Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Ischemia Celebrale Sintomi

Quali sono i sintomi di un'ischemia cerebrale?

Come si evidenzia un'ischemia cerebrale e cosa si può fare in questo caso? Grazie per la risposta.

I sintomi dell'ischemia cerebrale dipendono dalla zona del cervello che è soggetta alla riduzione/interruzione del flusso sanguigno.

La maggior parte delle ischemie riguarda il territorio irrorato dall'arteria cerebrale media, i cui rami provvedono sangue alle aree motorie e sensoriali del cervello e, nell'emisfero dominante (per la maggior parte dei pazienti il sinistro, in molti mancini il destro) le aree responsabili per la formazione e della comprensione del linguaggio.

Le ischemie si differenziano in:

Gli attacchi di TIA sono caratterizzati da:

  • sospensione e/o alterazione temporanea delle funzioni motorie, sensitive e, se coinvolgenti l'emisfero dominante, della parola
  • difficoltà motoria
  • impaccio
  • senso di pesantezza o paresi di un arto e/o della faccia nella metà del corpo opposta a quella dove occorre l'ischemia
  • sensazione di formicolio o addormentamento delle stesse aree
  • difficoltà ad enunciare e o a comprendere le parole

I fattori predisponenti sono:

Nel caso di ictus in progresso, i sintomi si aggravano in poche ore.

Nell'ictus completo, i sintomi persistono per più di 12 ore.

I segni di un'ischemia cerebrale sono sempre da prendersi molto seriamente e richiedono consulto medico immediato, preferibilmente in Pronto Soccorso ospedaliero.

Il primo test che può documentare una lesione cerebrale ischemica, anche piccola, è la risonanza magnetica RMN. Meno sensitiva e più tardiva nello svelarla è la TAC, che però può rilevare facilmente la presenza di sangue nel cervello (emorragia): una controindicazione importante alla terapia basata su anticoagulanti.

Naturalmente, vi sono altre ischemie che, coinvolgendo altre parti del cervello, danno sintomi molto diversi (visivi, confusione mentale, disturbi del tono, vertigini, perdita dell'equilibrio e molti altri).

Nel sospetto di un'ischemia, consultare un Neurologo il più presto possibile.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Ruggero Fariello
Dr. Ruggero Fariello
Varese - Non disponibile
Altre risposte di questo specialista
Parkinson: a che età compare?
Buongiorno, solo una percentuale tra il 5% ed 10% di Parkinson sono ereditari. In molti di questi casi, si può determinare...
Cervicobrachialgia: che esami fare?
Buongiorno, per prima cosa, è necessario un esame neurologico accurato per cercare di dirimere se si tratta di una lesione delle radici...
Dolori alla tempia sinistra: quali sono le cause?
Devi fare un consulto neurologico. Potrebbe trattarsi, tra le varie cose, di una forma di nevralgia trigeminale, ma anche di un'arterite temporale che necessita...
Sfumate aree di alterato segnale: cosa significa?
La RMN è sostanzialmente nella norma. Gli esiti gliotici (una volta chiamati UBO per similarità agli UFO, che non si sa cosa siano) non hanno...
Referto encefalogramma: cosa risulta?
Buongiorno. I referti dei due EEG non paiono avere nessuna rilevanza clinica, in altre parole possono essere ancora nella norma. Il referto del Nov. 2014 non...
Vedi tutte
Risposte simili
Idrocefalo nel bambino: che cosa significa?
L'idrocefalo è determinato da un accumulo patologico di liquido cefalorachidiano o liquor nelle cavità cerebrali denominate ventricoli. Ciascun individuo produce normalmente tale...
Sclerosi multipla: cos'è la CCSVI?
La CCSVI di cui mi parli è l’acronimo di Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale.La CCSVI è una patologia vascolare caratterizzata da stenosi venose di varia...
Diagnosi di sclerosi multipla: come si esegue?
In genere, se i disturbi neurologici sono di una certa importanza, si va dal medico curante o in alcuni casi, se l’esordio è stato acuto,...