Mancanza di mestruazioni

Contenuto di:

La mancanza di mestruazioni o amenorrea si verifica quando una donna, in uno stato di salute normale ed entro i limiti di età in cui dovrebbe averle ( attualmente tra i 10 anni ed i 50 anni circa) non ha il ciclo mestruale, .

Quando si verifica la mancanza di mestruazioni?

Mancanza_di_mestruazioni | Pazienti.it

La mancanza di mestruazioni o amenorrea si verifica quando una donna, in uno stato di salute normale non ha il ciclo mestruale. La mancanza di mestruazioni si classifica in:

  • mancanza di mestruazioni primaria: in cui una donna non inizia le mestruazioni , pur avendone l’età ed essendo comparsi sia il pubarca ( presenza di peli in zona pubica) ed il telarca ( variazioni nel volume ed aspetto delle mammelle).
  • mancanza di mestruazioni secondaria: assenza di flussi mestruali  in una donna già mestruata.

I periodi in cui si ha la mancanza di mestruazioni possono essere anche irregolari, con periodi di amenorrea alternati a periodi normali e ciò si verifica soprattutto nel   periodo iniziale ( adolescenza) e nella perimenopausa il periodo di tempo che precede la menopausa.

La Amenorrea primaria può essere una vera amenorrea, di cui vedremo le cause , o una mancanza di mestruazioni legata ad una imperforazione imenale: Per cui,  in una ragazza che abbia già avuto pubarca e telarca ed abbia periodici dolori addominali con senso di pesantezza sovrapubico , è sempre opportuno fare un controllo per controllare il tipo di imene che possiede. Se vi dovesse essere un imene imperforato è obbligatoria la terapia chirurgica, peraltro semplice, anche se è indicata la anestesia generale, per permettere il flusso mestruale.

Vi sono poi amenorree primarie su base

  • Genetica: alcune sindromi , pur presentando un corredo cromosomico con presenza di almeno due cromosomi femminili, hanno altre combinazioni di cromosomi sessuali che portano ad un mancato sviluppo o funzionamento di ovaie o utero o vagina. ( v. S di Turner- Sindrome di Prader-Willi; Sindrome di Laurence Moon-Biedl ecc).  La diagnosi si basa , oltre che su segni abbastanza caratteristici, sull’ esame della  mappa cromosomica. Non vi è terapia, se non di tipo palliativo.
  • Anatomica : mancato sviluppo di una o più parti dell’apparato genitale: ES. Sindrome di Rokitanski-Hause, in cui non si è avuta la formazione della vagina ed anche utero e tube sono spesso atrofiche.
  • Fisiopatologiche: Ci troviamo di fronte a donne che prima avevano mestruazioni normali, quindi con un apparato genitale normale , ed in cui, ad un certo punto sono scomparsi i flussi.

Ci troviamo in una situazione legata o ad un ridotto funzionamento della “centralina  ipofisaria”:

  • Amenorree  ipogonadotrope

O ad una mancata risposta a stimoli ipofisari da parte della periferia:

  • amenorreee ipergonadotrope

Per la prima categoria, classica è la Sindrome di Sheehan, caratteristica in chi ha avuto una grossa perdita di sangue nel dopo parto, per cui alla ipofisi è mancato il nutrimento e si è atrofizzata.  Per fortuna oggi rara.

La amenorrea  ipogonadotropa che più frequentemente vediamo è quella legata a variazioni di peso, nel senso di dimagramento ,volontario ,( con diete non equilibrate) o patologico ( come nella anoressia): Lo possiamo considerare un campanello di allarme che parte dal fisico, cui mancano nutrienti essenziali e ” risparmia” sulle mestruazioni, prima che si presentino sintomi più gravi .

A questo gruppo appartengono anche  le amenorree da stress: la zona del cervello che dirige e sopporta  una vita stressante ( sostanza bianca del cervello), che regola le emozioni, è strettamente collegata alla ipofisi. Quando il nostro cervello” riconosce” il pericolo legato allo stress ( qualsiasi sia la causa) manda un avviso alla ipofisi di smettere di mandare in circolo gli ormoni che stimolano le ovaie a funzionare.  La diagnosi si fa  con dosaggi ormonali, usando sostanze stimolanti la ipofisi (GNRH) e vedendo come essa reagisce. La terapia è sequenziale alla diagnosi.

Vi sono casi in cui la funzionalità ipofisaria è alterata dalla presenza di tumori ( nel senso di aumento di un tipo di cellule) . Tipico esempio è la presenza di un prolattinoma : tumore benigno delle cellule deputate a produrre la prolattina, il cui eccesso blocca la funzionalità ovarica , oltre a determinare la montata lattea. Questa situazione di iper- prolattinemia può essere secondaria anche  a traumi che coinvolgano il cervello o a medicinali. 

Se invece è la periferia che non risponde ad uno stimolo ipofisario, succede che la ipofisi si comporti come uno che suona un campanello ad una porta che non si apre: suonerà in modo sempre più insistente. Si hanno così le Amenorreee  ipergonadotrope. Tipiche sono quelle della perimenopausa e che ci aiutano a farne una diagnosi corretta. Si hanno anche quando l’utero non risponde a stimoli normali, magari quando per un raschiamento uterino si è asportata troppa quota ghiandolare della mucosa uterina e si sono create aderenze o sinechie: Sindrome di Ashermann. Può essere il risultato voluto della cosiddetta “Ablazione endometriale” che è una delle possibili terapie per mestruazioni eccessive (menometrorragie).  

Per concludere, vi sono anche  amenorre  legate ad una alterata funzione dell’ovaio per cui non si arriva ogni mese alla liberazione di un uovo: si può avere il quadro di un ovaio policistico (causa anche di sterilità) o un “cistoma” ovarico In cui un singolo follicolo continua ad ingrossarsi ,senza liberare l’uovo. In questo caso, per l’accumulo di estrogeni entro il cistoma, si potrà avere, invece che le mestruazioni, uno stillicidio ematico continuo dall’utero, per un deficit relativo del progesterone (spotting).

Quali sono le cause di mancanza di mestruazioni?

La mancanza di mestruazioni non si diagnostica fino a quando una donna solitamente non ha perso tre periodi mestruali consecutivi. Tuttavia, le cause di mancanza di mestruazioni secondaria sono generalmente gli stessi fattori o condizioni che possono portare ad un periodo saltato. Se una donna non è incinta, un ciclo mestruale può essere dovuto a una vasta gamma di condizioni sia fisiche che emotive che vanno dallo:

  • stress
  • stile di vita
  • patologie rare e gravi

Molte delle condizioni che sono alla base del mancato ciclo mestruale interferiscono con l'equilibrio ormonale del corpo, in particolare per quanto riguarda i livelli degli ormoni sessuali.

Argomenti: obesità amenorrea Mancanza di mestruazioni obesità amenorrea Mancanza di mestruazioni obesita
Aumento_di_peso | Pazienti.it
Aumento di peso

L'aumento di peso è caratterizzato da un incremento di peso corporeo dovuto a differenti cause; può essere dovuto a un accumulo di tessuto adiposo nell'organismo, ma anche ad altri motivi:...

Bypass_gastrico | Pazienti.it
Bypass gastrico

Il bypass gastrico e gli altri tipi di chirurgia che favoriscono la perdita di peso apportano modifiche al sistema digestivo, limitando la fame e riducendo l'assorbimento delle sostanze nutritive.

Liposuzione | Pazienti.it
Liposuzione

La liposuzione è un trattamento medico che si effettua nel caso in cui si è in grande sovrappeso e serve ad aspirare il grasso in eccesso dalle zone interessate da...

Missing | Pazienti.it
Lipofilling

Il lipofilling è un metodo naturale attraverso il quale è possibile estrarre il grasso aspirandolo da zone come cosce o addome per poi trasferirlo in qualsiasi altra regione corporea.

Missing | Pazienti.it
Micoterapia

Con il termine micoterapia si intende una pratica terapeutica che si avvale dell'utilizzo dei funghi medicinali per la difesa della nostra salute. Le capacità terapeutiche dei funghi fanno parte...

Pillole | Pazienti.it
Acarbosio

L’Acarbosio è impiegato nel trattamento dell'obesità e contro il diabete, migliorando l'equilibrio glicemico. L’Acarbosio riduce infatti i livelli di trigliceridi e di emoglobina glicata. Gli effetti collaterali più comuni sono...

Adipe | Pazienti.it
Tessuto adiposo

Quello che comunemente è definito “grasso”, in anatomia corrisponde a tessuto adiposo.

Disturbo-da-alimentazione-incontrollata | Pazienti.it
Disturbo da alimentazione incontrollata

Si tratta di un disturbo alimentare caratterizzato da grandi abboffate alle quali seguono fasi di espulsione del cibo ingerito.

Dieta | Pazienti.it
Anoressizzanti

Il termine anoressizzante si riferisce a qualunque sostanza in grado di spegnere lo stimolo della fame e dell'appetito. Tali farmaci vengono utilizzati nel trattamento e nella cura di stati di...

Saccarosio | Pazienti.it
Saccarosio

Il saccarosio è un disaccaride formato dall'unione di glucosio e fruttosio, che insieme costituiscono il legame glicosidico; il saccarosio è lo zucchero da tavola e si trova in: miele, canna...