Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Clistere

Clistere

Clistere
Curatore scientifico
Dr. Massimo Ottonello
Specialità del contenuto
Farmacia Proctologia

Cos'è

Il clistere, noto anche come anche enteroclisma o enema, è un sistema per la pulizia del colon, per stimolare l’evacuazione in caso di stitichezza.

Tipi di clistere

Esistono vari tipi di clistere o peretta. Eccoli elencati:
  • Clisteri lassativi – Si tratta di clisteri a base di acqua tiepida, nei quali sono state eventualmente sciolte sostanze purgative. Vengono consigliati per la loro immediata azione evacuante nel caso si soffra di stitichezza.
  • Clisteri terapeutici – Sono clisteri a base di soluzioni di medicazione (clistere terapeutico); essi sono impiegati per immettere farmaci ad azione sistemica o locale; il loro utilizzo è prezioso ogni volta che, per una qualsiasi ragione, non sia possibile utilizzare la via orale (ad esempio in presenza di vomito o quando il farmaco viene assorbito o metabolizzato in maniera indesiderata dall'apparato digestivo).
  • Clisteri diagnostici – Sono clisteri a base di solfato di bario e vengono utilizzati per l'esame radiografico del colon (il bario è opaco ai raggi X e consente di osservare le pareti dell'intestino crasso).

Clistere fai da te

Un kit da clistere comprende:
  • Una sacca – Che contiene del liquido, dotata di una valvola.
  • Un gancio – A cui appendere in alto la sacca. 
  • Un tubo – Che, partendo dalla sacca, permette il deflusso del liquido qui contenuto in una sonda rettale, collegata all’estremità terminale del tubo stesso.
La comune preparazione della peretta si realizza con acqua e bicarbonato di sodio. Ecco le indicazioni più precise per preparare la miscela ed effettuare un clistere:
  • Riempire la sacca di contenimento con acqua tiepida, che può essere miscelata con un cucchiaino di bicarbonato di sodio, per rendere l’acqua alcalina.
  • Aprire la valvola della sacca per far uscire l’aria residua dal tubicino ad essa collegato.
  • Una volta defluita l’aria, chiudere la valvola.
  • Lubrificare il tratto terminale della sonda rettale con olio di vasellina o altri prodotti lubrificanti reperibili in farmacia.
  • Distendersi sul letto sul fianco sinistro.
  • Inserire delicatamente l‘estremità della sonda rettale lubrificata nell’ano.
  • Aprire la valvola per far defluire l’acqua contenuta nella sacca, massimo 2 litri e comunque al raggiungimento dello stimolo evacuativo.
  • Chiudere quindi la valvola della sacca ed estrarre la sonda dall’ano.
  • Quindi, girandosi sul fianco destro, procedere a massaggiare l’addome effettuando dei movimenti circolari.
Alla comparsa dello stimolo evacuativo, recarsi in bagno per liberare il colon.

Clistere con ingredienti naturali

Si possono realizzare clisteri con ingredienti naturali. Oltre alla miscela tradizionale, realizzata con acqua e bicarbonato di sodio, è infatti possibile unire all'acqua calda:
  • Argilla
  • Semi di lino
  • Camomilla
  • Aceto di mele
  • Melassa
L'utilizzo di tali sostanze, sebbene indicato per realizzare un clistere, deve comunque essere sottoposto ai consigli di un farmacista.

Nella miscela, al posto della glicerina, possono essere aggiunti anche due o quattro cucchiai di olio di oliva, o altre sostanze – preferibilmente naturali – ad azione purgante (in passato era molto utilizzato il sapone, ma oggi per la sua azione irritante si preferisce sostituirlo con sostanze naturali o saline).

Infine, un infuso a base di polvere di caffè costituisce una valida alternativa naturale. La preparazione prevede il portare a ebollizione mezzo litro di acqua, aggiungendo poi 3 cucchiai di caffè in polvere; si prosegue poi portando il tutto a ebollizione per un tempo di altri 7 minuti, al cui termine si aggiunge circa 1,5 litro di acqua fredda, portando la miscela alla temperatura corporea. Quindi si filtra il tutto e si introduce nella sacca. Il principio su cui si basa l’infuso di caffè, è quello per il quale la caffeina, assorbita dalla mucosa rettale, determina l’apertura dei dotti biliari favorendo la liberazione di materiale tossico.

Precauzioni

In ultima analisi, per avere una corretta purificazione dell'organismo, i consigli sono quelli di bere molta acqua e svariati infusi di erbe depurative o nutritive, succhi di frutta o centrifugati di verdure. Inoltre, è importante non andare a dormire tardi, in genere non altre le 22, ed assumere dopo ogni clistere fermenti lattici multibatterici e integratori naturali.

Se avete dubbi sulla sicurezza delle perette, informate sempre il vostro medico in caso di:
  • Allergie al fosfato di sodio
  • Problemi di disidratazione nella vostra storia clinica
  • Malattie renali
  • Malattie epatiche
  • Se si siano verificate situazioni che hanno richiesto l’uso del clistere per più di 1 giorno a settimana

Effetti collaterali

La principale condizione che si può verificare, che è anche la più diffusa, è l’abuso che porta alla dipendenza da lassativi. Questa porta a problemi di funzionamento dell’intestino.
Altri effetti collaterali della peretta sono:
  • Crampi addominali
  • Gas intestinale
  • Disidratazione
Ci sono casi in cui la somministrazione della peretta può provocare problemi. Contattare subito il medico in caso di:

Clistere e farmaci

Tra i principali prodotti che interagiscono con il fosfato di sodio, che sta alla base dei clisteri, ci sono:
L’evacuazione acquosa può portare il corpo ad assorbire in modo minore i farmaci che si assumono solitamente; parlatene con il vostro medico.

Controindicazioni

I clisteri non vanno usati con i bambini piccoli: ricordarsi infatti che bambini di età inferiore ai 2 anni non devono assolutamente essere sottoposti ad enteroclisma.

È opportuno ricordare che i clisteri non devono mai essere impiegati, specie in ambiente casalingo, in presenza di:

Clistere in gravidanza

La questione del clistere in gravidanza preoccupa sia i professionisti che le gestanti: infatti, tale pratica presenta delle eventuali controindicazioni.
È infatti consigliato utilizzare il clistere una volta ogni tanto ma non abitualmente, soprattutto negli stadi avanzati della gravidanza, laddove le contrazioni intestinali indotte dal clistere possano portare anche contrazioni uterine, talvolta premature.

Del resto, la stipsi (o stitichezza) in gravidanza, che è un fenomeno abbastanza frequente, può essere prevenuta in altri modi meno pericolosi del clistere, come ad esempio:
  • Bevendo molta acqua (almeno 2 litri al giorno)
  • Mangiando abitualmente almeno due kiwi maturi al mattino
  • Utilizzando del miele; in gravidanza infatti sembrerebbe favorire una corretta motilità intestinale; l’azione evacuante del miele insieme alla sua delicatezza, sfruttano una procedura che induce la defecazione in una maniera non aggressiva che induce la defecazione
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Difenidramina
La difenidramina è un antistaminico usato per alleviare i sintomi di allergia, raffreddore da fieno e raffreddore di stagione.
Meclizina
La meclizina è un antistaminico che viene usato per prevenire e curare nausea, vomito e vertigini causate dalla cinetosi. Può anche esser...
Prednisone
Il prednisone è un corticosteroide sintetico (artificiale) usato per sopprimere il sistema immunitario e per controllare l'infiammazione.