Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Occhi Rossi E Lacrimazione Il Vero O Falso Sulla Rinocongiuntivite Allergica

Occhi rossi e lacrimazione: il vero o falso sulla rinocongiuntivite allergica

Redazione

Ultimo aggiornamento – Luglio 03, 2019

Occhi rossi e lacrimazione: il vero o falso sulla rinocongiuntivite allergica

A cura di 


Qual è la verità (tutta la verità) sulla rinocongiuntivite allergica? Chi ne soffre fa i conti – ogni anno – con occhi che lacrimano, naso che cola e prurito. Importante è, dunque, scoprire il modo più corretto per approcciarsi al disturbo e combatterlo.

Ecco alcuni validi consigli.

La congiuntivite allergica è comune solo in primavera – FALSO!

Esistono, infatti, due tipi differenti di congiuntivite allergica: una stagionale e l’altra – ahimè – perenne!

La forma stagionale è originata da pollini e durante la primavera la fioritura non aiuta, certamente. I pollini, però, si trovano nell’aria in concentrazioni differenti per tutto l’anno, quindi pensare solo alla primavera è sbagliato.

La forma perenne è scatenata da allergeni, come gli acari della polvere o i peli di animali sempre presenti.

Rinocongiuntivite: attenzione all’asma – VERO!

Già, prestare attenzione in questi casi è meglio. Esiste, infatti, una forte correlazione tra vie aeree superiori e inferiori; l’infiammazione di un’area peggiora anche lo stato dell’altra e, in alcuni casi, l’asma può rappresentare un rischio reale.

La terapia prevede l’impiego di colliri – FALSO!

La prima forma di terapia consiste nell’evitare e tenere lontani gli allergeni. Al via, quindi, con l’acquisto di  coprimaterassi e copricuscini antiacaro ecc. ecc. Antistaminici (orali o topici) e corticosteroidi topici nasali permettono solo il controllo e la gestione dei sintomi.

L’immunoterapia specifica (ITS) è valida nelle rinocongiuntiviti allergiche – VERO!

L’immunoterapia specifica è la migliore scelta terapeutica in grado di “modificare la storia naturale della patologia“.

In cosa consiste? Nella somministrazione per via sottocutanea o sublinguale di dosi crescenti di allergene, sensibilizzando così il paziente.

Volete saperne di più? Per approfondire l’argomento, valutando i test allergologici più idonei, la verità sui decongestionanti e i cortisonici topici, cliccate qui per leggere l’articolo completo firmato dagli Specialisti della SIP – Società Italiana di Pediatria ↘

CONTINUA A LEGGERE SUL PORTALE SIP

Mostra commenti
Curare il glaucoma: gli interventi più efficaci
Curare il glaucoma: gli interventi più efficaci
Colesterolo cattivo troppo basso? Impennano le probabilità di ictus
Colesterolo cattivo troppo basso? Impennano le probabilità di ictus
Articoli più letti
Tutti gli esami da fare se si sospettano malattie tiroidee
Tutti gli esami da fare se si sospettano malattie tiroidee
La dieta per chi soffre di creatinina alta
La dieta per chi soffre di creatinina alta
Cisti? A volte sono i reni ad essere colpiti
Cisti? A volte sono i reni ad essere colpiti
Gli alimenti che potrebbero peggiorare la BPCO
Gli alimenti che potrebbero peggiorare la BPCO