Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Salame e salsicce: perché le donne dovrebbero smettere di consumarle

Salame e salsicce: perché le donne dovrebbero smettere di consumarle

Dopo aver rivisto e considerato numerosi studi, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha confermato che il consumo di cibi processati può causare il cancro.

In particolare, sembra che salsicce e salame possano incrementare il rischio di cancro al seno nelle donne del ben 9%.

Vediamo insieme tutti i dettagli della ricerca.

Cancro e carne: un collegamento già noto, ma ci sono alcune novità

Secondo gli esperti, il limite massimo del consumo di salsicce e salame dovrebbe rientrare nei 70 grammi alla settimana.
In precedenza, l’OMS aveva già reso noto come la carne processata potesse incrementare il rischio di cancro. Tuttavia, era stato individuato un collegamento solo con il cancro all’intestino.

Ora gli scienziati dell’Università di Harvard hanno messo in evidenza anche la possibilità che il consumo di questi alimenti possa causare il cancro al seno.

I ricercatori hanno infatti rivisto 15 studi eseguiti precedentemente su circa 1,25 milioni di donne. Tra queste, chi seguiva una dieta orientata sulla carne processata presentava il 9% di rischio in più di sviluppare il cancro, rispetto alle donne che ne consumavano sporadicamente.

La natura di queste analisi non ha evidenziato quale sia il limite massimo di consumo consigliato. Tuttavia, era stato confermato da studi precedenti che 9 grammi al giorno potessero già comportare un rischio, anche per il tumore al seno.

Per carni processate si intende la carne:

  • Salata
  • Stagionata
  • Fermentata a lunga conservazione
  • Affumicata

Tutta colpa delle sostanze chimiche

Tuttavia, non sarebbe la carne in sé ad essere il problema, bensì le sostanze chimiche utilizzate nei processi di conservazione.

Infatti, i salumi presentano non solo un altissimo contenuto di sale, ma anche una grande quantità di conservanti aggiunti per posticipare al massimo la data di scadenza, lasciando intatti sia il sapore sia la consistenza.

Sale e conservanti interagiscono infatti con le proteine della carne, creando un composto tossico che danneggia le cellule nell’intestino.

L’autore dello studio, il dr. Maryam Farvid, ha affermato come “questo studio fornisca le prove che alti consumi di carni processate siano associati ad un maggiore rischio di cancro al seno”.

Il dr. Gunter Kuhnle, della University of Reading, non coinvolto nello studio, ha dichiarato, invece, che “nonostante le prove per classificare la carne processata come cancerogena siano evidenti, non è ancora del tutto chiaro se la quantità attualmente consigliata di 70 grammi alla settimana sia giusta o debba essere rivista”.

Inoltre, il team di ricerca ha revisionato gli studi eseguiti sulla carne non processata, senza trovare nessun collegamento con il cancro al seno. Sembra quindi che la classica fettina di carne non comporti nessun problema, nonostante l’OMS l’abbia inserita nel Gruppo 2A degli alimenti proprio lo scorso anno, cioè quegli alimenti che sono probabilmente cancerogeni per gli essere umani.

In particolare, l’eccessivo consumo di carne rossa può causare un aumento del rischio di:

  • Carcinoma del colon-retto
  • Tumore al pancreas
  • Carcinoma della prostata

Anche lo stile di vita è importante

Secondo numerosi studi, le persone che consumano con regolarità carni processate tendono anche ad avere uno stile di vita poco sano, non solo per la mancanza di attività fisica ma anche per una questione puramente alimentare.

Chi mangia molta carne, generalmente, consuma in quantità estremamente ridotte frutta e verdura, che sono notoriamente gli alimenti più sani da un punto di vista alimentare, grazie alle enormi quantità di fibre, vitamine e sali minerali che contengono.

Ecco perché generalmente una dieta sana dovrebbe essere orientata sul consumo di verdure, legumi, pesce e frutta e solo in maniera sporadica, è bene dirigersi verso il consumo di carne, meglio se bianca.

Se a queste errate abitudini, si aggiunge anche l’abuso di alcolici e il fumo da sigaretta, sembra evidente che è statisticamente più probabile sviluppare il tumore.


FONTE

Nell’articolo si fa riferimento a uno studio recentemente pubblicato sulla rivista International Journal of Cancer con il titolo “Consumption of red and processed meat and breast cancer incidence: a systematic review and meta-analysis of prospective studies”.

 

 

comments powered by Disqus