Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come Cambia Il Corpo Di Una Donna Dai 20 Ai 60 Anni

Come cambia il corpo di una donna dai 20 ai 60 anni

Redazione

Ultimo aggiornamento – 10 Aprile, 2019

Come cambia il corpo di una donna dai 20 ai 60 anni

Sono inevitabili. Il segreto è imparare a gestirli e accettarli, meglio se con serenità. Stiamo parlando dei cambiamenti del corpo nella donna, quella macchina complessa che, con l’avanzare dell’età, comincia a presentare alcune modifiche, sia all’interno sia all’esterno.

Inutile (purtroppo!) provare a contrastare questo fenomeno. L’unica via d’uscita è imparare a conoscersi, capendo come cambia il corpo.

20 anni, l’età d’oro

I vent’anni, chi non li rimpiange? Si tratta di un periodo molto delicato per lo sviluppo del corpo femminile, durante il quale bisogna fare i conti con le trasformazioni che il diventare donna porta con sé.

Il fisico – salvo eventuali problematiche – è tonico e scattante. La massa muscolare vince quasi sempre su quella grassa. Se si pratica sport, la quantità di grasso è davvero molto molto bassa.

La pelle? Liscia, luminosa e compatta. Ovviamente, la cura di sé inizia subito a quest’età: meglio evitare i lunghi bagni di sole, per scongiurare la presenza di rughe e macchie alla vigilia degli anta.

30 anni, il metabolismo inizia a sentire il peso dell’età

Dicono che i 30 anni siano l’età più bella della vita di una donna. Forse, è davvero così: si raggiunge la piena consapevolezza di sé e del proprio corpo, e la forma fisica riesce a mantenersi senza troppi sforzi.

Non è tutto oro quel che luccica, dice la saggezza popolare. A quest’età, infatti, iniziano a verificarsi i primi rallentamenti del metabolismo.

Il grasso corporeo aumenta, soprattutto nelle zone critiche: pancia, cosce e fianchi sono certamente i più colpiti, arrivando a una percentuale del 20-24% se si è dediti all’attività fisica. In caso contrario, i numeri si alzano anche di dieci punti. Tutto ciò accade anche come processo preparatorio in vista di un’eventuale gravidanza.

Non c’è nulla di cui disperarsi: la silhouette rimane simile a quella che si aveva a 20 anni, anche se diventa certamente più difficile da mantenere. Meglio evitare peccati di gola, dunque, e seguire una alimentazione sana, oltre ad attività fisica costante.

40 anni, la massa grassa aumenta e si perdono i primi centimetri

A quest’età, i cambiamenti del corpo diventano molto evidenti. Il grasso corporeo arriva al 23-27% quando si pratica attività, al 28-34% quando si conduce una vita sedentaria.

Dunque, il metabolismo si riduce, così come anche i muscoli, lo spessore e la solidità delle ossa. In più, si potrebbe verificare una leggera riduzione della statura, dovuta a un incurvamento della spina dorsale.

Inoltre, in questi anni iniziano a manifestarsi i primi problemi dentali: gengiviti e di infezioni orali soprattutto. Il corpo dunque risulta un po’ più appesantito, rigido e debole rispetto al passato.

Per rimanere in forma sono consigliati dieta molto controllata, sonno e allenamento regolari.

50 anni, l’arrivo della menopausa

Con l’arrivo della menopausa, intorno ai 50 anni di età, il corpo della donna subisce trasformazioni molto importanti.

Tutta colpa dei cambiamenti ormonali: il metabolismo rallenta, la pelle diviene meno elastica e lo spessore delle ossa si riduce.

La conseguenza a tutto ciò è un aumento di peso pressoché fisiologico. In alcuni casi, infatti, si arrivano a prendere anche due taglie, ovvero tra i 7 e i 10 chili: la massa grassa aumenta e le forme cambiano.

Anche i capelli ne risentono: perdono spessore e consistenza, oltre che essere sempre più radi. Non lasciatevi prendere dall’ansia e adottate qualche trucco: sì a 4-5 pasti leggeri al giorno e ad attività fisica quotidiana.

60 anni, benvenuta maturità

Il terremoto “menopausa” dovrebbe essere ormai passato e a 60 inizia (finalmente!) l’età della piena maturità.

Attenzione, però: in questo periodo si potrebbe presentare un calo dell’appetito ma è necessario evitare di dimagrire troppo, per non rischiare di invecchiare troppo precocemente.

Ah, le rughe: i punti in cui prestare maggior riguardo sono sicuramente collo e mani. Per ridurre al minimo la comparsa di segni del tempo evidenti è necessario usare sempre la protezione solare, idratarsi e fare regolarmente attività fisica, così da rimanere toniche.

Mostra commenti
Vitamina D: un fattore di protezione per il tumore al seno
Vitamina D: un fattore di protezione per il tumore al seno
La pressione alta è sempre negativa?
La pressione alta è sempre negativa?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Cosa mangiare (e cosa no) quando si ha il mal di gola
Cosa mangiare (e cosa no) quando si ha il mal di gola
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla