Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Quali Norme Di Comportamento E Bene Avere In Caso Di Diverticolite

Come comportarsi in caso di diverticolite?

Ho scoperto di avere i diverticoli infiammati: come devo comportarmi per tornare ad una situazione stabile?

I diverticoli del colon sono causati da un difetto della parete muscolare del colon che diviene meno tonica e fuoriesce nel punto in cui le terminazioni nervose e le piccole arterie che portano sangue alla mucosa entrano nel colon. La diverticolite è l'infiammazione di queste escrescenze. Se in una situazione normale chi soffre di diverticolosi (presenza del diverticolo senza infiammazione) deve prestare molta attenzione alla propria dieta assumendo ogni giorno la giusta quantità di fibre e acqua, nella fase infiammatoria (diverticolite) assumere fibre può essere controproducente. All'interno dei diverticoli, soprattutto quando sono molto grandi, possono infatti accumularsi piccole sostanze come i semi contenuti nella frutta. Per questo motivo alimenti come kiwi, pomodoro e cocomero potrebbero dare dei problemi (stitichezza) in caso di diverticolite ricorrente. Inoltre la malattia diverticolare, alterando la motilità e la funzionalità di tutto l'intestino, predispone il soggetto ad un maggior rischio di intolleranze alimentari. Nei pazienti affetti da malattia diverticolare i fermenti lattici potrebbero addirittura complicare la sindrome da contaminazione batterica ed avere effetto contrario a quanto sperato. Questi prodotti potenziano ulteriormente la flora batterica del colon favorendo la sua risalita nell'intestino tenue e possono causare sintomi come meteorismo, flatulenza, diarrea e stitichezza. Sia in caso di semplice diverticolosi, sia in presenza di diverticoli infiammati è importante che il gastroenterologo consigli il paziente e lo porti a correggere fattori di rischio come il fumo, l'eccesso di alcolici, di grassi e di carboidrati semplici.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Redazione Pazienti
Dr. Redazione Pazienti
(0)
Milano
Altre risposte di questo specialista
Bruxismo e apnee notturne: esiste un legame?
A cura della Dott.ssa Giulia Milioli, Specialista in Neurologia - Esperta in Medicina del Sonno, Certificato AIMS e ESRS.Buongiorno, è un bene che la tua...
Apnea nel sonno: chi smette di respirare è a maggior rischio di ictus?
Risposta a cura della dott.ssa Paola Proserpio, Centro di Medicina del Sonno, Dipartimento di Neuroscienze, Ospedale Niguarda, Milano. Buongiorno,
Mal di testa: cosa assumere?
Ciao a te, dove si localizza il mal di testa? Inizia intanto con un Moment, se dovesse essere più grave, assumi un'Aspirina.
Apnee notturne: possono subentrare con l'obesità?
Risposta a cura della Dr.ssa Francesca Casoni, MD, PhD, dirigente medico del Centro di Medicina del Sonno dell'Ospedale San Raffaele. ...
Il setto nasale deviato può essere una causa delle apnee notturne?
  Risposta a cura del dr. Riccardo Gobbi - Otorinolaringoiatra - Esperto Otorino EOS-DRS in disturbi respiratori >> in Sonno Dirigente Medico...
Vedi tutte

Risposte simili

Pancreatite cronica: che cos'è?
La pancreatite è un'infiammazione del pancreas che continua negli anni causando forti dolori. Nell'80% dei casi è causata da un abuso di alcol....
Pancreas: quando va operato?
La chirurgia del pancreas è necessaria nel caso di pancreatite acuta nella sua forma grave, nella pancreatite cronica nei suoi ultimi stadi (dopo 3-5 anni),...
Calcoli alla cistifellea: cosa mangiare?
La calcolosi biliare è spesso associata ad una situazione di sovrappeso e ad un'alimentazione ricca di grassi, ma esiste anche un'associazione con regimi...