Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 15 alimenti ricchi di vitamina B12

15 alimenti ricchi di vitamina B12

Ultimo aggiornamento – 13 dicembre, 2016

vitamina b12: dove trovarlo

Per poter essere in perfetta salute è essenziale assumere le giuste dosi delle diverse vitamine.

Tra queste c’è la vitamina B12, la cui regolare assunzione è fondamentale per lo svolgimento di funzioni vitali.

A cosa serve la vitamina B12?

La vitamina B12 è infatti coinvolta nella sintesi degli acidi nucleici (DNA, RNA), nella produzione dei globuli rossi, e in più rafforza il sistema immunitario e favorisce le regolari funzioni nervose.

Dove si trova la vitamina B12?

Tuttavia la vitamina B12 è reperibile solo all’interno di fonti animali, pertanto le persone vegetariane e vegane possono aver problemi a reperire la quota minima giornaliera di vitamina B12, pari a circa 2.8 microgrammi.

Anche le persone affette da problemi digestivi come la celiachia, sono a rischio di deficit di vitamina B12 proprio per le difficoltà dell’intestino ad assorbire alcuni nutrienti.

Le persone con deficit di vitamina B12 possono manifestare sintomi come fatica, debolezza, vertigini.

Per evitare di incorrere in tali situazioni, non resta che seguire una dieta in grado di garantire il corretto apporto di vitamina B12.

Quali cibi sono più ricchi di vitamina B12?

Ecco quali sono i 15 alimenti più ricchi di vitamina B12 che non devono mancare in una dieta ben equilibrata:

  1. Vongole – Le vongole sono tra gli alimenti più ricchi di vitamina B12 con circa 84 microgrammi in meno di 100g di vongole. Oltre ad essere ricche di vitamina B12, contengono una quantità considerevole di potassio. Un piatto di spaghetti con vongole sarà in grado di deliziare il palato e di fornire nutrienti fondamentali per la nostra salute.
  1. Ostriche – Oltre a contenere ottimi livelli di vitamina B12 (21 mcg per tre oncie di ostriche), le ostriche contengono elevati livelli di zinco. Questo minerale essenziale fornisce un supporto al sistema immunitario e aiuta a combattere il raffreddore e l’influenza. In più, lo zinco favorisce la produzione di testosterone con effetti positivi sul desiderio sessuale, ma anche sul corretto funzionamento delle ovaie.
  1. Cozze – Sono ricche di vitamina B12 e in più costituiscono un’ottima fonte di proteine, potassio, vitamina C e Omega 3.
  1. Granchio – Alimento prelibato e ricco di vitamina B12, vitamine A, B, C e magnesio. Così come le ostriche, anche i granchi contengono importanti quantità di zinco, pari al 58% della dose giornaliera consigliata.
  1. Sardine – Questi piccoli pesci oltre ad essere un’importante fonte di vitamina B12, sono davvero ricchissime di calcio, molto più dei latticini ad esempio. Inoltre le sardine contengono vitamina D e Omega 3. Se acquistate in scatola, è consigliabile risciacquarle più volte prima di cucinarle così da eliminare il sale in eccesso.
  1. Trota – La carne di pesci di grandi dimensioni come le trote, oltre ad essere ricca di vitamina B12, lo è anche di vitamina D e Omega 3 che facilitano l’attività del cervello e aiutano a combattere le infiammazioni.
  1. Salmone – Il salmone non è solo apprezzato per il sapore della sua tenera carne, ma anche per la presenza di nutrienti fondamentali per la salute: vitamina B12, vitamina D e gli Omega 3 che costituiscono ottimi alleati per lo stato di salute del proprio cuore.
  1. Tonno – Sicuramente è tra i pesci più apprezzati nelle cucine di tutto il mondo, ma forse non tutti conoscono i benefici che il tonno può avere sulla nostra salute. Infatti, è ricco di vitamina B12 e di vitamina D e inoltre ha anche importanti quantità di Omega 3, inclusi l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesanoico (DHA), che svolgono una funzione protettiva a livello del sistema nervoso centrale.
  1. Asinello – La carne di questo pesce pur presentando una quota minore di vitamina B12 e di Omega 3, risulta comunque ricco di proteine ed è inoltre povero di mercurio, elemento chimico che può essere mortale se ingerito in quantità elevate.
  1. Manzo – La carne di manzo è un’ottima fonte di zinco e vitamina B12 ed è inoltre ricca di riboflavina , che aiuta ad alleviare i sintomi premesturali.
  1. Latte – Il latte, si sa, è un alimento ricco di calcio e di vitamina D ma forse non tutti sanno che il latte può avere effetti positivi sui sintomi del ciclo mestruale. In più, un recente studio dell’Università del Massachusetts ha rivelato che le donne abituate a consumare regolarmente latte e derivati, hanno meno problemi di ovulazione.
  1. Yogurt – Lo yogurt è una buona fonte di vitamina B12, di calcio, magnesio e di proteine. Gli studi dimostrano che mangiare regolarmente yogurt abbassa i rischi di sviluppare il diabete e l’ipertensione. Grazie alla presenza di importanti probiotici, lo yogurt rappresenta un ottimo aiuto per la digestione favorendo la proliferazione della flora intestinale.
  1. Uova – Le uova contengono grandi quantità di vitamina D e di magnesio, importanti perché favoriscono l’assorbimento di calcio e contribuiscono a garantire ossa resistenti.
  1. Pollo – Anche il pollo rappresenta una buona fonte di proteine e inoltre accelera il metabolismo, favorendo i processi digestivi.
  1. Tacchino – La carne di tacchino risulta ricca di selenio, che favorisce l’azione del sistema immunitario. Inoltre contiene anche triptofano, un elemento che garantisce un buon riposo notturno.
Mostra commenti
Sindrome dell’occhio secco: 14 sintomi da non sottovalutare
Sindrome dell’occhio secco: 14 sintomi da non sottovalutare
Mangiarsi le unghie: ecco come smettere
Mangiarsi le unghie: ecco come smettere
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Il frutto che fa bene al fegato e alla vista? È piccolo e arancione
Il frutto che fa bene al fegato e alla vista? È piccolo e arancione
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Come favorire la digestione
Come favorire la digestione
Quali cibi prevengono la formazione dell’emicrania?
Quali cibi prevengono la formazione dell’emicrania?