Gravidanza molare

Contenuto di:

Una gravidanza molare è una gravidanza che non ha avuto successo, cioè nella quale il bambino non si è sviluppato. Nella gravidanza molare, le cellule della placenta si comportano in modo non normale non appena l’uovo viene fecondato dallo sperma, formando una massa di cellule anomale (la mola) che cresce rapidamente nell’utero al posto del normale sviluppo del bambino. La mola deve essere rimossa chirurgicamente.

Che cos’è la gravidanza molare?

Gravidanza | Pazienti.it

Una gravidanza molare è una gravidanza che non ha avuto successo, cioè nella quale il bambino non si è sviluppato. In una normale gravidanza, la placenta fornisce nutrimento per lo sviluppo del bambino e rimuove le sostanze da eliminare. La placenta è formata da milioni di cellule chiamate trofoblastiche. Nella gravidanza molare, queste cellule si comportano in modo non normale non appena l’uovo viene fecondato dallo sperma, formando una massa di cellule anomale che cresce rapidamente nell’utero al posto dello sviluppo del bambino. La massa di cellule è chiamata mola. La gravidanza molare è chiamata anche tumore trofoblastico, malattia trofoblastica e mola idatiforme.

Quali sono i sintomi della gravidanza molare?

Alcune donne sviluppano dei sintomi di gravidanza anomali. Il sintomo più frequente della gravidanza molare è il sanguinamento vaginale. Di solito il medico individua la malattia durante la prima ecografia, tra la decima e la sedicesima settimana di gravidanza.

Quali sono i tipi di gravidanza molare?

Gravidanza molare parziale

La gravidanza molare parziale si presenta quando c’è del materiale genetico sia della madre sia del padre, ma quello del padre è doppio. Il feto può essere visibile nelle prima ecografia, ma è anomalo e non sopravvive oltre i primi tre mesi di gravidanza.

Gravidanza molare totale

Un gravidanza molare totale è una massa di cellule che cresce velocemente e che non contiene un feto. Si sviluppa quando c’è solo del materiale genetico paterno e quello materno è del tutto assente.

Quante donne sviluppano una gravidanza molare?

La gravidanza molare non è comune.

Come si rimuove la mola nella gravidanza molare?

La mola è una massa benigna, cioè non cancerogena. Tuttavia, deve essere rimossa chirurgicamente da un ginecologo. L’operazione di rimozione della mola è chiamata dilatazione e raschiamento, procedura che implica l’asportazione di una parte della parete uterina.

Argomenti: gravidanza molare gravidanza raschiamento
Rosolia | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Ovaia | Pazienti.it
Ovaie

Le ovaie sono le gonadi femminili, cioè il luogo dove vengono prodotti e si accrescono gli ovociti. Hanno una forma ovale e sono situate lungo la parete laterale del bacino...

Parto | Pazienti.it
Parto

Il parto è considerato il fine naturale della gravidanza, con espulsione o estrazione del feto e degli annessi fetali ( placenta e membrane amniotiche) oltre la 22esima settimana di...

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...

Acido_folico | Pazienti.it
Acido folico

L'acido folico, detto anche vitamina B9 o folato, è una vitamina idrosolubile che svolge un ruolo fondamentale nella scomposizione e nell'utilizzo delle proteine, coadiuvato dalla vitamina B12. Inoltre, questa vitamina...