Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come Combattere I Crampi Muscolari

Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci

Chiara Tuccilli | Biologa e Dottore di Ricerca in Scienze Endocrinologiche

Ultimo aggiornamento – 24 Settembre, 2019

Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci

Chi non ha mai sperimentato gli (odiosi!) crampi muscolari? Quel dolore improvviso e acuto degli arti, soprattutto inferiori, che può insorgere dopo uno sforzo fisico eccessivo ma, purtroppo, anche a riposo. Sono gli anziani, in particolare, a sperimentare i crampi notturni. Per i giovani, invece, dolori polpacci e affini sono più frequenti dopo attività particolarmente impegnative.

Ma come combattere i crampi muscolari? Cosa fare nell’immediato? Soprattutto, come evitarli?

A cosa sono dovuti i crampi muscolare

Le cause dei crampi muscolari sono molteplici. Includono anche la gravidanza, le malattie del sistema nervoso, dei vasi sanguigni, della tiroide, dei reni. Ci sono poi gli effetti collaterali dei farmaci e l’abuso di sostanze.

Le cause più comuni sono però la disidratazione e la carenza di sali minerali, così come lo sforzo muscolare eccessivo.

E i rimedi per i crampi muscolari – per cercare di alleviare il disturbo – possono essere semplici e naturali.

Come evitare i crampi muscolari

Partiamo quindi proprio da ciò che è bene fare per prevenire i crampi, contrastando le loro cause più comuni.

  • Idratazione – Per prevenire i crampi muscolari è fondamentale garantirsi sempre una buona idratazione. Bere tanto, quindi, soprattutto quando si svolge attività fisica. In una dieta sana, è importante introdurre almeno due litri di acqua al giorno. Per contribuire all’idratazione si possono anche consumare tè, tisane, succhi e centrifughe fatti in casa.
  • Giusto apporto di sali minerali – Per garantire l’apporto dei minerali utili a contrastare l’insorgenza dei crampi, è importante mangiare alimenti ricchi di magnesio, potassio e calcio. Insomma, portiamo in tavola il latte e i suoi derivati, i cerali integrali, i legumi. Consumiamo almeno 4-5 porzioni di verdure e frutta e non dimentichiamo il pesce: almeno 4 volte a settimana.
  • Consumare alimenti ricchi di vitamina E – La comparsa di crampi notturni può essere causata anche da una carenza di vitamina E. Per questo motivo è consigliato consumare alimenti che ne sono ricchi (noci, cereali integrali, asparagi, avocado,  frutti di bosco, verdure a foglia verde e pomodori).
  • Preparazione fisica – Dal momento che spesso i crampi si verificano durante o dopo l’esercizio fisico, un prezioso accorgimento è quello di preparare in modo adeguato il corpo all’attività che si andrà a svolgere. Prima di iniziare un’attività fisica e dopo di essa, infatti, è buona abitudine fare almeno 10 minuti di stretching per allungare i muscoli. Quando si fa attività fisica con sforzo molto intenso, infatti, nel muscolo può accumularsi l’acido lattico che non permette alle fibre di estendersi come dovrebbero, aprendo la via ai fastidiosissimi crampi.
  • Combattere la vita sedentaria – Ricordate: i sedentari non sono affatto esenti dal soffrire di crampi muscolari. I muscoli, infatti, risentono di una ridotta circolazione sanguigna. Dunque, coltivare alcune buone abitudini è auspicabile. Ogni giorno bisognerebbe camminare a passo svelto almeno 30-40 minuti. Come? Per esempio, uscire ogni giorno di casa a piedi per andare a sbrigare qualche commissione, parcheggiare la macchina lontano dal luogo di destinazione, passeggiare da soli e in compagnia, e preferire le scale all’ascensore. Anche questo è un passo importante per combattere i crampi muscolari.

Un altro (importante) accorgimento è di assicurarsi di mantenere al caldo i muscoli. Il calore locale, infatti, è un’ottima strategia per la prevenzione dei crampi muscolari, soprattutto nei soggetti più anziani.

Come curare i crampi muscolari (quando arrivano all’improvviso)

Come prevenire i crampi è piuttosto chiaro, ma che cosa fare per combattere un crampo muscolare stesso? Generalmente, non è necessario l’intervento di un medico. Sarà sufficiente seguire alcuni piccoli accorgimenti:

  • Distensione muscolare – Per alleviare rapidamente il dolore al polpaccio (alle gambe, o ai piedi) è opportuno distendere il muscolo e mantenere la posizione distesa per qualche secondo, ponendo però attenzione alla manovra che si compie per non danneggiare il muscolo in quel momento molto rigido.
  • Massaggi – Dopodiché, rilasciando lentamente, massaggiare la regione interessata con un movimento dall’interno verso l’esterno per rilassare la muscolatura sviluppando calore.
  • Rimedi della nonna – In ultimo, sembrerà strano, ma vi è più di uno studio scientifico che si è occupato di verificare l’efficacia di uno strano rimedio della nonna: il pickle juice. Si tratta del liquido in cui si conservano i sottaceti, con un sapore agrodolce e simile alla nostra salamoia. Secondo alcuni ricercatori, la sua efficacia è data dalla presenza di acido acetico, che riduce la durata del crampo.

Insomma, combattere i crampi muscolari può sembrare abbastanza semplice. Ma la via migliore, anche in questo caso, è prevenirli.

Mostra commenti
In quanto tempo il nostro sangue si rigenera?
In quanto tempo il nostro sangue si rigenera?
Tumore al seno: cosa puoi fare tu contro la malattia
Tumore al seno: cosa puoi fare tu contro la malattia
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Ecografia alla tiroide, quando e perché farla
Ecografia alla tiroide, quando e perché farla
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Carenza di ferro? Quando la conseguenza è l’ipocromia
Carenza di ferro? Quando la conseguenza è l’ipocromia
Cosa fare in caso eosinofili alti
Cosa fare in caso eosinofili alti