steroidei

Si consiglia di cercare di far riposare la mandibola seguendo una dieta a base di cibi morbidi e liquidi per alcune settimane. Se i dolori muscolari sono forti e gli spasmi muscolari sono frequenti, è opportuno applicare un panno umido ai lati del viso per attenuare tali sintomi.

Il trattamento di tipo autonomo di questa patologia è rappresentata dagli esercizi di rilassamento dei muscoli facciali da essere effettuati davanti allo specchio per controllare la corretta apertura e chiusura della mandibola.

Nel caso in cui hai un forte mal di testa associato a dolori facciali o altri sintomi descritti in precedenza, ricorda che potrebbe trattarsi di un problema relativo alle articolazioni della mandibola. Quindi, non aspettare e recati dal tuo medico di famiglia così da avere più possibilità di trattare in modo efficace questa patologia senza rischiare di far diventare il dolore cronico.

Vuoi approfondire l'argomento con uno specialista?

Scrivi al medico Parla con un medico
Cristina Grassi
Scritto da:
7 articoli pubblicati
Categoria: Salute

Commenta questo articolo:

comments powered by Disqus