C'è un modo per alleviare i dolori acuti che si provano avendo la mielopatia cervicale?

"Buongiorno, ho 47 anni, ho la mielopatia cervicale, operata nel 2009 e nel 2011 a livello c4-c5 e c6-c7, inserimento di 2 cage. La sofferenza midollare da i seguenti problemi: riduzione di forza alla gamba sx, formicolio braccio sx, scariche elettriche lungo la spina dorsale vertigini. Il dolore è aumentato e a volte è insopportabile. Sono seguita nella terapia del dolore della mia asl, dopo tante terapie e infiltrazioni con esiti non soddisfacenti. Mi hanno parlato di fibromialgia da far diagnosticare da uno specialista. Ora la mia terapia è Cibalta 60 mm, 1 alla mattina, Targin 10 mm mattina e sera, Lyrica mattina e sera. Ho sempre tanto dolore e in più tanta sonnolenza e stanchezza. E' possibile che non ci sia una terapia che possa alleviare questo dolore muscolare acuto che mi crea problemi nel lavoro e nella mia vita quotidiana? Ho eseguito una rx alla colonna vertebrale questo è il referto: rx colonna lombosacrale rachide cervicale: rachide sostanzialmente in asse, discreto recupero della fisiologica lordosi. Si confermano elementi chirurgici a livello degli spazi intersomatici da c4 a c7. Discrete diffuse alterazioni artrosiche intersomatiche ed interapofisarie. Rachide dorsale: modesta scoliosi sinistro-convessa ad ampio raggio di curvatura, conservata la fisiologica cifosi. Discrete alterazioni spondiloartrosiche con iniziali proliferazioni osteofitosiche marginali e diffusi segni di sofferenza discale. Rachide lombosacrale: rachide in asse, conservata la fisiologica lordosi. Modeste alterazioni spondiloartrosiche con lieve riduzione in altezza dello spazio intersomatico l5-s1. Le mando anche la copia della risonanza magnetica : - rm rachide cervicale - rm rachide dorsale indagine condotta con tecnica turbo spin echo. Attualmente non si osservano significative modifiche del quadro cervicale; in particolare si confermano gli esiti del pregresso intervento chirurgico a livello di c4-c5, caratterizzata da stenosi del canale vertebrale cervicale nel tratto compreso fra c3-c7, permane anche riconoscibile e sostanzialmente invariata la alterazione di segnale del midollo spinale estesa in senso cranio-caudale per circa 6 mm. Permangono tuttora apprezzabili grossolane barre disco-osteofitarie in corrispondenza di c3- c4, c5-c6 e c6-c7 che determinano bilaterale stenosi dei forami di comunicazione. Ernia distale mediana paramediana sinistra a livello di d7-d8 con impronta sul midollo si conferma la presenza di ernia discale in sede paramediana sinistra in corrispondenza d10-d11, quest'ultima lievemente migrata verso l'alto, che determinano modesta compressione sul midollo spinale. In l1-l2 si conferma lievemente più accentuata rispetto al precedente controllo l'ernia discale in sede mediana che impronta il sacco durale. Non ulteriori alterazioni di segnale midollare. Sovrapponibili i restanti reperti. - rm rachide lombosacrale indagine condotta con tecnica tse e ffe secondo piani assili e sagittali, per sospetta ernia discale in esiti chirurgici di discectomia. Confronto: precedente esame rm del 16/02/12 ipointensità di segnale nelle sequenze t2 dipendenti dei dischi intersomatici lombari, in rapporto ad aspetti degenerativi, con risparmio del disco l4-l5. In l1-l2 comparsa di ernia discale posteriore mediana che impronta il sacco durale. In l3-l4 lievemente più evidente la protrusione discale pre-intraforaminale sn. In l5-s1 compatibilmente con gli artefatti da movimento della pz (tosse) lieve protrusione discale ad ampio raggio posteriore, focalmente più accentuata in sede mediana-paramediana sn (sostanzialmente sovrapponibile al precedente controllo, in esiti chirurgici) con contatto con la radice s1 all'emergenza dal sacco durale. Non si osservano ernie o patologiche protrusioni dei restanti dischi intervertebrali esaminati. Canale vertebrale di regolare ampiezza. Le chiedo la sua opinione e mi scuso per il disturbo."
Questa domanda non ha ancora ricevuto una risposta
*Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti.
Leggi il disclaimer