Depressione stagionale, come curarla.

Il ritorno dell’ora solare segna tacitamente l’inizio dell’inverno.

La diminuzione di un’ora di luce porta con sé sintomi come l’apatia e la stanchezza, ma per chi è affetto da SAD, seasonal affective disorder, segna l’arrivo di una vera e propria depressione.

La depressione stagionale, che colpisce il 5% della popolazione mondiale, comporta un disagio generale, dovuto principalmente alla diminuzione dell’esposizione ai raggi solari. Stanchezza e sonnolenza, apatia, spossatezza, aumento del peso corporeo sono tutti sintomi che possono essere tenuti sotto controllo con dei piccoli accorgimenti.

  • Trascorrere almeno un’ora al giorno all’aria aperta può comportare una sensibile riduzione dei sintomi, e qualora questo non fosse possibile, si può fare ricorso alla fototerapia: particolari lampade a spettro solare possono essere un valido sostituto della luce naturale.
  • Fare sport comporta una produzione notevole di endorfine: così si può contemporaneamente tenere sotto controllo il peso e produrre quello che viene chiamato l’ormone della felicità.
  • Assumere frutta e verdura di stagione: la natura non lascia nulla al caso, e prodotti come l’uva, gli agrumi, la zucca, tipicamente invernali sono consigliati per la presenza del triptofano, un aminoacido che stimola la sintesi della serotonina, detto l’ormone del buonumore.
comments powered by Disqus