Ansia da separazione

Contenuto di:

L'ansia da separazione è un disturbo che si sviluppa nell'infanzia ed è dovuta alla paura costante ed eccessiva di un'eventuale separazione dai propri genitori.

Che cos'è l'ansia da separazione?

Ansia | Pazienti.it

Per comprendere il disturbo d'ansia da separazione, è importante riconoscere prima la normale diffidenza che i neonati e i bambini hanno nei confronti degli sconosciuti e la difficoltà che hanno nel separarsi dai genitori. I neonati dimostrano l'ansia piangendo quando si avvicinano a qualcuno a loro sconosciuto. Questo normale stadio di sviluppo è legato al bambino che apprende a distinguere i suoi genitori o altri familiari da persone che non conosce. L'ansia inizia normalmente a circa 8 mesi di età e finisce circa quando il bambino ha 2 anni.

L'ansia da separazione, come stadio normale di vita, si sviluppa in circa 7 mesi di tempo, una volta che un bambino capisce che i suoi genitori non scompaiono quando sono fuori dalla portata della loro vista (permanenza dell'oggetto). Questo porta il bambino a sviluppare un vero attaccamento nei confronti dei genitori. L'ansia da separazione raggiunge il suo apice intorno ai 10-18 mesi di età e si abbassa gradualmente, di solito quando il bambino ha 3 anni. 

Oltre al temperamento del bambino, i fattori che contribuiscono al superamento dell'ansia da separazione includono le abilità del bambino e dell'adulto a far fronte alla separazione e quanto bene l'adulto risponde all'ansia del bambino. Ad esempio, i bambini di genitori ansiosi tendono ad essere bambini ansiosi.

Il disordine da ansia da separazione è un disturbo mentale che di solito inizia nell'infanzia e si caratterizza da una preoccupazione che è fuori proporzione rispetto alla situazione di lasciare temporaneamente la casa o separarsi da persone care. Circa il 4% -5% dei bambini e degli adolescenti soffre di questo disturbo.

Quali sono i sintomi?

Esempi di sintomi di disturbo d'ansia da separazione includono:

  • il rifiuto scolastico o lavorativo 
  • la fobia scolastica o lavorativa 
  • la resistenza a dormire di notte
  • le lamentele fisiche in reazione alla separazione.

I professionisti, formati ed esperti nella valutazione della salute mentale dei bambini, probabilmente intervisteranno separatamente il bambino afflitto e i genitori e chiederanno i sintomi dell'ansia e l’esistenza di altre eventuali condizioni di salute mentale.
Il disturbo è probabilmente causato dalla combinazione di vulnerabilità genetiche e ambientali.

I fattori di rischio includono il basso stato socioeconomico, le storie familiari di ansia e le madri che sono state sotto stress durante la gravidanza.

La maggioranza dei bambini con disturbo d'ansia da separazione ha il rifiuto scolastico come primo sintomo. Fino all'80% dei bambini che rifiuta la scuola, si qualifica per una diagnosi da disturbo d'ansia da separazione.

Tipi di consulenza utilizzati per trattare il disturbo comprendono psicoterapie comportamentali, cognitive e individuali, nonché consulenze genitori e dirigenti scolastici su come aiutare il bambino con il disturbo.
Le persone con questo disturbo sono a rischio maggiore per lo sviluppo di altri problemi di salute mentale, in particolare i disturbi d'ansia. Educare i genitori sui modi per aiutare il proprio bambino ad affrontare l'ansia può essere utile per prevenire lo sviluppo di questo disturbo.

I sintomi più evidenti sono:

  • ansia eccessiva che possa accadere qualcosa di male ai propri cari
  • rifiuto di andare a scuola o di rimanere soli 
  • persistente riluttanza o rifiuto di dormire di notte senza essere fisicamente vicino ai genitori
  • ripetuti incubi sul venir separati dalle persone che si ritengono importanti
  • disturbi fisici ricorrenti, come mal di testa, mal di stomaco, vomito, quando si verifica o si prevede la separazione

Esempi di sintomi comportamentali che i bambini possono esprimere per dimostrare l'ansia, l’esitazione, la riluttanza o il rifiuto di eventi che li separano dai loro cari includono:

  • piangere
  • fare i capricci 
  • implorare di non andare via
  • crisi di panico
  • attacchi di ansia

Esempi di sintomi fisici che i pazienti affetti da disturbo d'ansia da separazione possono includere:

  • disturbi allo stomaco
  • mal di testa 
  • diarrea 

Per capire se la diagnosi di disturbo d'ansia da separazione sia corretta, almeno tre dei sintomi precedenti devono persistere per almeno un mese nei bambini e negli adolescenti e almeno da sei mesi negli adulti e causare stress o problemi significativi nei confronti della scuola, delle relazioni sociali o un'altra area della vita. Inoltre, il disturbo non è considerato presente se i sintomi avvengono solo quando la persona soffre di altri problemi di salute mentale, come la schizofrenia o di un tipo specifico di disabilità dello sviluppo chiamato disordine pervasivo dello sviluppo. Il rifiuto scolastico, chiamato anche fobia scolastica, può essere un sintomo di disturbo d'ansia da separazione, ma può anche verificarsi come sintomo di altri disturbi d'ansia e non è una diagnosi in sé.

La fobia sociale, un altro disturbo d'ansia, si distingue dal disturbo d'ansia da separazione, in quanto la fobia sociale è caratterizzata da una grave paura della maggior parte, se non tutte, delle situazioni sociali, non solo degli eventi che comportano la separazione dai genitori. Questa malattia colpisce circa l'1% dei bambini e degli adolescenti e fino il 5% degli adulti.

Gli individui con fobia sociale possono essere bambini, adolescenti o adulti e l'ansia può interferire con la capacità della persona di stare nella società. I bambini con questo problema possono avere difficoltà con una serie di attività ordinarie, come giocare con i loro coetanei, parlare in classe o parlare con gli adulti.

Quali sono le cause e i fattori di rischio?

Il disturbo d'ansia da separazione (come la maggior parte delle condizioni di salute mentale) è probabilmente causato dalla combinazione di vulnerabilità genetiche e ambientali.

Oltre ad essere più comune nei bambini con storia familiare di ansia, quelli le cui madri sono state stressate durante la gravidanza, tendono ad essere più a rischio di sviluppare questo disturbo.

La maggioranza dei bambini accusa il rifiuto scolastico.

Come viene diagnosticata l'ansia da separazione?

I professionisti della salute che hanno la formazione e l'esperienza per comprendere i sintomi di bambini e adolescenti sono di solito i più qualificati per valutare il disturbo d'ansia da separazione. La valutazione più spesso riguarda un pediatra e uno psicologo infantile, uno psichiatra pediatrico o un altro professionista di salute mentale che interviene sia con il bambino che con il genitore durante la valutazione del disturbo.

Questi incontri spesso si svolgono separatamente per consentire a tutti di parlare liberamente. Ciò è particolarmente importante, in quanto i bambini e i loro genitori possono vedere diversamente la situazione. 

Oltre a chiedere i sintomi specifici dell’ansia, il professionista probabilmente cercherà di capire se il bambino avverte sintomi di altri problemi di salute mentale e raccomanderà che al bambino un esame fisico completo per garantire che non vi sia ragione medica per le problematiche che sta vivendo.

Qual è il trattamento per l'ansia da separazione?

La consulenza è il trattamento più adatto per il disturbo d'ansia da separazione di lieve gravità. Per i bambini che non sono migliorati con la sola consulenza, soffrono di sintomi più gravi e hanno altri problemi emotivi in aggiunta alla sindrome da abbandono, il trattamento dovrebbe consistere in una combinazione di approcci. La psicoterapia, il farmaco e la consulenza con i genitori sono tre interventi che sono ritenuti efficaci per il trattamento, in particolare, usati in combinazione.

La terapia di modifica comportamentale è un intervento che affronta direttamente i sintomi comportamentali del disturbo d'ansia da separazione. Questo intervento tende ad essere più efficace e meno gravoso per il bambino se i comportamenti vengono affrontati positivamente e non negativamente. Il bambino non viene punito perchè continua a soffrire, ma ricompensato per le piccole vittorie sui sintomi. Anche se ha bisogno di un sostanziale sostegno parentale, questo approccio consente al bambino di sentirsi più forte ad ogni passo, piuttosto che sperimentare un senso di fallimento, che tende a ridurre la probabilità del bambino di essere in grado di superare la sua ansia. 

La terapia cognitiva è utilizzata per aiutare i bambini ad imparare ad aumentare la loro capacità di risolvere i problemi e concentrarsi sulle cose positive che stanno accadendo. Imparando a concentrarsi su pensieri e sentimenti più positivi, i bambini possono diventare più aperti alle strategie di apprendimento per affrontare l’ansia, come ad esempio giocare, colorare, guardare la televisione o ascoltare la musica. Sebbene le tecniche di rilassamento possono essere considerati interventi più appropriati per i bambini più grandi, adolescenti e adulti, anche ai bambini possono essere insegnate semplici tecniche di rilassamento, come imitare i propri genitori, fare respiri profondi o contare lentamente fino a 10 per calmarsi.

Se la psicoterapia non è bastata o se i sintomi dei bambini sono ancora gravi, il farmaco è considerato un'opzione valida. Tuttavia, non esistono farmaci approvati specificamente dall'Amministrazione federale degli alimenti e farmaci (FDA) per trattare il disturbo d'ansia da separazione. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, come la fluvoxamina, sono stati considerati un trattamento efficace per il disordine di ansia da separazione.

Sono farmaci che aumentano la quantità di serotonina neurochimica nel cervello. Funzionano selettivamente inibendo (bloccando) la ricaptazione della serotonina nel cervello. Questo blocco si verifica a livello delle sinapsi, il luogo dove le cellule del cervello (neuroni) si collegano tra di loro. La serotonina è una delle sostanze chimiche del cervello che trasportano i messaggi attraverso queste connessioni (sinapsi) da un neurone all'altro.

Gli inibitori funzionano mantenendo la serotonina presente in concentrazioni elevate nelle sinapsi. Questi farmaci lo fanno prevenendo la ricaptazione della serotonina nella cellula nervosa di invio. La ricaptazione della serotonina è responsabile del blocco della produzione di nuova serotonina. Pertanto, il messaggio della serotonina continua a venire inviato. Si pensa che questo, a sua volta, aiuti a suscitare (attivare) le cellule che sono state disattivate dall'ansia, in modo da alleviare i sintomi dell'ansia.

Hanno meno effetti collaterali rispetto agli antidepressivi triciclici. Questi farmaci non tendono a causare ipotensione ortostatica (improvvisi cali di pressione sanguigna) o disturbi del ritmo cardiaco. 

Gli inibitori sono generalmente ben tollerati e gli effetti collaterali sono generalmente lievi. Gli effetti collaterali più comuni sono:

Gli effetti collaterali in genere compaiono nel primo mese di utilizzo. Alcuni pazienti presentano tremori. La sindrome della serotonina, chiamata anche sindrome serotonergica, è una grave condizione neurologica associata all'uso di inibitori, caratterizzata da elevata febbre, convulsioni e disturbi del ritmo cardiaco. La sindrome della serotonina, così come il peggioramento acuto dei sintomi emotivi, è molto rara.

Cosa succede se il disturbo non viene trattato?

Le complicazioni potenziali del disturbo d'ansia da separazione includono problemi di depressione e ansia come negli adulti, così come disturbi della personalità, in cui l'ansia è un sintomo importante. 

È possibile prevenire i disturbi d'ansia da separazione?

Educare i genitori sui modi per aiutare il proprio bambino ad affrontare l'ansia può essere utile nella prevenzione del disturbo d'ansia da separazione. In particolare, aiutare i genitori a guidare il proprio figlio attraverso esperienze che causano ansia, nonché sviluppare modi sani per far fronte a tali esperienze, sembra diminuire la probabilità di sviluppare qualsiasi disturbo d'ansia.

Argomenti: ansia ansia da stress attacchi d'ansia Ansia da separazione
Ansia | Pazienti.it
Tranquillanti o Ansiolitici

Gli ansiolitici sono una categoria di psicofarmaci utilizzati per attenuare e curare diversi disturbi dovuti a sensazioni di ansia e di angoscia. Possono aiutare anche a migliorare la qualità del...

Angoscia | Pazienti.it
Angoscia

L'angoscia è uno stato psichico cosciente di ansietà e sofferenza, che rappresenta una paura senza nome e le cui cause e origini non sono dirette o immediatamente individuabili.

Missing | Pazienti.it
Desipramina

E’ un farmaco usato nel trattamento della depressione. Si tratta di un antidepressivo triciclico che ha la funzione di aumentare l’attività di alcune sostanze chimiche del cervello aiutando a migliorare...

Farmaci_adrenergici | Pazienti.it
Farmaci adrenergici

I farmaci adrenergici, noti anche come farmaci simpaticomimetici, sono medicinali che stimolano il sistema nervoso simpatico (SNS), che fa parte del sistema nervoso autonomo (SNA).

Xanax | Pazienti.it
Xanax

Lo Xanax è indicato nel trattamento del disturbo da attacchi di panico quando il disturbo è grave, disabilitante o sottopone il soggetto a grave disagio.

Emozioni | Pazienti.it
Alessitimia

L'alessitimia, conosciuta anche con il nome alexitimia, è un disturbo psicologico che consiste in un deficit della propria consapevolezza emotiva.

Fiori | Pazienti.it
Fiori di Bach

I fiori di Bach sono un elenco, scritto nel 1930 da un omeopata inglese, Edward Bach, di piante selezionate, che vengono utilizzate per “curare” i diversi stati d'animo di una...

Training_autogeno | Pazienti.it
Training autogeno

Il training autogeno è principalmente conosciuto come una tecnica di rilassamento utile per gestire ansia e stress, ma in realtà è stato sviluppato a fini terapeutici per molteplici condizioni nei...

Esaurimento_nervoso | Pazienti.it
Esaurimento nervoso

Non si tratta di un temine medico, ma è un’espressione usata per descrivere una situazione di forte stress che sconvolge la vita quotidiana che improvvisamente diventa difficile da gestire.

Ipocondria | Pazienti.it
Ipocondria

L'ipocondria è un termine medico volto ad indicare uno stato di preoccupazione eccessiva per la propria salute fisica e/o psichica, in assenza di dati patologici.