Acidità di stomaco

Contenuto di:

L’acidità di stomaco è una spiacevole sensazione di bruciore dietro lo sterno, che di solito si verifica dopo i pasti, da sdraiati, o di notte durante il sonno. È di solito causata dalla malattia da reflusso gastroesofageo, ossia dall'aumento di acidità nell'esofago, anche se spesso viene confusa con un problema al cuore.

Che cosa è l’acidità di stomaco?

Acidit%c3%a0_di_stomaco | Pazienti.it

L’acidità di stomaco o iperacidità gastrica è una condizione che si verifica quando il volume dei succhi gastrici è più alto del normale, tanto da abbassare fortemente il pH dello stomaco. Se lo stomaco e gli altri organi annessi come l’esofago e l’intestino riescono a tollerare le alterazioni del pH, allora la condizione non genera alcun tipo di sintomo. 

Quali sono i sintomi?

In genere, quando stomaco, esofago e duodeno sono in grado di gestire i cambiamenti nella secrezione degli acidi, tale patologia passa inosservata. Altre volte, invece, i sintomi che avverte il paziente sono identificabili come un forte bruciore di stomaco, che include:

Tutti questi sintomi sono tipici di gastriti, ulcere peptiche e reflusso acido.

Quali sono le cause dell’acidità di stomaco?

L’acidità di stomaco è di solito causata dalla sindrome da reflusso gastroesofageo, sindrome che potrebbe anche essere asintomatica e che deve, comunque, essere diagnosticata da uno specialista gastroenterologo.

L’acidità di stomaco e il conseguente bruciore non hanno nulla a che fare con il cuore anche se il disagio dell’acidità di stomaco può essere confuso con il dolore del cuore e viceversa. Acidità di stomaco è un termine popolare per indicare ciò che in medicina viene chiamato pirosi.

Come si cura il bruciore di stomaco?

I farmaci antiacido aiutano a neutralizzare l'acido gastrico e sono utili rimedi per alleviare i sintomi del bruciore di stomaco. Altri farmaci, come gli inibitori della pompa protonica e gli antagonisti dei recettori H2 sono impiegati per ridurre le secrezioni dei succhi gastrici.

Infine, i farmaci procinetici aiutano a velocizzare lo svuotamento gastrico e sono dei rimedi particolarmente utilizzati per il mal di stomaco, nei casi di reflusso acido. 

Quali sono i rimedi?

Un regime dietetico può regolare la produzione di acido gastrico solo in maniera moderata. Tuttavia, attraverso la dieta è possibile ridurre i sintomi e prevenire il principio di eccesso di acido gastrico. Inoltre, è necessario apportare dei cambiamenti nello stile di vita per poter gestire al meglio l'insorgenza di gastriti, ulcere peptiche e reflusso acido:

  • evitare cibi complessi che tendono a far insorgere l'acidità, come per esempio alcol, bevande a base di caffeina, bevande gassate, cibi speziati e ad alto contenuto di conservanti;
  • evitare i cibi grassi, che aumentano le secrezioni degli acidi gastrici;
  • evitare gomme da masticare e tabacco;
  • fare diversi pasti durante l'arco della giornata, a piccole dosi;
  • evitare di sdraiarsi subito dopo aver mangiato;
  • praticare una moderata attività, come una camminata, può aiutare a ridurre i sintomi del bruciore di stomaco, tuttavia esercizi estremamente faticosi devono essere evitati;
  • smettere di fumare.

Acidità di stomaco: cosa mangiare?

Quando l’acidità di stomaco inizia a manifestarsi di frequente, può diventare un disturbo molto fastidioso. Tuttavia è possibile riuscire a ridurne i sintomi cambiando le proprie abitudini alimentari e il proprio stile di vita.

I cibi da evitare o da mangiare con moderazione sono:

  • bevande alcoliche: l’alcol può irritare la parete dello stomaco e provocare una maggiore produzione di succhi gastrici;
  • latte: è un elemento fondamentale della dieta quotidiana, ma può provocare disturbi allo stomaco con un aumento della produzione dei succhi gastrici, causando porosi notturna;
  • caffè: la caffeina è un’altra sostanza che stimola la produzione gastrica;
  • cibi grassi e fritti: si tratta di alimenti che tendenzialmente aumentano la secrezione gastrica.

Ci sono tuttavia alcuni cibi che invece possono aiutare ad alleviare i sintomi associati ad una sovrapproduzione di succhi gastrici:

  • basilico: le foglie di basilico sono utilizzate come rimedi per diversi disturbi. Masticato o aggiunto in acqua calda può lenire i disturbi intestinali, alleviando sintomi come nausea e flatulenza;
  • banana: è notoriamente ricca di potassio e contrasta l’acidità di stomaco. Le banane favoriscono nello stomaco la produzione di muco, così da proteggere la parete dello stomaco dall’azione dei succhi gastrici;
  • zenzero: può aiutare a prevenire le ulcere allo stomaco poiché stimola la secrezione di muco che ne protegge la parete. In più favorisce la naturale digestione e l’assorbimento di nutrienti essenziali, provvedendo alla salute dell’intero sistema digerente;
  • cannella: sciolta in una tazza di acqua calda, aiuta a ridurre il senso di gonfiore e flatulenza e funge da antiacido naturale.

Acidità di stomaco: quali farmaci assumere?

Per contrastare l’eccessiva produzione di succhi gastrici, è possibile assumere farmaci antiacidi, che aiutano a neutralizzare l’acidità gastrica. Altri farmaci come gli inibitori della pompa protonica (IPP) e gli antagonisti dei recettori H2 sono assunti per ridurre la secrezione di succo gastrico. Questi farmaci possono essere impiegati anche nei casi di gastrite, ulcera peptica e reflusso gastro-esofageo.

Se l’acidità di stomaco è causata da un’infezione da H. pylori, allora è consigliabile una terapia a base antibiotici.

Gli effetti dell’acidità di stomaco possono essere molto fastidiosi. E’ quindi importante riconoscerne i vari sintomi e rivolgersi ad un medico se la condizione persiste.

Argomenti: bruciore di stomaco pirosi Acidità di stomaco malattia da reflusso gastroesofageo acidità nell'esofago ipercloridria
Antiacidi | Pazienti.it
Antiacidi

I farmaci antiacidi sono utilizzati per controllare il livello di acidità nello stomaco. Sono disponibili nelle farmacie senza obbligo di ricetta e vengono utilizzati anche per il trattamento di bruciori...