Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Dentifricio Sui Brufoli

Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?

Ultimo aggiornamento – 22 Maggio, 2019

Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?

Il dentifricio sui brufoli è un’antica pratica utilizzata per trattare i batteri responsabili dell’acne. L’utilizzo del dentifricio per la cura dei foruncoli era giustificato dalla presenza di un antimicrobico – il tricolosan – funzionale per contrastare il proliferare dei batteri responsabili dell’acne. Ad oggi, però, la maggior parte dei dentifrici non viene più prodotto con tale sostanza, ritenuta dannosa per la funzionalità della tiroide.

Ma il dentifricio sui brufoli funziona oppure no? Facciamo chiarezza.

Come applicare il dentifricio sui brufoli

Secondo i consigli a bassa evidenza medica, largamente tramandati da nonne a nipoti e diffusi su blog poco accreditati, il trattamento di brufoli con dentifricio è molto semplice:

  • Occorre innanzitutto detergere il viso con acqua e asciugarlo con un telo pulito.
  • Applicare poi il dentifricio in piccole dosi esclusivamente sul brufolo. Nella scelta del dentifricio prediligere dentifrici a pasta bianca.
  • Risciacquare con acqua tiepida eliminando qualsiasi traccia di dentifricio.

Al quesito “Quanto tenere il dentifricio si brufoli?”, mamme, nonne e blog hanno pareri contrastanti. C’è chi ritiene che siano sufficienti quindici minuti affinché il dentifricio riesca a ridurre la consistenza del foruncolo, altri invece sostengono che sia necessario un tempo maggiore, di una o due ore. Ma arriviamo al nodo della questione. Il dentifricio sui brufoli funziona?

Dentifricio suoi brufoli: funziona?

Tralasciando il parere popolare, i dermatologi manifestano totale dissenso rispetto all’utilizzo di questo prodotto per il trattamento dei brufoli, anche se impiegato in via del tutto eccezionale.

Molto probabilmente dopo il trattamento del dentifricio i brufoli miglioreranno il loro aspetto, appariranno più piatti e meno arrossati, grazie all’azione essiccante di questo prodotto, dovuta alla presenza di bicarbonato di sodio e alcool.

Spesso questa condizione è solo temporanea e in breve tempo la condizione dei brufoli ulteriormente peggiorare rispetto alla condizione iniziale.

Ci sono dei rischi? Risposta affermativa

È ben noto che il dentifricio è un prodotto destinato all’igiene orale e, in particolare, alla pulizia dei denti, nonché all’aggressione di batteri, placca e tartaro. Pertanto è composto da elementi chimici particolarmente aggressivi e quindi poco adatti alla pelle del viso.

L’uso del dentifricio sui brufoli può:

  • Rendere la pelle eccessivamente secca.
  • Irritare la pelle, non solo in prossimità del foruncolo ma anche sul resto del viso.
  • Produrre ancora più sebo nel tentativo di reidratare la pelle diventata particolarmente secca per l’uso del dentifricio.
  • Formazione di inestetismi sulla pelle.
  • Reazioni allergiche per la presenza di vari composti chimici nel dentifricio.

Quindi come prevenire i brufoli (senza usare il dentifricio)?

L’acne è un disturbo particolarmente diffuso tra la popolazione adolescenziale e frequente anche tra la popolazione adulta.
Sono sufficienti piccoli accorgimenti per limitare la formazione o il proliferare di brufoli ed evitare di ricorrere a metodi fai da te poco funzionali per la salute della pelle del nostro viso.

Ecco alcuni semplici consigli per prevenire i brufoli:

  • Provvedere a una pulizia adeguata del viso, impiegando detergenti adatti alla propria pelle.
  • Evitare di toccare il viso con le mani ed evitare il contatto con oggetti sporchi.
  • Rimuovere con un gel detergente o acqua micellare specifica per pelli acneiche/grasse/impure.
  • Effettuare peeling di vario tipo (a base di acido piruvico, etc…).
  • Proteggere il viso da raggi ultravioletti mediante l’utilizzo di creme solari.
  • Detergere il viso con gel o creme specifiche.

Trattamenti fai da te dagli effetti più efficaci per il trattamento di brufoli risultano essere gli impacchi a base di camomilla o aloe vera. Prima di adottare un metodo piuttosto di un altro è opportuno informarsi su eventuali controindicazioni del rimedio scelto.

I rimedi naturali per i brufoli possono aiutare a trattare il problema solo temporaneamente. Nei casi di acne persistente, è bene consultare un dermatologo per comprendere le cause del loro proliferare e individuare il trattamento più efficace.

Nel frattempo, evitate l’utilizzo del dentifricio sui brufoli.

Mostra commenti
Allattamento al seno o artificiale: gli effetti sul bambino
Allattamento al seno o artificiale: gli effetti sul bambino
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Articoli più letti
Adenoma all’ipofisi: come riconoscerlo e curarlo (in tempo)
Adenoma all’ipofisi: come riconoscerlo e curarlo (in tempo)
Come calcolare le settimane di gravidanza
Come calcolare le settimane di gravidanza
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne
Per colpa di un antidolorifico il sangue di una donna è diventato blu
Per colpa di un antidolorifico il sangue di una donna è diventato blu