Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Drenanti anticellulite: l’efficacia di creme e tisane

Drenanti anticellulite: l’efficacia di creme e tisane

Ultimo aggiornamento – 04 luglio, 2017

Drenante anticellulite
Indice

L’estate si avvicina! Vuoi davvero essere pronta per la prova costume? Abbiamo dei consigli perfetti per te, per eliminare la cellulite e quella fastidiosa pelle “a buccia d’arancia”. Tisane o creme, vediamo insieme quali sono le opzioni possibili.

Cellulite: di cosa si tratta?

La cellulite si forma in seguito ad un accumulo di liquidi nel tempo. Spesso le zone maggiormente interessate sono quelle delle gambe e dei glutei. Questa condizione può peggiorare il funzionamento del sistema circolatorio e linfatico: ci si sente appesantiti e le gambe sono gonfie e doloranti.

Solitamente, la cellulite è causata da uno stile di vita poco corretto, costruito su una dieta ricca di grassi e basata su attività fisica alquanto scarsa. Anche la predisposizione genetica può influenzare l’insorgenza di tale inestetismo.

Per contrastarla, un’ottima soluzione è quella di agevolare il naturale drenaggio dei liquidi. Vediamo qualche piccolo trucco per favorire la ritenzione idrica.

5 tisane anticellulite

Le tisane drenanti favoriscono l’eliminazione dei liquidi contrastando la cellulite. Si tratta quindi di un metodo piacevole per assumere liquidi durante tutto l’arco della giornata, sfruttando le contempo le proprietà curative delle erbe.

Per avere un beneficio a livello di tutto il corpo, solitamente ad erbe drenanti sono associate erbe rimineralizzanti, che aiutano a favorire la circolazione o la depurazione dell’organismo.

Per sentirti subito leggera ed in forma, prova queste 5 ricette fai da te. Le dosi si riferiscono ad una tazza di tisana. Sono consigliate circa 3 tazze al giorno, solitamente da assumere lontano dai pasti

  1. Tisana betulla e finocchio

Le foglie di betulla agiscono sul sistema linfatico, contrastando la ritenzione dei liquidi. I semi di finocchio, invece, svolgono un’azione sgonfiante. La melissa, infine, agisce come antispasmodico e come rilassante delle mucose, oltre a conferire alla tisana un sapore molto gustoso.

Ingredienti per 50 gr. di tisana:

  • 20 gr. di foglie di betulla;

  • 20 gr. di semi di finocchio;

  • 10 gr. di foglie di melissa.

Preparazione:

  • portare a ebollizione 300 mL di acqua in un pentolino;

  • versare un cucchiaio di tisana alla betulla e finocchio;

  • lasciare in infusione per 7 – 8 minuti;

  • filtrare con un colino;

  • bere durante tutta la giornata, suddividendo la dose in almeno 3 tazze al giorno;

  • conservare la tisana in un barattolo di vetro con chiusura ermetica al fresco e al buio.

Accorgimenti:

  • è possibile preparare la tisana il giorno prima della sua consumazione;

  • non è necessario dolcificare questo infuso: i semi di finocchio lo rendono già gradevole al gusto;

  • attenzione: chi disfunzioni tiroidee dovrebbe evitarle, in quanto rappresentano fonti di iodio.
  1. Tisana drenante con pilosella ed equiseto

La pilosella è un’erba drenante che viene abbinata all‘equiseto per la sua azione rimineralizzante. Un po’ di tarassaco completa la ricetta e favorisce la depurazione dell’organismo.

Ingredienti per 50 gr. di tisana:

  • 20 gr. di foglie di pilosella;

  • 20 gr. di equiseto;

  • 10 gr. di foglie di tarassaco.

Procedimento:

  • portare ad ebollizione 300 mL di acqua in un pentolino;

  • miscelare le erbe curative per ottenere un composto omogeneo;

  • versare un cucchiaio di tisana drenante alla pilosella ed equiseto;

  • lasciare in infusione per almeno 5 minuti;

  • filtrare con un colino;

  • bere l’infuso lontano dai pasti;

  • conservare la tisana in un barattolo di vetro con chiusura ermetica al fresco e al buio.

Accorgimenti:

  • è possibile dolcificare la tisana con un cucchiaino di miele;

  • non prolungare per troppi mesi l’utilizzo dell’equiseto: potrebbe rilasciare una quantità eccessiva di sali minerali nell’organismo.

  1. Tisana con ortosifonide e centella asiatica

In questa gustosa tisana, le proprietà diuretiche dell’ortosifonide sono unite a quelle tonificanti sulla circolazione della centella asiatica. Si tratta di un mix perfetto per drenare i liquidi, soprattutto quelli delle gambe. L’anice stellato e dell’ortica vengono aggiunti per attivare la loro funzione rimineralizzante.

Ingredienti per 50 gr. di tisana:

  • 20 gr. di foglie di ortosifonide;

  • 15 gr. di centella asiatica;

  • 10 gr. di foglie di ortica;

  • 5 gr. di anice stellato;

Procedimento:

  • portare ad ebollizione 250 mL di acqua in un pentolino;

  • versare un cucchiaio di tisana a base di ortosifonide e centella;

  • lasciare in infusione per 8 minuti;

  • filtrare con un colino;

  • bere lontano dai pasti;

  • conservare la tisana in un barattolo di vetro con chiusura ermetica al fresco e al buio.

Accorgimenti:

  • è possibile dolcificare la tisana con un cucchiaino di zucchero di canna grezzo o con un cucchiaino di miele.

  1. Tisana drenante ai peduncoli di ciliegio e the verde

I peduncoli di ciliegio hanno un’efficace azione drenante. Il the verde, invece, è un ottimo antiossidante. L’aggiunta della malva, infine, svolge un’azione depurativa e disinfiammante.

Ingredienti per 50 gr. di tisana:

  • 20 gr. di peduncoli di ciliegio;

  • 20 gr. di the verde;

  • 10 gr. di fiori e foglie di malva.

Procedimento:

  • portare ad ebollizione 300 mL di acqua in un pentolino;

  • miscelare gli ingredienti in un barattolo di vetro;

  • versare un cucchiaio di tisana al ciliegio e the verde;

  • lasciare a riposo per 5 minuti;

  • filtrare con un colino;

  • bere nell’arco della giornata;

  • conservare la tisana in un barattolo di vetro con chiusura ermetica al fresco e al buio.

Accorgimenti:

  • non superare le 3 tazze al giorno: il the verde potrebbe infatti avere un eccessivo potere eccitante.

  1. Tisana con gramigna e ippocastano

Nonostante tutti siano a conoscenza delle comuni allergie alla gramigna, non molti sanno che favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso nell’organismo. L’ippocastano svolge un’azione tonica sui vasi sanguigni. Sono aggiunte della scorze di arancio amaro, utili per mantenere la forma e bruciare i grassi.

Ingredienti per 50 gr. di tisana:

  • 20 gr. di foglie di gramigna;

  • 20 gr. di foglie di ippocastano;

  • 10 gr. di scorze di arancio amaro.

Procedimento:

  • portare ad ebollizione 250 mL di acqua in un pentolino;

  • versare un cucchiaio di tisana drenante alla gramigna e ippocastano;

  • lasciare in infusione per almeno 5 minuti;

  • filtrare con un colino;

  • bere nell’arco della giornata, fino a 4 tazze;

  • conservare la tisana in un barattolo di vetro con chiusura ermetica al fresco e al buio.

Accorgimenti:

  • è possibile dolcificare questo infuso con del miele o dello zucchero di canna grezzo;

  • se siete allergici alla gramigna, è possibile sostituirla con della betulla o dell’ortosifonide.

Ricorda! Affichè le tisane siano efficaci, è necessario assumerle con regolarità per un periodo di almeno un mese.

Creme anticellulite: come agiscono?

Le creme anticellulite sono dei prodotti cosmetici contenenti dei principi attivi che contrastano la ritenzione idrica e la cattiva circolazione periferica, cause della cellulite.

La cellulite si differisce per gravità e presenta quindi diversi stadi. A tal proposito, l’utilizzo di creme è consigliato negli stadi iniziali. Risulta infatti molto difficile combattere una cellulite già cronicizzata.

In commercio esistono un’infinità di creme anticellulite, che si differenziano per il principio attivo e per il meccanismo di azione. Vediamo i meccanismi d’azione principali:

  1. azione lipolitica: sono creme che si focalizzano sull’attivazione delle lipasi, un enzima che scinde i grassi nell’organismo. Ciò permette di aumentare il metabolismo cellulare, riducendo l’accumulo e l’ipertrofia delle cellule del tessuto adiposo. Le sostanze con tale azione derivano solitamente da alghe, ad esempio l’alga bruna Fucus vesiculosus;

  1. miglioramento della circolazione: queste creme riattivano il microcircolo attraverso le xantine. Tra queste figurano la caffeina o la teofilina, sostanze presenti naturalmente nel caffè o nel cacao;

  1. azione drenante e depurativa: è presente nelle creme grazie a sostanze depurative e diuretiche. Un esempio è il taraxacum officinalis, noto più comunemente come “dente di leone”, che stimola l’attività renale. Le creme che contengono oligoelementi (come il magnesio)  favoriscono la fisiologica eliminazione dei liquidi in eccesso, aumentando l’attività del metabolismo cellulare. Solitamente questa azione è coadiuvata da massaggi drenanti, che mirano a eliminare i liquidi attraverso movimenti appositi, somiglianti a leggeri pizzichi nella parte interessata;

  1. azione protettiva dei capillari: è presente grazie all’insieme di vitamine o di alcuni antiossidanti (come i flavonoidi, molecole appartenenti alla classe dei polifenoli). Tali creme svolgono un’importante azione di rafforzamento delle pareti dei capillari, prevenendone la rottura. Gli ingredienti più comuni sono gli estratti di mirtillo e di vite rossa.

Le creme in commercio combinano solitamente diversi principi attivi e diversi meccanismi d’azione, in modo da massimizzare i benefici sull’organismo e da ottenere il miglior risultato possibile.

In ogni caso, bisogna ricordare che tali creme non sono un rimedio miracoloso, ma che devono essere abbinate ad altri trattamenti e accorgimenti (quali dieta e stile di vita)!

Mostra commenti
Che legame c’è tra terapia ormonale e perdita dell’udito? Scopriamolo insieme!
Che legame c’è tra terapia ormonale e perdita dell’udito? Scopriamolo insieme!
Tumore al seno: sintomi e classificazione
Tumore al seno: sintomi e classificazione
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Il gruppo sanguigno 0 spiegato nei dettagli
Il gruppo sanguigno 0 spiegato nei dettagli
Angioma al fegato: cos’è e come si cura
Angioma al fegato: cos’è e come si cura
I segreti per stare bene
I segreti per stare bene
Arsenico nei cereali dei bambini e nell’acqua potabile: è un rischio reale?
Arsenico nei cereali dei bambini e nell’acqua potabile: è un rischio reale?