Placenta previa

Contenuto di:

La placenta previa è una situazione in cui la placenta si inserisce nella parte bassa dell’utero, andando a coprire in parte o interamente l’orifizio uterino, una sorta di imbuto che conduce al collo dell'utero.

Che cos'è la placenta previa?

Placenta_previa | Pazienti.it

La placenta previa è una situazione in cui la placenta si inserisce nella parte bassa dell’utero, andando a coprire in parte o interamente l’orifizio uterino, una sorta di imbuto che conduce al collo dell'utero.

Qual è l'eziopatogenesi della placenta previa?

La placenta umana è l'organo deputato ad un flusso di sangue continuo tra madre e feto, sia per permettere gli scambi metabolici tra la madre e il feto, sia per l'ossigenzaione e l'espulsione delle scorie fetali.

Si costituisce attraverso una parte materna, o decidua, e una fetale, ossia il corion. Inizialmente e fino alla seconda settimana, i villi (che sono come piccole radici attorno all’uovo fecondato) circondano l'intera superficie del corion. I villi hanno sulla loro superficie esterna il sinciziotrofoblasto, che ha capacità erosive.

Questa capacità è quella che permette ai villi di erodere la parete uterina per impiantarsi. Se ciò avviene prematuramente rispetto al viaggio che l’uovo fecondato fa verso l’utero, l’impianto si avrà in una tuba (gravidanza extrauterina tubarica), se avviene nel tempo giusto, l’impianto avviene, come nella maggior parte dei casi sul fondo (la parte più alta) dell’utero.

Se avviene in ritardo, si avrà poi un impianto basso che potrà dare origine alla placenta previa o ad una gravidanza cervicale (nel collo dell’utero) o si avrà la espulsione dell’uovo. Durante il terzo mese, contemporaneamente all'espansione del corion, i villi situati sulla parte decidua capsulare vengono stirati fino a scomparire. Alla parte opposta, sullo strato basale, i villi diventano più folti, lunghi e ramificati per compensare la scomparsa dei villi dal lato deciduale. L'espansione del corion è accompagnata dall'espansione dell'amnios, che porta la parte decidua capsulare e parietale a contatto e quindi a fusione/sostituzione, con formazione della decidua "vera".

La placenta definitiva quindi deriva dall'accollamento della decidua basale e il corion frondoso, una struttura discoidale, la cui forma è determinata dall'area su cui rimangono i villi. Importante a questo punto evidenziare una differenza tra parete uterina e tessuto placentare: la placenta non è elastica, mentre la parete uterina lo è: quindi la “ progressione” della placenta verso il fondo uterino, non è un vero spostamento verso l’alto della placenta, ma un suo trasporto da parte della parete uterina che, lentamente si distende per la crescita dell’utero.

Inoltre una contrazione uterina rapida, porterà ad un distacco di una parte o totale della placenta, che non è in grado di seguire i movimenti uterini rapidi, come sono le contrazioni. In condizioni normali, la placenta si impianta nella parte superiore della cavità uterina, ma in un caso su 200 circa può insediarsi appunto nella parte bassa. Il problema sta nel fatto che si tratta di una parte che si dilata durante il travaglio per consentire il passaggio del feto, e questo potrebbe provocare distacchi improvvisi della placenta, potenzialmente molto pericolosi per il bambino e per la mamma.

Si chiama praevia o previa dal latino: la placenta sta davanti al feto. Sino alla ventesima settimana non è definitivo il punto di impianto placentare, per cui non si deve fare, ecograficamente, diagnosi di placenta previa prima della ventesima settimana. Può essere diverso il punto in cui si è impiantata la placenta sulla parete uterina, per cui si avranno diversi gradi di placenta previa:

  • Placenta previa laterale: se il bordo inferiore della stessa giunge a quasi a due cm dall’orifizio uterino interno.
  • Placenta previa marginale: se il bordo della stessa giunge a lambire l’orifizio uterino interno.
  • Placenta previa paracentrale: se il bordo della stessa occupa parzialmente l’O.U.I.
  • Placenta previa centrale :quando la placenta occlude totalmente l’O.U.I.

Diagnosi di sospetto di placenta previa lo si ha quando iniziano perdite ematiche in gravidanza precocemente, non accompagnate da forti contrazioni e con uno sviluppo uterino normale. Di solito, più la placenta è inserita in basso, prima iniziano le perdite, perchè è  nella zona dell’orifizio uterino interno che si trova l’istmo uterino: la zona in cui la parete uterina è più elastica e distensibile, per cui è lì che la placenta più facilmente si stacca.

La diagnosi fortunatamente (ma solo dopo la ventesima settimana) è resa semplice dalla ecografia. Un tempo, prima dell’avvento della ecografia, il sospetto di placenta praevia paracentrale o centrale non poteva essere confermato da una visita ginecologica interna, per il pericolo di ledere con il dito esploratore un grosso vaso placentare.

Come si sviluppa l’ovulo nella donna?

Dai cinque ai sette giorni dopo l’ovulazione (quando un’ovaia rilascia l’uovo), l’uovo fecondato si impianta nella parete uterina e produce delle escrescenze simili a delle radici chiamate villi, che permettono l’ancoraggio dell’uovo e crescono nella placenta (l’organo che nutre e protegge il bambino fino alla nascita). La placenta sostiene e alimenta il bambino permettendo il trasferimento di ossigeno, aminoacidi, grassi, vitamine e minerali dal sangue della mamma. Permette anche di espellere via le sostanze da eliminare dal bambino.

Fase embrionale e fetale

Dopo l’impianto nella parete uterina fino a circa l’ottava settimana di vita, il bambino in formazione è chiamato embrione. Lo sviluppo è rapido in questa fase, dato che le cellule specializzate iniziano a formare gli organi vitali, il sistema nervoso, le ossa, i muscoli e il sangue. Dopo otto settimane di gravidanza, il bambino che si sta sviluppando è chiamato feto, è grande circa 2,4 cm e i suoi organi interni sono per la maggior parte formati. Si vedono i caratteri esterni, come gli occhi, il naso, la bocca e le orecchie e si possono iniziare a vedere le dita delle mani e dei piedi. Proporzionalmente alla crescita del bambino cresce anche l’utero. Una doppia membrana contenente liquido lo circonda : questa si rompe normalmente nel momento del parto e rilascia il liquido amniotico (il liquido in cui il bambino è immerso). Durante la gravidanza, il bambino galleggia nel liquido amniotico e ingurgita costantemente questo fluido, che espelle attraverso l’urina.Molte informazioni sullo stato di salute del bambino si possono ottenere dall'amniocentesi, una procedura in cui viene estratto un campione di liquido amniotico che viene poi analizzato. Tuttavia, l’amniocentesi è una procedura abbastanza invasiva (prevede l' inserimento di un ago) e comporta un minimo rischio di aborto, è quindi consigliata solo alle donne che hanno un alto rischio di partorire un bambino con gravi malattie o anomalie per diagnosticarle.

Cura prenatale

La cura prenatale è quella eseguita dal proprio ginecologo attraverso una serie di appuntamenti in cui si monitora sia la salute della mamma sia quella del bambino.

Durata della gravidanza

La durata di una normale gravidanza varia tra le 37 e le 42 settimane, sebbene la data del parto è calcolata a 40 settimane dal primo giorno dell’ultimo ciclo. Solo il 5% dei bambini nasce nella data stabilita. I bambini nati prima delle 37 settimane sono considerati prematuri.

Quali sono i problemi correlati alla gravidanza?

Le possibili complicazioni che possono presentarsi durante la gravidanza includono:

  • aborto: interruzione di gravidanza durante le prime 23 settimane
  • gravidanza ectopica: quando un uovo fecondato si impianta ad di fuori dell’utero
  • pre-enclapsia: un problema che riguarda la placenta e che causa un aumento della pressione sanguigna della madre e problemi di crescita al bambino
  • natimortalità: un bambino nato dopo 24 settimane di gravidanza che non mostra segni di vita

Ci sono altre complicazioni non comuni, una di queste è la placenta previa.

Quali sono le fasi della gravidanza?

Primo trimestre (da 0 a 13 settimane)

  • lo sviluppo del bambino è più veloce durante questa fase. Entro la fine della tredicesima settimana, il bambino è completamente formato
  • alcuni dei fastidi più comuni della gravidanza, come nausea, stanchezza e sensibilità al seno, sono più pronunciati in questo periodo

Secondo semestre (da 14 a 26 settimane)

  • durante questo periodo, il bambino continua a crescere e svilupparsi e le madri iniziano a prendere peso: il grasso è conservato come riserva di energia
  • possono essere percepiti i movimenti del bambino nell’utero

Terzo semestre (da 27 settimane alla nascita)

  • il bambino inizia a depositare le proprie riserve di grasso e cresce rapidamente in vista del parto
  • i polmoni del bambino maturano e i sensi come l’udito, il gusto e la vista si sviluppano
  • la mamma sente più fastidio durante la notte e deve urinare molto spesso
  • si hanno delle contrazioni del tutto normali, conosciute come contrazioni di Braxton Hicks

Qual è il trattamento per la placenta previa?

Trattamento: se la diagnosi di placenta previa riguarda una laterale o marginale, l’atteggiamento è di massima, stretta  attesa, dato che il parto può avvenire con meccanismo naturale, perchè al momento della rottura delle membrane, il feto stesso può fare da tampone, schiacciando la placenta verso la parete ossea pelvica.

Se si ha una placenta previa paracentrale o centrale, la scelta deve essere di tipo chirurgico, anche in base alla entità delle perdite, ed all’epoca di gravidanza, possibilmente dopo che si è avuta maturità polmonare fetale con cortisonici, sempre che la entità della perdita lo permetta.  

Argomenti: gravidanza aborto spontaneo Placenta previa cervice
Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Ovaia | Pazienti.it
Ovaie

Le ovaie sono le gonadi femminili, cioè il luogo dove vengono prodotti e si accrescono gli ovociti. Hanno una forma ovale e sono situate lungo la parete laterale del bacino...

Parto | Pazienti.it
Parto

Il parto è considerato il fine naturale della gravidanza, con espulsione o estrazione del feto e degli annessi fetali ( placenta e membrane amniotiche) oltre la 22esima settimana di...

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...

Acido_folico | Pazienti.it
Acido folico

L'acido folico, detto anche vitamina B9 o folato, è una vitamina idrosolubile che svolge un ruolo fondamentale nella scomposizione e nell'utilizzo delle proteine, coadiuvato dalla vitamina B12. Inoltre, questa vitamina...

Amniocentesi | Pazienti.it
Amniocentesi

L'amniocentesi è una procedura in cui viene rimossa una parte di liquido amniotico dall'utero per effettuare un test. Il liquido amniotico circonda e protegge un bambino durante la gravidanza. Il...