Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come Rafforzare Legamenti E Cartilagini Modo Naturale

Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)

Tania Catalano | Biologa

Ultimo aggiornamento – Febbraio 11, 2019

Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)

Cartilagini e legamenti sono strutture indispensabili per le nostre articolazioni, che vanno mantenute sane per una buona qualità della vita.

Rafforzare cartilagini e legamenti è importante non solo per gli atleti. Raggiunta una certa soglia di età, è fondamentale prendersene cura.

Ecco come.

Cartilagine e legamenti: una breve panoramica su cosa sono e a cosa servono

La cartilagine è un tessuto connettivo di tipo elastico che riveste le articolazioni e consente loro il movimento. Esistono tre tipi di cartilagine:

  • Cartilagine ialina – La tipologia più abbondante nel corpo
  • Cartilagine fibrosa – Situata nei punti in cui si inseriscono legamenti e tendini
  • Cartilagine elastica – Presente nella laringe, nelle orecchie e nell’epiglottide

I legamenti uniscono due capi ossei a livello delle articolazioni. Sono strutture costituite da tessuto connettivo fibroso, solido ed elastico. Permettono il movimento, ma impediscono le dislocazioni forzate che provocano traumi, come ad esempio una generica lussazione.

Generalmente la zona più che subisce maggiori danni è quella delle ginocchia, poiché strutture che sopportano tutto il peso del corpo. Anche spalle, polsi e talloni sono spesso coinvolti. Sia cartilagine sia legamenti possono essere danneggiati da diverse condizioni, tra cui:

  • Invecchiamento
  • Malattie degenerative (artrosi, per esempio)
  • Sovrappeso o obesità
  • Eccessivo esercizio fisico
  • Lesioni
  • Movimenti ripetitivi
  • Trasporto di oggetti pesanti
  • Traumi localizzati

I principali sintomi di danni alla cartilagine o ai legamenti comprendono dolore durante il movimento dell’articolazione, tensione muscolare e gonfiore.

Rimedi naturali per prendersi cura di cartilagini e legamenti

È importante individuare la causa per poter adottare una soluzione mirata ed efficace.

In caso di infiammazione, può rivelarsi opportuno un trattamento con il ghiaccio, sconsigliato invece se si tratta di dolori reumatici o legati al freddo e all’umidità. In questi casi infatti è consigliato applicare una borsa dell’acqua calda e mantenere un ambiente poco umido.

Altri rimedi naturali, acquistabili perlopiù in erboristeria, possono essere:

  • Artiglio del diavolo – Si può acquistare in erboristeria sotto forma di pomata o olio essenziale, è una pianta d’origine africana impiegata in caso di traumi e infiammazioni in generale.
  • Argilla verde – Efficace per le ginocchia. La polvere va diluita con acqua fino a formare una poltiglia fangosa da applicare sull’articolazione.
  • Arnica montana – Particolarmente indicata in caso di traumi o dolori a carattere muscolare, questa pianta si utilizza in soluzione al 10-20% per realizzare un impacco direttamente sulla parte da trattare.
  • Soia – È commercializzata in tutto il mondo e ha molteplici usi. I suoi semi hanno una buona quantità di proteine e possono essere consumati in varie forme: latte, farina, tofu e prodotti fermentati. Per usufruire dei suoi benefici, si consiglia di acquistarla biologica.
  • Vitamina C – Stimola la produzione di collagene (un elemento molto importante per i legamenti e la cartilagine), gli alimenti che contengono vitamina C non dovrebbero mancare nella nostra dieta. Consumate limone, arance, kiwi e fragole per approfittare di tutti i loro benefici.
  • Curcuma e cannella – Sono spezie con proprietà antinfiammatorie che potrebbero essere utili in caso di gonfiore alle articolazioni, tendini, legamenti o cartilagine.

Tra i consigli più diffusi per mantenere in salute le articolazioni troviamo:

  • Mantenere un peso corporeo nella norma.
  • Consumare alimenti ricchi di antiossidanti, sali minerali e vitamine, utili al mantenimento di un buono stato di salute delle articolazioni e dell’organismo in generale.
  • Limitare il più possibile cibi grassi, zuccherati artificialmente o confezionati, bevande alcoliche.
  • Svolgere attività fisica con cautela, assumendo una postura corretta e adattando lo sforzo effettuato alla condizione delle articolazioni e al suolo su cui si fa attività.

Evitare comportamenti che mettono a rischio queste strutture e seguire i consigli degli esperti sono modi semplici di prevenzione che permettono di prendersi cura delle proprie cartilagini articolari e dei legamenti.

Mostra commenti
Pillola anticoncezionale: 5 casi in cui è consigliata e 5 in cui andrebbe evitata
Pillola anticoncezionale: 5 casi in cui è consigliata e 5 in cui andrebbe evitata
Caregiver: 10 consigli per chi sta dall’altra parte
Caregiver: 10 consigli per chi sta dall’altra parte
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Colesterolo cattivo troppo basso? Impennano le probabilità di ictus
Colesterolo cattivo troppo basso? Impennano le probabilità di ictus
Non avere paura di niente? È una brutta malattia


Non avere paura di niente? È una brutta malattia


Sindrome dell’ovaio policistico? Le terapie stanno cambiando
Sindrome dell’ovaio policistico? Le terapie stanno cambiando
Perché NON dovresti mai interrompere l’antibiotico
Perché NON dovresti mai interrompere l’antibiotico