Cosa potrebbe provocare il cortisone

Redazione

Ultimo aggiornamento – 01 Giugno, 2022

Effetti collaterali del Cortisone

Artrite e dolori articolari, dermatiti, malattie infiammatorie intestinali, epatite, asma e rinite: le indicazioni terapeutiche del cortisone sono davvero tante.

Purtroppo, però, si tratta pur sempre di un palliativo, dunque di un farmaco destinato ad attenuare i sintomi di una determinata patologia, senza però agire sulla causa scatenante. Insomma, il cortisone non guarisce, sebbene il suo uso rimanga pur sempre fondamentale.

La domanda che spesso ci si pone quando si intraprende una determinata terapia è sempre la stessa. E questo caso non fa eccezione. Dunque, quali sono gli effetti collaterali del cortisone?

Cos’è, quando e perché assumere cortisone

I farmaci cortisonici hanno il grande beneficio di sopprimere qualsivoglia infiammazione, permettendo dunque di ridurre i sintomi di uno stato infiammatorio. 

Non solo, i cortisonici deprimono anche il sistema immunitario, rivelandosi particolarmente utili per tenere a bada tutte quelle situazioni in cui vengono attaccati i tessuti dell’organismo in modo errato.

Grazie a tutte queste proprietà, sono utilizzati nel campo medico per le loro potenti attività antinfiammatorie e immunosoppressive.

Dunque, la prescrizione dei farmaci cortisonici avviene molto spesso in caso di:

Certo, i vantaggi del cortisone – rispetto ad altri validi immunosoppressori – sono davvero tanti. In primis, la sua azione rapida e la sua efficacia ampia e dose-dipendente:

  • Velocità di esordio – Entro pochi secondi dalla somministrazione del cortisone, la sua azione è già manifesta, soprattutto quando assunto ad alte dosi. Si tratta di un vantaggio da non sottovalutare, soprattutto quando si ha a che fare con patologie in cui la tempestività è di vitale importanza.
  • Ampia efficacia – Si tratta di un beneficio da non trascurare: nel caso in cui (ad esempio) si sia perso il controllo di una reazione infiammatoria l´ampia efficacia del cortisone consente di ristabilire gli equilibri sui vari mediatori dell’infiammazione e sulle cellule coinvolte nella risposta infiammatoria.
  • Vie di somministrazione – Endovenosa, orale, compresse, endoarticolare o locale: il cortisone è disponibile in diverse soluzioni, rispondenti ai diversi usi.

Benefici a parte, il principio che il cortisone debba essere somministrato con un dosaggio quanto più basso possibile – e per un lasso di tempo tanto più breve – rimane invariato. 

Gli effetti collaterali del cortisone, infatti, ci fanno capire il perché.

Gli svantaggi e gli effetti collaterali del cortisone

Come abbiamo visto, l’azione del cortisone è ad ampio raggio: colpisce indistintamente le cellule, andando a determinare svariati effetti collaterali e negativi.

 Ovviamente, tanto più lunga sarà la terapia e tanto più alto il dosaggio, maggiori saranno eventuali collaterali nell'uomo. Tra questi:

Iperglicemia

Si tratta di un effetto collaterale del cortisone ampiamente diffuso

Per questo motivo, quando si intraprende una terapia a base di farmaci cortisonici, è bene tenere controllata in modo regolare la glicemia, soprattutto quando i dosaggi sono alti.

Aumento della pressione sanguigna

Anche in questo caso, è bene tenere monitorati i valori: l’azione mineralcorticoide comporta infatti una mag­giore ritenzione idrica e sodica nell’organismo, inducendo un aumento della pressione sanguigna.

Debolezza e perdita di massa muscolare

Non è raro che si manifestino tali condizioni.

Per questo motivo, una terapia cortisonica dovrebbe essere sempre accompagnata da regolare attività fisica, per evitare perdite di massa e di tono.

Perdita di densità ossea

Il cortisone può anche causare una perdita di massa ossea, con conseguente osteoporosi

Si consiglia dunque (sempre sotto consiglio medico) si intraprendere una terapia a base di calcio e vitamina B e, se necessario, capire se sia il caso o meno di ricorrere ai bifosfonati.

Aumento di peso

Il cortisone può indurre anche a un aumento di peso: da un lato, infatti, rallenta il metabolismo, dall’altro aumenta il senso di fame, conducendo in alcuni casi anche ad accessi bulimici.

Viso gonfio

L’assunzione prolungata di cortisonici può determinare un gonfiore del viso e alla nuca una maggiore pienezza. Questi sintomi tendono a scomparire una volta sospesa la terapia.

Cute atrofica da steroidi

Tra gli effetti collaterali del cortisone, si ha anche la cosiddetta cute atrofica da steroidi, ovvero una pelle che tende ad assottigliarsi nel tempo.

Maggior rischio di contrarre infezioni

Chi assume cortisone risulta maggiormente sensibile alle infezioni: tra i patogeni, vi sono sia agenti comuni sia agenti che si manifestano solo in presenza di immunodepressione.

Problemi alla vista

La cataratta, ovvero l’opacizzazione del cristallino, è un effetto collaterale comune a chi protrae per anni l’uso del cortisone. Vi è anche l’ipertensione oculare, causa di glaucoma.

Tra gli altri effetti indesiderati, è bene ricordare:

  • disfunzione erettile;
  • disturbi neuropsichiatrici;
  • calo della libido;
  • disturbi del sonno;
  • alterazioni del ciclo mestruale.

Un sovradosaggio di cortisone può provocare:

  • aumento della pressione arteriosa;
  • ritenzione idrica e salina;
  • eccessiva deplezione di potassio.

Tali effetti hanno minore probabilità di verificarsi con i derivati sintetici del cortisone, a meno che, anche questi, non vengano impiegati in alte quantità.

Effetti collaterali sì, effetti collaterali no, a volte il cortisone è davvero fondamentale: rivolgetevi però al vostro medico curante non appena dovesse palesarsi qualche controindicazione.

Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di P. by pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale, con il supporto di studi scientifici e fonti autorevoli. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1790 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati