Isterosalpingografia

Contenuto di:

Principalmente, l’isterosalpingografia viene effettuata alle donne che incontrano difficoltà a rimanere incinte, permettendo al radiologo di valutare la struttura e la forma dell’utero, l’ampiezza delle tube di Falloppio, e possibili cicatrici all’interno della cavità uterina o peritoneale (addominale).

Che cos’è l’isterosalpingografia?

Missing | Pazienti.it

L’isterosalpingografia è un esame a raggi X dell’utero e delle tube di Falloppio, che utilizza una speciale forma di raggi X, chiamata fluoroscopia, ed un materiale di contrasto.

La radiografia è un esame medico non invasivo che permette ai medici di diagnosticare e curare patologie. Mostrare attraverso i raggi X vuol dire esporre una parte del corpo a una piccola dose di radiazioni ionizzanti, le quali producono immagini dell’interno del corpo. Questa tipologia di raggi è la più vecchia e utilizzata nella diagnostica medica.

La fluoroscopia è una tecnologia speciale che utilizza sempre i raggi X e rende possibile la visione interna degli organi in movimento. Durante un isterosalpingografia, l’utero e le tube di Falloppio vengono riempite con un materiale di contrasto idrosolubile; in questo modo il radiologo è in grado di utilizzare la fluoroscopia per osservare e valutare la loro anatomia e la loro funzione.

Attualmente è sostituita dalla isterosalpingosonoscopia, in cui le radiazioni sono sostituite dal controllo ecografico.

Quali sono le principali cause per cui viene effettuata una isterosalpingografia?

La procedura può essere utilizzata per investigare su ripetuti aborti spontanei, causati da anomalie congenite o acquisite dell’utero, e per determinate la presenza e la gravità di tali anomalie, tra cui:

  • Attaccamenti
  • Fibromi uterini

Serve quindi solo per diagnosticare pervietà, attività tubarica e malformazioni uterine: non viene utilizzat nel sospetto di tumore (pericolo di diffusione attraverso le tube) ed è meno utile rispetto alla isteroscopia per i fibromi.

Questo esame viene anche utilizzato per valutare l’ampiezza delle tube di Falloppio, e per monitorare gli effetti della chirurgia tubarica, includendo:

  • Intasamento delle tube di Falloppio a causa di infezioni o ferite
  • Legatura delle tube
  • La chiusura delle tube di Falloppio in un processo di sterilizzazione o in una inversione di sterilizzazione
  • La riapertura delle tube di Falloppio in seguito a una sterilizzazione o ad un intasamento dovuto ad una malattia

Come prepararsi all’isterosalpingografia?

Solitamente l’isterosalpingografia si svolge una settimana dopo le mestruazioni ma prima dell’ovulazione, così da essere certi che la paziente non sia incinta durante l’esame.

Le procedure non vengono effettuate se si ha un’infiammazione. È necessario informare il proprio medico se si ha un’infezione pelvica cronica o una malattia sessualmente trasmissibile non curata nel momento  dell’esame.

La notte prima, si potrebbe richiedere alla paziente di prendere un lassativo o un clistere, così da svuotare l’intestino, in modo che l’utero e gli organi circostanti possano essere osservati bene.

Prima delle procedura, potrebbe essere somministrato un leggero sedativo o un medicinale prescrivibile per diminuire qualunque possibile fastidio. Alcuni medici prescrivono un antibiotico da assumere prime e/o dopo l’esame.

È necessario informare il proprio medico della possibile assunzione di altri medicinali o della presenza di allergie, soprattutto a materiali di contrasto iodati. Inoltre è bene avvertirlo di recenti malattie o patologie.

Durante l’esame è possibile che la paziente debba togliere i vestiti e indossare una vestaglia. Allo stesso modo potrà essere necessario rimuovere gioielli, apparecchi dentali rimovibili, occhiali da vista e oggetti metallici o indumenti che possano interferire con l’immagine a raggi X.

È importante informare il medico ed il radiologo di una possibile gravidanze. Molto spesso questi esami non vengono effettuati con le gravidanze, così da non esporre il feto alle radiazioni. Nel caso in cui sia necessario, vengono prese delle precauzioni per minimizzare l’esposizione al bambino.

Quali attrezzature vengono utilizzate?

Le attrezzature utilizzate di solito durante questo esame prevedono un tavolo radiografico, uno o due tubi a raggi X ed un monitor situato nella sala d’esame. La fluoroscopia, che converte i raggi X in immagini, viene utilizzata per osservare e guidare l’avanzamento della procedura. Il video è prodotto dal macchinario a raggi X e da un rilevatore, che si trova sospeso sopra il tavolo in cui giace il paziente.

Come avviene la procedura?

I raggi X sono un tipo di radiazioni come la luce nelle  onde radio. Esse passano attraverso molti oggetti, tra cui anche il corpo. Una volta che viene rivolto alla parte del corpo da esaminare, un macchinario a raggi X produce una piccola scarica di radiazioni che attraversano il corpo registrando un’immagine su una pellicola fotografica o su uno speciale rilevatore.

La fluoroscopia usa raggi X continui o pulsanti per creare una sequenza di immagini che vengono proiettate in un schermo fluorescente o in un monitor. Quando si utilizzano materiali di contrasto, che definiscono chiaramente l’area esaminata rendendola scura  (o invertendo elettronicamente l’immagine in contrasto col bianco), questa tecnica speciale rende possibile ai medici osservare le articolazioni o gli organi interni in movimento. Immagini o film fermi vengono catturati e archiviati in un computer.

Fino a poco tempo fa, le immagini a raggi X venivano conservate su pellicole dure (molto simili al negativo fotografico). Oggi, buona parte delle immagini sono file digitali, conservati elettronicamente. Questi file sono facilmente accessibili e vengono spesso confrontati con immagini correnti per eseguire diagnosi o gestire le malattie.

Cosa si prova durante e dopo l’esame?

L’isterosalpingografia provoca solo piccoli fastidi.

Si possono avvertire leggeri fastidi e dolori nel momento in cui viene inserito il catetere e il materiale di contrasto viene iniettato, ma non dura a lungo. Possono anche esserci delle piccole irritazione al peritoneo, il rivestimento della cavità addominale, provocando leggeri dolori al basso addome, ma anche in questo caso si tratta di deboli dolori che durano poco. Molte donne subiscono perdite vaginali per pochi giorni dopo il controllo, il che è normale.

Argomenti: gravidanza isterosalpingografia
Missing | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Colestasi_gravidica | Pazienti.it
Colestasi gravidica

La gravidanza può presentare alcune complicazioni piuttosto rare, una di queste è la colestasi gravidica, che è causata dalla presenza di bile nella circolazione sanguigna.

Ovaia | Pazienti.it
Ovaia

L'ovaia è un elemento perlaceo, di colore bianco e situato lungo la parete laterale del bacino in una regione chiamata fossa ovarica . La fossa di solito si trova sotto...

Missing | Pazienti.it
Il parto

Il parto è il culmine di una gravidanza, ovvero il periodo con l'espulsione di uno o più neonati lattanti da una donna.

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...