E' necessaria la presenza di un'infermiera durante l'aborto?

Vorrei sapere se durante la procedura dell'aborto è necessaria la presenza della figura infermieristica e, se sì, a partire da quale anno di tirocinio (suppongo il secondo o il terzo, visto che ho appena terminato il primo e la mia preparazione verte su tutt'altro) e con quali compiti. Al momento non frequento le lezioni, altrimenti non vi avrei disturbato e avrei chiesto ai miei docenti. Vi ringrazio anticipatamente!

Articolo di: Fabio Zannini

Più che di aborto mi pare che ti riferisca all'interruzione volontaria di gravidanza, una procedura delicata e impegnativa sotto molti aspetti, per ovvie ragioni da svolgersi necessariamente in una struttura ospedaliera o similmente attrezzata.

La paziente sarà senz'altro attorniata e assistita da un adeguato staff medico-infermieristico. Indipendentemente dall'anno di tirocinio un tirocinante è comunque una persona ritenuta a priori qualificata a presenziare dalla struttura stessa e, secondo livello di preparazione, ad assistere.

Tale assistenza è sotto la diretta sorveglianza e supervisione dello staff presente, e può variare dalla semplice presenza a scopo rassicurativo, a compiti via via più articolati e complessi.

Se il problema è un comprensibile senso di disagio dovuto al momento particolarmente delicato tieni comunque presente che è un diritto della paziente richiedere al medico responsabile di limitare al massimo la presenza di personale.

Miafoto

Contenuti correlati

  • Aborto spontaneo
    Un aborto spontaneo è una qualsiasi gravidanza che termina spontaneamente prima che il feto sia in grado di sopravvivere. L'aborto spontaneo si manifesta, solitamente, entro la tredicesima settimana di gravidanza.
  • Aborto
    Un aborto è una procedura medica che pone fine a una gravidanza. A volte, in campo medico si fa riferimento all’aborto come ‘interruzione di gravidanza’ o ‘interruzione’. Un aborto è diverso da un aborto spontaneo, dove la gravidanza termina senza l’intervento medico (tuttavia anche dopo un aborto spontaneo c'è bisogno di un intervento medico).
  • Sindrome post aborto
    La sindrome post aborto è un disturbo psichico che si verifica nei tre o sei mesi successivi all'aborto, vissuto come evento traumatico.
  • Cerchiaggio cervicale
    Il cerchiaggio cervicale è una procedura medica fatta durante la gravidanza per aiutare a prevenire un parto prematuro.
  • Raschiamento
    Il raschiamento è una procedura medica che viene utilizzata per diagnosticare o curare diverse condizioni uterine, come ad esempio forti emorragie - o per cancellare il rivestimento uterino dopo un aborto spontaneo o procurato.
  • Specialità associate

  • Infermieristica
  • Topics associati

  • aborto
  • infermiere
  • interruzione volontaria di gravidanza
  • Altre risposte di: Fabio Zannini

    Vedi tutte le domande
    Carico nome prodotto...
    Disponibile
    Spedizione in 48 ore
    Acquista subito
    €20.73
    €24.39
    Ortopedia e traumatologia
    Dr. Luigi Grosso
    Napoli
    Chirurgo della spalla e del gomito Responsabile del Centro Chirurgia Spalla e Gomito ...
    Odontoiatria e stomatologia
    Dr. Luciano Passaler
    Milano
    Da 30 anni mi occupo di prevenzione, implantologia, protesi e gnatologia. Faccio la prima visita...
    Torna su