Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 10 consigli per mantenere l’abbronzatura

10 consigli per mantenere l’abbronzatura

Ultimo aggiornamento – 05 settembre, 2017

10 consigli per mantenere l'abbronzatura a lungo
Indice

Se siete appena tornati dalle vacanze a base di sole e mare, di certo non vedrete l’ora di sfoggiare la vostra nuova abbronzatura ottenuta con tanto sudore a lavoro! Magari vorreste anche farla durare un po’ più a lungo. Ma come fare? Ecco alcuni trucchi efficaci per mantenere l’abbronzatura, fino all’autunno… o quasi!

I segreti per mantenere l’abbronzatura

Conservare l’abbronzatura anche durante i primi mesi di rientro dalle ferie è assolutamente possibile. Ecco come fare:

  1. A tutto scrub! – Potrà sembrare strano, ma lo scrub alla pelle è l’ideale per assicurarsi una abbronzatura più resistente. Infatti, quando ci si abbronza, il sole stimola la produzione di un pigmento, noto come melanina, responsabile della colorazione degli strati più superficiali della cute. In particolare, proprio lo strato più superficiale si esfolia ogni due settimane circa, quindi, per essere sicuri che le cellule epiteliali siano al loro stadio iniziale, è consigliabile fare uno scrub vigoroso giusto qualche giorno prima di lasciare la spiaggia. Il prodotto per l’esfoliazione non deve essere necessariamente costoso, infatti sono sufficienti dei sali misti a miele e dei guanti per applicare e strofinare.
  2. Integratori – Per poter mantenere l’abbronzatura più a lungo, per coloro che proprio non possono rinunciarvi, è possibile assumere delle pastiglie di integratori a base di betacarotene e licopene, già presenti in carote e pomodori, che prolungano la produzione di melanina e favoriscono il mantenimento dell’abbronzatura.
  3. Bere molta acqua – D’estate bisogna bere di più. Non è un consiglio generale, ma una vera e propria necessità del corpo, perché si perdono molti più liquidi a causa del sudore. Inoltre, quando la pelle si secca tende a “staccarsi” più facilmente e di conseguenza l’abbronzatura sbiadisce. Per assicurarsi che le cellule siano sempre ben idratate, è necessario nutrirle sia da fuori sia da dentro.
  4. Pelle sempre morbida – Oltre ad idratare la pelle dall’interno, come è stato descritto in precedenza, nel periodo estivo è necessario idratarla dall’esterno, almeno due volte al giorno. I prodotti consigliati sono le creme con aloe vera. Inoltre, si consiglia di applicare sul viso ancora umido alcune gocce di olio al germe di grano, perché non solo favorisce una abbronzatura più duratura, ma anche una profonda pulizia e idratazione della pelle, prevenendo infine i primi segni dell’invecchiamento.
  5. Anche il cibo fa la sua parte – Oltre all’acqua, anche l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nel mantenimento della abbronzatura. I principali cibi sono soprattutto ortaggi e frutta, che contengono vitamine, flavonoidi, betacarotene e licopene. Gli alimenti più consigliati sono anche quelli facilmente reperibili d’estate: pomodori, peperoni, zucche, carote, meloni, albicocche e pesche.
  6. Olio di carota – Questo consiglio è da applicarsi durante a vacanza. Infatti, l’olio di carota, noto anche come oleolito di carota, applicato sulla pelle umida dopo la doccia, specie al rientro dalla spiaggia, contribuisce a favorire l’abbronzatura nelle esposizioni dei giorni successivi.
  7. Burro di karité – Il burro di karité ha una doppia azione: se utilizzato prima della vacanza, predispone la pelle a ricevere l’abbronzatura, se applicato dopo delle sessioni di bagni di sole, favorisce il mantenimento della tintarella, donando alla pelle un aspetto molto luminoso. Il momento migliore per applicarlo è la sera, dopo la doccia e a seguito di una lunga giornata in spiaggia. Inoltre, come sapone si consiglia di utilizzare prodotti a base di mallo di noce che donano all’abbronzatura un tocco dorato.
  8. Aloe Vera – Ormai è universalmente noto che l’Aloe vera ha numerosissimi benefici e altrettanti utilizzi. Ebbene, non è un prodotto da lasciare a casa e da non portare in vacanza, perché anche questa volta viene in nostro soccorso. Anzi, in soccorso della tintarella, visto che applicata in gel come dopo sole, favorisce non solo l’abbronzatura ma la protezione delle pelli più sensibili. Un must dell’estate.
  9. Olio di avocado – Idratazione e abbronzatura possono solo trarre beneficio da questo olio, specialmente se ormai si è già rientrati dalle vacanze. Per preservare l’abbronzatura, si consiglia di massaggiare la pelle con olio di avocado ogni sera, magari insieme anche a qualche goccia di olio di jojoba e olio d’oliva.
  10. Profumi? Meglio di no – I profumi a base di alcol contribuiscono a seccare la pelle, anticipando di gran lunga le due settimane di ciclo di vita delle cellule epiteliali e causando quindi la perdita dell’abbronzatura. Inoltre, possono provocare irritazioni alla pelle e macchie antiestetiche. Pertanto, al ritorno dalle vacanze, sarebbe meglio prediligere delle acque floreali naturali e biologiche, senza alcool e molto idratanti.

E tu quale metodo utilizzi per procrastinare la perdita dell’abbronzatura? Raccontacelo nei commenti!

Mostra commenti
Pressione alta: quando la colpa è dei reni
Pressione alta: quando la colpa è dei reni
Mioma uterino, chi è più a rischio?
Mioma uterino, chi è più a rischio?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?