Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Sintomi Da L Ulcera

Quali sintomi dà l'ulcera gastrica?

Penso di soffrire di ulcera, ma non sono del tutto sicuro. Quali sono i sintomi che mi permettono di riconoscerla?

Il sintomo più comune che potresti avvertire è il bruciore di stomaco. Il dolore è provocato dall’ulcera e si aggrava a causa degli acidi gastrici che vengono a contatto con la zona ulcerata.

Il dolore di solito è localizzato in una zona che si estende dall’ombelico allo sterno e ha durata variabile da alcuni minuti a diverse ore. Solitamente, la sintomatologia peggiora a stomaco vuoto e si scatena preferibilmente durante la notte.

Più raramente l’ulcera gastrica può provocarti un’emorragia digestiva:

L’introduzione dei farmaci inibitori di pompa protonica (tipo Omeprazolo, Lansoprazolo, Esomeprazolo, Pantoprazolo) e la scoperta dell’Helicobacter pylori hanno cambiato radicalmente la storia della terapia dell’ulcera che oggi è essenzialmente una malattia di interesse medico.

Per avere una diagnosi certa dell'ulcera, devi sottoporti ad una gastroscopia, in corso della quale vengono eseguite biopsie della zona ulcerata per la diagnosi differenziale con le ulcere neoplastiche (causate cioè da un tumore).

Il tuo medico effettuerà la ricerca dell’Helicobacter pylori (sulle biopsie, nelle feci, col test del respiro "breath test"). Se è presente un’infezione da Helicobacter pylori, al trattamento con inibitori di pompa protonica il tuo medico assocerà una terapia antibiotica mirata.

Verrai sottoposto ad una terapia invasiva, endoscopica (gastroscopia operativa) o chirurgica, se è presente un'ulcera sanguinante e/o perforata refrattaria alla terapia medica. Ancora più particolare è il caso di quei pazienti che, a causa di ripetuti processi infiammatori, vanno incontro ad una riduzione importante del calibro dell’ultima porzione dello stomaco (piloro): stenosi pilorica. Se la stenosi pilorica provoca uno stato di occlusione delle alte vie digestive (nausea, vomito, ristagno di cibo), può essere indicato l’intervento chirurgico di resezione gastrica antro-pilorica: il caso descritto è oggigiorno davvero raro.

Risposta a cura di:
Dr. Domenico Labonia
Dr. Domenico Labonia
(4)
Forlì-Cesena - Via G. Pascoli, 43, Gambettola, FC, Italia
Hai trovato questa risposta utile?
Altre risposte di questo specialista
Rigonfiamento post intervento ernia inguinale: cosa potrebbe essere?
Gentile Paziente, generalmente dopo gli interventi di alloplastica inguinale (plastica con rete protesica), come quello secondo Liechtenstein, il liquido sieroematico che si produce durante l'intervento...
Bendaggio gastrico: provoca debolezza?
Gentile Paziente,il comune senso di debolezza (astenia), dopo gli interventi di chirurgia dell'obesità, si verifica tipicamente per il drastico cambiamento dello stile alimentare, soprattutto...
Intervento riduzione stomaco: quanto costa?
Gentile Paziente, devi sapere che il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) riconosce l'obesità come vera e propria patologia, a sua volta causa di malattie strettamente correlate...
Ernia inguinale: che cosa fare?
Gentile Paziente, per il trattamento dell'ernia inguinale, non esistono alternative alla chirurgia. Peraltro, le dimensioni sono un criterio piuttosto relativo,...
Intervento di chirurgia bariatrica: quando è consigliato?
Gentile Paziente, il tuo BMI (body mass index) ti classifica nella fascia dei pazienti che possono avvalersi della chirurgia bariatrica. La chirurgia bariatrica segna l'inzio...
Vedi tutte

Risposte simili

Asportazione di polipi durante la gastroscopia: è possibile?
La gastroscopia è fondamentalmente un esame diagnostico endoscopico attraverso il quale il medico osserva il tratto superiore dell'apparato digerente per valutare se esistano lesioni responsabili...
Chirurgia ortogantica: che cos'è?
Quando senti parlare di chirurgia ortognatica, o chirurgia dei mascellari, ci si riferisce ad uno dei principali settori della chirurgia maxillo-facciale che permette la correzione...
Calcoli alla colecisti senza coliche: com'è possibile?
I calcoli alla colecisti, detta anche cistifellea, non sono sempre sintomatici, però possono causarti dolore se si spostano fino ad ostruire il deflusso biliare procurando...