Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come riconoscere le perdita di liquido amniotico

Come riconoscere le perdita di liquido amniotico

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

Liquido Amniotico: a cosa serve e le perdite
Indice

Qual è una delle domande più comuni delle mamme in dolce attesa, soprattutto quando i mesi passano e ci si avvicina al termine della gravidanza? Vi diamo un suggerimento: liquido amniotico.

Ebbene sì, molte donne si chiedono come fare a riconoscere le perdite di liquido amniotico, essendo questo molto importante per capire che il parto è davvero vicino!

Ma partiamo con ordine, cercando di capire insieme cosa è questo liquido e a cosa serve.

Il liquido amniotico

Nel grembo della mamma, le acque sono indispensabili per lo sviluppo del feto. Il liquido amniotico, infatti, fa sì che si crei un ambiente assolutamente sterile, dove il piccolo può crescere e svilupparsi per tutti e 9 i mesi.

Questa sostanza possiede, dunque, numerose funzioni:

  • protegge il feto da eventuali traumi;
  • attutisce i rumori esterni;
  • fa sì che il feto cresca, senza rischio di schiacciare le strutture anatomiche;
  • mantiene la stabilità termica;
  • protegge da infezioni;
  • seppur in piccola parte, nutre il bambino (composizione: 90% acqua, sali minerali e sostanze nutritive).

Le quantità del liquido amniotico

Per far sì che il piccolo sia protetto è necessario che ci sia sempre una specifica quantità di liquido. Sarà lo specialista di fiducia ad accertarsene con una visita; quando il liquido amniotico è inferiore alla media, parliamo di oligoidramnios, mentre al contrario parliamo di poliidramnios.

primahometest

SOS: rottura delle acque prima del termine

Il liquido amniotico è quindi necessario per mantenere in salute il piccolo; accade, a volte, che la rottura delle acque avvenga prima del travaglio. Se non si è comunque pronte al parto dopo 24h dalla rottura, lo si induce proprio per evitare il possibile insorgere di infezioni o complicanze.

Nella maggior parte dei casi, fortunatamente, questo avviene poco prima del parto, facendo sì che la futura mamma possa vivere il momento con assoluta gioia e naturalezza. Difficile non accorgersi quando si rompono le acque: è come se si aprisse un rubinetto all’improvviso di acqua calda, senza alcun dolore.

Eppure il sacco amniotico può rompersi anche senza grosse manifestazioni e con perdite minime. Partendo dal presupposto che già a partire dalla 38esima settimana il liquido tende a diminuire, come fare, dunque, per monitorare le quantità e restare tranquille? Attraverso l’utilizzo di un assorbente.

Gli assorbenti che rilevano le perdite di liquido amniotico

Esistono, in particolare, degli assorbenti in grado di rilevare le perdite di liquidi amniotico.

Basterà posizionare l’assorbente come sempre, senza tenerlo per più di 12 ore. Quando si avverte la sensazione di bagnato, si dovranno attendere 15 minuti per verificare i risultati, grazie all’azione di un polimero che cambia colore a seconda del fluido.

Se il livello di pH rilevato è pari o superiori a 6,5, vi è una perdita di liquido e l’assorbente si colorerà di verde/blu. Se il livello di pH è inferiore a 6,5, si colorerà di giallo.

Utile no? Un metodo semplice e non invasivo, che permette così di rilevare anche eventuali infezioni vaginali. Perché non provarlo?

Ultimo consiglio: nel caso in cui il test dell’assorbente evidenzi la presenza di liquido amniotico, è bene recarsi subito all’ospedale più vicino per essere sempre serene e seguite dai medici specialisti.

Mostra commenti
Febbre senza sintomi: cosa sta succedendo?
Febbre senza sintomi: cosa sta succedendo?
Che cosa fare se l’estate e le vacanze portano anche disturbi intestinali?
Che cosa fare se l’estate e le vacanze portano anche disturbi intestinali?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Disturbi legati alla menopausa? Una terapia laser vaginale può fare la differenza
Disturbi legati alla menopausa? Una terapia laser vaginale può fare la differenza
Tutte le cause delle difficoltà nel parlare: dall’emicrania alla demenza
Tutte le cause delle difficoltà nel parlare: dall’emicrania alla demenza
Palpebre gonfie e infiammate? Se conosci la causa, è possibile porvi rimedio
Palpebre gonfie e infiammate? Se conosci la causa, è possibile porvi rimedio
Codici del pronto soccorso: come funziona il sistema e quali sono le priorità?
Codici del pronto soccorso: come funziona il sistema e quali sono le priorità?