Quali sono i sintomi della depressione?

"Mio figlio di 28 anni, allergico alla pesca e ulivo, da circa 3 anni lamenta una continua pesantezza alla testa e difficoltà di respirazione attraverso il naso (ha subito anche un intervento ai turbinali) che gli impedisce la dovuta concentrazione. Inoltre fa uso di occhiali per una leggera miopia e astigmatismo. A causa del bruxsismo a cui è soggetto, utilizza di notte uno specifico apparecchio dentale. Nel corso degli ultimi tempi ha effettuato diverse visite specialistiche, seguito le indicazioni dei medici, ma il suo malessere continua. È sfiduciato da questa situazione che non si risolve, preoccupato per il suo futuro in quanto non riesce a trovare lavoro nonostante la sua laurea specialistica. Ho paura che si stia ammalando di depressione. Come posso riconoscere i sintomi e come posso aiutarlo a superare questa situazione? "

Buongiorno,

la sintomatologia depressiva che potresti riscontrare in tuo figlio si manifesta sia sul versante fisico che su quello psichico e relazionale. Posto che il disagio che avverte è tale da circa 3 anni non possiamo escludere completamente che ci siano già dei sintomi; e questo potrebbe essere utile nella formulazione, parte di uno specialista, di una diagnosi di distimia anzichè di depressione maggiore.

Sottolineo che tale aspetto non è però fondamentale ai fini della comprensione di ciò che tale sofferenza esprime, e che è un "obiettivo" importante al fine della sua rielaborazione. Tornando alla tua richiesta, la sintomatologia comprenderebbe un tono dell'umore molto basso, con perdita di interesse e piacere per tutte quelle cose che prima lo interessavano, una tristezza evidente nell'espressione del viso e nelle manifestazioni corporee (schiena incurvata, sguardo basso e spento, andatura lenta...), sentimenti di autosvalutazione o di colpa inappropriati ed eccessivi, difficoltà nel pensare, decidere e concentrarsi, eventuali pensieri di morte.

Dal punto di vista più fisico: perdita di peso significativa o aumento importante del peso legati a diminuzione o aumento dell'appetito, difficoltà ad addormentarsi o dormire troppo (ipersonnia), agitazione psicomotoria o rallentamento, affaticabilità e stanchezza, mancanza di energia. Inoltre possono comparire dei disturbi a livello cardiocircolatoio (tachicardia, palpitazioni...), a livello respiratorio e dell'apparato digerente (problemi gastrointestinali: gastrite, esofagite da reflusso...).

La sintomatologia compromette notevolmente il funzionamento sociale e lavorativo (e di altre aree della vita) della persona, manifestandosi anche con isolamento, perdita della progettualità, irrequietezza ansia.

Saluti

Risposta a cura di:
*Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti.
Leggi il disclaimer

Altre risposte di questo specialista:

Vedi tutte le risposte