Risposta a cura di: Davide Motta

In cosa consiste la schizofrenia?

"Quali sono le caratteristiche principali della schizofrenia e come si riconosce questa malattia in una persona?"

Scopri consigli, prodotti e rimedi

Schizofrenia è un termine che deriva dal greco e significa letteralmente “mente scissa”. Il termine è stato coniato nel 1911 da E. Bleuler per designare un gruppo di psicosi di cui Kraepelin aveva già mostrato l'unità classificandole sotto il termine di “Dementia praecox”. Introducendo il termine schizofrenia Bleuler intende mettere in evidenza ciò che costituisce secondo lui il sintomo fondamentale di queste psicosi: la dissociazione del vissuto di unitarietà dell'individuo. Essa è caratterizzata da una trasformazione profonda e progressiva della persona che cessa di costruire il suo mondo in comunicazione con gli altri per perdersi in un pensiero autistico (chiuso in se stesso), ossia in una sorta di caos immaginario. Dal punto di vista clinico, la schizofrenia si può definire come una forma di perdita di contatto con la realtà che si manifesta con un insieme di disturbi, in cui predominano la discordanza, l'incoerenza ideo-verbale, l'ambivalenza, l'autismo, le idee deliranti e le allucinazioni, oltre a profondi disturbi affettivi nel senso del distacco, e della stranezza dei sentimenti che hanno la tendenza ad evolvere verso un deficit e una dissociazione della personalità. Si possono dividere i sintomi in due macroaree: sintomi positivi e sintomi negativi. Dei primi fanno parte: deliri, allucinazioni, pensiero disorganizzato, agitazione. Rientrano nella seconda categoria: mancanza di stimoli, isolamento sociale, apatia, assenza di risposta emotiva.

Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti. Leggi il disclaimer


Risposta a cura di:
Non hai trovato la risposta che cercavi?
Fai la tua domanda

Iscriviti e ricevi tanti consigli di salute

Iscriviti con il tuo indirizzo e-mail

Oppure tramite Facebook

Contenuti correlati

Schizofrenia

La schizofrenia è una patologia che influisce sulla salute mentale a lungo termine. I medici descrivono la schizofrenia come una malattia psicotica. Ciò significa che a volte una persona può...

Leggi tutto
Acinesia

Con il termine acinesia, che alla lettera significa “assenza di movimento” o “riduzione del movimento”, si fa riferimento ad una perdita delle normali funzioni motorie che limita o ostacola l’attività...

Leggi tutto
Aggressività

Non è semplice definire con precisione il concetto di aggressività, che può avere una connotazione diversa a seconda del contesto di utilizzo. A seconda del punto di vista (psicolanalitico, etologico,...

Leggi tutto
Alterazione dello stato mentale

L'alterazione dello stato mentale si riferisce a cambiamenti generali delle funzioni cerebrali.

Leggi tutto
Euforia

L'euforia è uno stato esagerato di felicità. Un certo numero di droghe ricreative e illegali hanno effetto euforico.

Leggi tutto
Disturbi psicotici

I disturbi psicotici sono un gruppo di malattie gravi che colpiscono la mente. Queste malattie alterano la capacità di una persona di pensare in modo chiaro, dare giudizi buoni, rispondere...

Leggi tutto
Antipsicotici

Questa categoria di farmaci serve per la cura di malattie psicotiche, come la schizofrenia. Vanno a curarne i sintomi.

Leggi tutto
Aloperidolo

L'aloperidolo è il farmaco antipsicotico tradizionale e più convenzionale, utilizzato per curare la schizofrenia, le manie e altre forme di psicosi. È un derivato del butirrofenone e agisce bloccando gli...

Leggi tutto
Autismo

L'autismo è un disturbo che provoca anomalie del comportamento, come lo sviluppo anomalo o deficitario dell’interazione sociale e della comunicazione.

Leggi tutto
Allucinogeni

Composti allucinogeni trovati in alcune piante e funghi sono stati utilizzati per secoli come anestetici in medicina o durante le celebrazioni di riti religiosi.

Leggi tutto
Allucinazioni ipnagogiche

Le allucinazioni ipnagogiche o ipnopompiche possono essere visive, tattili, uditive o coinvolgono altri eventi sensoriali, di solito hanno una breve durata, alle volte si prolungano per qualche minuto; si verificano...

Leggi tutto
Allucinazione ipnopompica

Le allucinazioni ipnagogiche o ipnopompiche sono illusioni visive, tattili, uditive e sensoriali solitamente brevi, ma occasionalmente lunghe, che insorgono durante la fase di transizione dal dormiveglia al sonno (fase ipnagogica)...

Leggi tutto
Allucinazioni

Le allucinazioni sono causate dalla formazione di una percezione che non deriva da una fonte esterna. Tra le caratteristiche delle allucinazioni si registrano fisicità, involontarietà, intrusività. A seconda della modalità...

Leggi tutto

Risposte simili

Ricevi offerte di salute

Premendo il pulsante di attivazione dichiari di aver preso visione delle condizioni di servizio e della privacy policy e di accettarli integralmente.

Pagamento sicuro:

Pagamenti sicuri | Pazienti.it

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l'assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.

Logo | Pazienti.it org s.r.l. © 2013 |P.IVA 07112280966 Pazienti © 2013