Frutta e verdura: amici del girovita

Frutta e verdura: amici del girovita

Un nuovo studio suggerisce che mangiare più frutta, in particolare i frutti di bosco, le mele, le pere e le verdure povere di amido, come la soia e il cavolfiore, può aiutare a perdere peso nel lungo termine.

Lo studio ha dimostrato inoltre che aggiungere alla dieta verdure ricche di amido, come i piselli, le patate e il mais, invece non ha effetti positivi sul girovita: le persone che hanno aumentato il consumo di questi vegetali hanno guadagnato peso nel corso del tempo.

Lo studio

Purtroppo, molte persone assumono una quantità di frutta e verdura insufficiente e quando lo fanno consumano questi alimenti sotto forma di succo di frutta o verdure ricche di amido. Per questo, le linee guida nutrizionali dovrebbero sottolineare i sottogruppi di frutta e verdura che massimizzano il potenziale di mantenimento del peso e la prevenzione di malattie specifiche“, hanno affermato i ricercatori.

Nell’indagine, i ricercatori della Harvard T.H Chan School of Public Health di Boston hanno analizzato le informazioni provenienti da più di 130.000 adulti degli Stati Uniti. Ogni quattro anni, i partecipanti sono stati inviati a rispondere a un sondaggio, tenuto traccia dei cibi che mangiavano ogni giorno per una settimana e hanno dovuto riferire il loro peso ogni due anni.

Alla fine, è risultato che i partecipanti che hanno aumentato il consumo di frutta e di verdura nel corso dei quattro anni tendevano a perdere peso. I partecipanti che hanno aggiunto settimanalmente una porzione supplementare di frutta hanno perso circa mezzo chilo e hanno perso circa un quarto di chilo per ogni porzione aggiuntiva di verdure.

Ma come è possibile?

Una delle possibili spiegazioni della perdita di peso sta nel possibile cambio di abitudini: le persone iniziano a mangiare più frutta e verdura e assumono una quantità minore di cibi poco sani. I frutti con il maggiore impatto sulla perdita di peso sono i frutti di bosco, le mele e le pere: ogni porzione di questi frutti aggiunta nel corso dei quattro anni è collegata a una perdita di 0,5 kg.

Alcuni ortaggi amidacei invece sono stati collegati con l’aumento di peso. Per ogni porzione aggiuntiva di grano nei quattro anni, i partecipanti sono aumentati di circa 1 kg, per ogni porzione aggiuntiva di piselli invece circa mezzo chilo e per ogni porzione di patate circa 0,3 kg.

Ormai è risaputo che frutta e verdura contenenti quantità maggiori di fibra possono aumentare la sensazione di pienezza e portano di conseguenza le persone a mangiare meno in generale. I ricercatori hanno affermato la possibilità che i partecipanti che assumono cibi sani possano aver messo in atto anche altri comportamenti sani che lo studio non ha analizzato.

Poiché lo studio ha incluso principalmente adulti bianchi con un alto livello di istruzione, i risultati potrebbero non essere applicabili ad altre popolazioni, .

Allo stesso tempo, i risultati benefici di un maggiore consumo di frutta e verdura per prevenire l’aumento di peso a lungo termine, forniscono ulteriori indicazioni alimentari specifiche per la prevenzione dell’obesità.

comments powered by Disqus