Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Ansia Da Prestazione 40 Anni

Come affrontare un'ansia da prestazione a 40 anni?

Buongiorno, ho 40 anni e sin da giovane ho avuto qualche problema da ansia da prestazione, saltuariamente mi capitava di avere un periodo in cui non riuscivo ad avere rapporti soddisfacenti, poi a 24 anni mi sono sposato e per 16 anni ho stabilizzato questa situazione, ogni tanto capitava quel periodo, mia moglie lo sapeva e si gestiva la situazione finché il problema non spariva, di solito nel giro di una settimana. Ora ci siamo separati da 6 mesi e nel frattempo io ho avuto 2 storie, al primo appuntamento post matrimonio non ho raggiunto l'erezione, mi sono fatto prescrivere dal medico il Vardenafil 10 mg e per un po' ha funzionato, anche se a volte ho dovuto fingere l'orgasmo perché non riuscivo ad ottenerlo. Dopo un paio di mesi, ha cominciato a non farmi più effetto e un andrologo mi ha prescritto una cura di Tadalafil 5 mg da prendere tutti i giorni per 2-3 mesi. Ora, dopo un mese di questa cura, ho avuto un'altra defaillance e ora non so davvero cosa fare, ormai ho capito che il problema non è fisico ma psicologico e la cosa mi spaventa ancora di più. Fisicamente sono alto e magro e faccio anche sport anche se solo saltuariamente, voi cosa mi consigliate?

L'ansia da prestazione non si cura con pasticche, ma con psicoterapia individuale e di coppia con un sessuologo preparato che si trova cliccando FISS e regione e città.

Probabile che psicologicamente ci siano da affrontare problematiche vecchie non risolte e la pillola non le risolve.

Consultati con un sessuologo e vedrai che il risultato non tarderà a venire anche senza pillola.

Auguri
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Sergio Puggelli
Dr. Sergio Puggelli
Prato - Via Galcianese, 93/12, 59100 Prato PO
Altre risposte di questo specialista
Esami psichiatrici: come convincere una persona?
Credo che se non ne vuole sapere essendo adulta, nessuno può costringerla a fare visite psichiatriche, a meno che non abbia deliri o provochi...
Schizofrenia: quali sono i sintomi?
I sintomi della schizofrenia sono di altra natura, questa quarantena ha creato molti disturbi psicologici e senz'altro anche questi denunciati possono essere il frutto...
Senso di svenimento: è provocato dall'ansia?
Cara Ragazza,da ciò che si legge, credo che necessiti di una terapia psicoterapica condotta da uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti nel capire la provenienza...
Psicosi: può guarire da sola?
Leggendo il quesito, credo e sottoscrivo che il fratello deve prendere i farmaci che sono di aiuto per alleviare la sua esistenza. Comunque, come in...
Voglia continua di avere rapporti sessuali: cosa fare?
Buongiorno, dalla descrizione, ho il timore che si tratti di un disturbo ossessivo compulsivo, poichè i rapporti sessuali, almeno dalla descrizione, non sono svolti...
Vedi tutte
Risposte simili
Prostatite: quando è inevitabile operare?
In situazioni specifiche sono state impiegate metodologie chirurgiche di trattamento tese a rimuovere o distruggere parte del tessuto prostatico, ma le conseguenze sull'eiaculazione...
Iperplasia prostatica benigna: quali sono le conseguenze?
È la più comune neoplasia benigna nell'uomo. È caratterizzata dalla proliferazione, soprattutto a carattere fibroso/muscolare, della zona centrale della ghiandola prostatica, a differenza del
Fimosi: di che cosa si tratta e come viene trattata?
La fimosi può essere presente dalla nascita oppure può manifestarsi in seguito a traumi conseguenti a brusche manovre di retrazione del prepuzio. È...