Risposta a cura di: Dr. Carlo Valtulina

Cosa fare per svenimenti e capogiri?

"Quest'estate mia moglie è stata ricoverata a causa di uno svenimento e continui capogiri. La causa sembra essere legata a due ernie cervicali. Malgrado le cure i problemi persistono. Cosa fare?"

Scopri consigli, prodotti e rimedi

Più che vere e proprie ernie cervicali sarà artrosi con protrusioni e discopatie. La causa è la spondilosi o artrosi e l'intervento di artrodesi non risolve la sintomatologia. Penserei prima a fare della fisioterapia specifica e ad usare dei miorilassanti. Saluti

Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti. Leggi il disclaimer


Risposta a cura di:
Non hai trovato la risposta che cercavi?
Fai la tua domanda

Iscriviti e ricevi tanti consigli di salute

Iscriviti con il tuo indirizzo e-mail

Oppure tramite Facebook

Contenuti correlati

Svenimento

La sincope, nota anche come svenimento, è la perdita di coscienza causata da una temporanea diminuzione dell'afflusso di sangue e di ossigeno al cervello. I sintomi della sincope sono la...

Leggi tutto
Vertigini

Le vertigini sono quella sensazione di avere un capogiro o sentirsi stordito o sbilanciato. Le vertigini colpiscono gli organi sensoriali, in particolare gli occhi e le orecchie. In alcuni casi...

Leggi tutto
Collasso

Il collasso è una perdita temporanea di coscienza (svenimento) che si verifica quando il cervello non riceve abbastanza ossigeno. Accade improvvisamente, dura solo per un breve periodo e si può...

Leggi tutto

Risposte simili

Ricevi offerte di salute

Premendo il pulsante di attivazione dichiari di aver preso visione delle condizioni di servizio e della privacy policy e di accettarli integralmente.

Pagamento sicuro:

Pagamenti sicuri | Pazienti.it

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l'assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.

Logo | Pazienti.it org s.r.l. © 2013 |P.IVA 07112280966 Pazienti © 2013