Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come Riconoscere Un Infarto Intestinale

Infarto intestinale, come riconoscerlo in tempo

Tania Catalano | Biologa

Ultimo aggiornamento – 18 Ottobre, 2019

Infarto intestinale, come riconoscerlo in tempo

L’infarto intestinale, detto anche ischemia intestinale, descrive in realtà una varietà di condizioni che si verificano quando il flusso sanguigno verso l’intestino – tenue, crasso o entrambi – diminuisce a causa di un vaso sanguigno bloccato. Solitamente, purtroppo, si tratta di un’arteria.

Si tratta di una condizione grave, che può causare dolore e rendere difficile il corretto funzionamento dell’intestino. Nei casi più gravi, la perdita del flusso sanguigno nell’intestino può danneggiare gli stessi tessuti, mettendo addirittura la vita in pericolo.

Certo, sono disponibili molti trattamenti per migliorare le possibilità di guarigione. Ma è fondamentale riconoscere i primi sintomi, per poter ottenere quanto prima assistenza medica.

I sintomi dell’infarto intestinale a cui dovremmo fare attenzione

Segni e sintomi di infarto intestinale possono svilupparsi in modo improvviso (acuti) o gradualmente (cronici). Possono anche essere diversi da una persona all’altra, è bene sottolinearlo. Tuttavia, ci sono alcuni sintomi generalmente riconosciuti che suggeriscono l’infarto intestinale. In particolare, i sintomi di infarto intestinale acuto sono:

  • Dolore addominale improvviso, lieve, moderato o grave
  • Bisogno urgente di andare in bagno
  • Movimenti intestinali frequenti e forti
  • Dolore o distensione addominale
  • Sangue nelle feci
  • Confusione mentale negli anziani

Se si ha a che fare con un infarto cronico, invece, i sintomi sono leggermene diversi, e potrebbero includere:

  • Crampi addominali o pienezza, di solito entro 30 minuti dopo aver mangiato e della durata di 1-3 ore
  • Dolore addominale che peggiora progressivamente nel corso di settimane o mesi
  • Perdita di peso indesiderata
  • Diarrea
  • Nausea
  • Gonfiore

La soluzione migliore è quella di richiedere assistenza medica immediata in caso di dolore addominale improvviso e grave. Il dolore che mette molto a disagio e che non consente di svolgere le normali attività o di trovare una posizione comoda è sempre un’emergenza medica.

Come arrivare a una diagnosi certa

Se il medico dovesse sospettare un’ischemia intestinale, è possibile sottoporsi a diversi test diagnostici, tra cui:

  • Esami del sangue – Sebbene non vi siano specifici marcatori del sangue per indicare un’ischemia intestinale, alcuni risultati generali degli esami del sangue potrebbero suggerire ischemia intestinale. Un esempio di tale risultato è un aumento del conteggio dei globuli bianchi.
  • Test di imaging – I test di imaging possono aiutare il medico ad esplorare gli organi interni e escludere altre cause. I test di imaging possono includere una radiografia, un’ecografia, una TAC e una risonanza magnetica.
  • Endoscopia – Questa tecnica prevede l’inserimento di un tubo flessibile illuminato con una fotocamera sulla punta nella bocca o nel retto per visualizzare il tratto digestivo dall’interno. Quando inserito nella bocca (endoscopia), l’ambito esamina la parte superiore dell’intestino tenue. Quando inserito nel retto, l’oscilloscopio esamina gli ultimi 2 piedi del colon (sigmoidoscopia) o dell’intero colon (colonscopia).
  • Angiografia – Colorante che traccia il flusso sanguigno attraverso le arterie. Durante questo test, un tubo lungo e sottile (catetere) viene inserito in un’arteria dell’inguine o del braccio, quindi attraverso l’arteria all’aorta. Un colorante iniettato attraverso il catetere fluisce direttamente nelle arterie intestinali. Mentre il colorante si muove attraverso le arterie, sulle aree radiografiche sono visibili aree o blocchi ristretti. L’angiografia consente inoltre al medico di trattare un blocco in un’arteria iniettando farmaci o usando strumenti speciali per allargare un’arteria.
  • Chirurgia esplorativa – In alcuni casi potrebbe essere necessario un intervento chirurgico esplorativo per trovare e rimuovere il tessuto danneggiato. L’apertura dell’addome consente la diagnosi e il trattamento durante una procedura.

Ci sono poi le cure. Di certo, il trattamento dell’ischemia intestinale prevede il ripristino dell’apporto di sangue al tratto digestivo. Le opzioni, però, variano in base alla causa e alla gravità della condizione.

Mostra commenti
Perché gli uomini evitano di andare dal dottore
Perché gli uomini evitano di andare dal dottore
La dieta giusta (e qualche consiglio) per chi soffre di ferritina alta
La dieta giusta (e qualche consiglio) per chi soffre di ferritina alta
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Esami del sangue: quali valori sono spia di un tumore?
Esami del sangue: quali valori sono spia di un tumore?
Cisti? A volte sono i reni ad essere colpiti
Cisti? A volte sono i reni ad essere colpiti
Cosa mangiare quando si soffre di bradicardia
Cosa mangiare quando si soffre di bradicardia
Cosa fare in caso eosinofili alti
Cosa fare in caso eosinofili alti