Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. L’orgasmo femminile dipende dalla forma della vagina

L’orgasmo femminile dipende dalla forma della vagina

Ultimo aggiornamento – 05 marzo, 2020

Indice

Nonostante quello che si crede, la stragrande maggioranza delle donne non riesce a raggiungere l’orgasmo attraverso il sesso penetrativo. Questo fatto può essere dovuto a una serie di fattori diversi. Ma secondo un recente studio di Anatomia Clinica, la forma del corpo femminile è ciò che fa la differenza.

Lo studio ha scoperto che le donne con un clitoride di 2,5 centimetri di distanza dall’apparato urinario sono in grado di raggiungere un orgasmo (e l’eiaculazione femminile) attraverso il sesso penetrativo. Se la distanza supera i 3 centimetri, è improbabile che una donna sia in grado di raggiungere l’orgasmo attraverso il sesso penetrativo.

Lo studio sostiene che le donne che hanno un piccolo spazio tra il clitoride e il tratto urinario riescano a raggiungere più facilmente il piacere femminile perché con l’attrito c’è una maggiore stimolazione intorno al clitoride.

In un’intervista del Medical Xpress, Elisabeth Lloyd, esperta di riproduzione e sesso della Indiana University di Bloomington ha detto che è ancora possibile per tutte le donne avere una vita sessuale piacevole, a prescindere da queste differenze anatomiche.

Abbiamo imparato nella nostra ricerca che ci sono tante donne che non arrivano all’orgasmo con un rapporto su base regolare“, ha detto Lloyd.

L’anatomia della vagina

La vagina è un canale muscolare foderato con tessuto morbido e flessibile, che è dotata di lubrificazione. Questa collega l’utero al mondo esterno. La vulva e le labbra formano l’ingresso e la cervice dell’utero sporge nella vagina, formando l’estremità interna.

La vagina riceve il pene durante il rapporto sessuale e serve anche come condotto per il flusso mestruale dall’utero. Durante il parto, il bambino passa attraverso la vagina (canale del parto).

L’imene è una sottile membrana di tessuto che circonda l’apertura vaginale. Può essere lacerato o rotto dall’attività sessuale o dall’esercizio fisico.

Problemi della vagina

Ecco alcuni dei più comuni disturbi alla vagina:

  • Vaginite: infiammazione della vagina, comunemente provocata da un fungo o da una proliferazione batterica. I classici sintomi sono il prurito e il cambiamento di odore. La vaginite viene trattata con antibiotici o farmaci antifungini.
  • Vaginismo: spasmo involontario dei muscoli vaginali durante il rapporto sessuale. Lo stress emotivo durante l’attività sessuale in genere è il responsabile. Di solito, viene trattata con esercizi di riabilitazione, con dei farmaci o con entrambi.
  • Verruche genitali: possono influenzare la vulva, la vagina e la cervice. I trattamenti possono rimuovere le verruche vaginali, che sono causate dal papillomavirus umano (HPV).
  • Trichomoniasi: si tratta di un’infezione della vagina causata da un parassita microscopico chiamato Trichomonas. La tricomoniasi viene trasmessa con il rapporto sessuale ed è facilmente curabile.
  • Vaginosi batterica (BV): è un cambiamento dell’equilibrio dei batteri sani nella vagina che può causare anche un mutamento dell’odore. Può essere causata dal rapporto sessuale con un nuovo partner e viene trattata con degli antibiotici.
  • Virus herpes simplex (HSV): il virus dell’herpes può infettare la vulva, la vagina e la cervice uterina provocando piccole e dolorose, vesciche e ulcere ricorrenti. Non avendo sintomi evidenti, il virus è molto comune e si trasmette sessualmente. Può essere trattato, ma non curato.
  • Gonorrea: questa infezione batterica a trasmissione sessuale infetta il più delle volte la cervice. Di solito non ci sono sintomi, ma possono verificarsi perdite vaginali e prurito. Può causare una malattia infiammatoria pelvica oppure anche la sterilità e viene trattata con degli antibiotici.
  • Chlamydia: il batterio Chlamydia trachomatis provoca questa infezione a trasmissione sessuale. Solo la metà delle donne avrà dei sintomi, che possono includere perdite vaginali o dolore nella vagina o nell’addome. Può causare una malattia infiammatoria pelvica oppure la sterilità. La Chlamydia viene trattata con degli antibiotici.
  • Cancro alla vagina: è estremamente raro e alcuni sintomi possono essere sanguinamenti anomali o perdite vaginali.
  • Prolasso vaginale: a causa dell’indebolimento dei muscoli pelvici (di solito dopo il parto), il retto, l’utero e la vescica potrebbero spingere sulla vagina. In casi gravi, la vagina sporge fuori dal corpo.

Che esami fare in caso di disturbi alla vagina?

  • Esame pelvico: utilizzando uno speculum, un medico può esaminare la vulva, la vagina e la cervice. Può anche essere testata la forza dei muscoli pelvici.
  • Pap test: durante un esame pelvico, possono essere esaminati dei tamponi del collo dell’utero e della vagina. Il Pap test viene utilizzato anche per controllare la presenza del cancro alla cervice o alla vagina.
  • Coltura batterica: può essere prelevato un tampone della cervice o alla vagina durante un esame pelvico per identificare infezioni batteriche e virali.
  • Colposcopia: viene utilizzato un microscopio durante un esame pelvico per esaminare da vicino la vulva, vagina e la cervice. La colposcopia può aiutare ad identificare il cancro o altri problemi.
  • Biopsia vaginale: nel raro caso di una crescita sospetta della vagina, potrebbe essere necessario analizzare un piccolo pezzo di tessuto (biopsia) per verificare la presenza del cancro.

Se siete donne lo sapete bene, i disturbi alla vagina possono davvero condizionare le giornate! Vietato sottovalutarli, ne va della vostra salute e, perché no, del piacere di vivere un rapporto sessuale perfetto e appagante.

Mostra commenti
10 consigli per rimanere sempre in forma!
10 consigli per rimanere sempre in forma!
Pin e Pan: due gemelli siamesi che non vogliono essere separati
Pin e Pan: due gemelli siamesi che non vogliono essere separati
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Perché NON dovresti mai interrompere l’antibiotico
Perché NON dovresti mai interrompere l’antibiotico
Giornata mondiale del donatore di sangue: 8 regole per chi dona il sangue
Giornata mondiale del donatore di sangue: 8 regole per chi dona il sangue
Stress da vacanza non fatta: come superare la stanchezza mentale
Stress da vacanza non fatta: come superare la stanchezza mentale
Mangiare frutta secca allunga la vita
Mangiare frutta secca allunga la vita