Quale esame fare per la diagnosi di sclerosi multipla?

"Quale esame si deve fare per avere una diagnosi definitiva di sclerosi multipla?"

La Risonanza magnetica è una metodica che sostituisce ai raggi X le onde elettromagnetiche ricostruendo al computer le immagini ottenute.

Le lesioni demielinizzanti della sclerosi multipla, alla risonanza, appaiono come aree focali “brillanti": è dunque questo l'esame diagnostico che può confermare un sospetto di malattia.

La risonanza magnetica è un'indagine assolutamente innocua (anche per le donne gravide) e quindi ripetibile anche in periodi ravvicinati.

Può dare problemi solo in chi soffre di forme particolarmente severe di claustrofobia e nei portatori di protesi, mezzi di sintesi ossea o impianti di apparecchi in metallo ferrosi.

Ugualmente innocuo è il gadolinio, mezzo di contrasto paramagnetico, iniettato per via endovenosa nel corso dell’esame per aumentare le informazioni fornite dall'esame.

Hai trovato questa risposta utile:

Ho ancora dubbi

*Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti. Leggi il disclaimer

Risposta a cura di:

Specialità:
Neurologia
Argomenti:
Risonanza magnetica, Sclerosi multipla
lascia una recensione

Risposte simili