Cerchiaggio

Contenuto di:

Il cerchiaggio cervicale è una procedura in cui vengono utilizzati dei punti per chiudere il collo dell'utero durante la gravidanza, in modo da aiutare a prevenire la perdita del bambino o un parto prematuro. La cervice è la parte inferiore dell'utero che si apre alla vagina. Il cerchiaggio cervicale può essere fatto attraverso la vagina (transvaginale) o meno frequentemente attraverso l'addome (trans-addominale). Generalmente i punti vengono rimossi a circa 37 settimane di gestazione.

Perché viene eseguito il cerchiaggio?

Missing | Pazienti.it

Prima della gravidanza la cervice è chiusa e rigida. Durante la gravidanza la cervice si ammorbidisce gradualmente, diminuisce in lunghezza e si dilata in preparazione al parto. Se si dispone di una cervice debole, tuttavia potrebbe cominciare ad aprire troppo presto. Di conseguenza, si potrebbe verificare la perdita del bambino o un parto prematuro.

Il medico potrebbe consigliare il cerchiaggio cervicale durante la gravidanza per prevenire un parto prematuro, se si hanno:

  • Una storia di uno o più perdite al secondo trimestre di gravidanza correlate a dilatazione cervicale e in assenza di distacco di placenta
  • Un precedente cerchiaggio a causa di dilatazione cervicale indolore  nel secondo trimestre
  • Dilatazione cervicale indolore durante il secondo trimestre
  • Una gravidanza singola con un precedente parto prematuro spontaneo a meno di 34 settimane

Il cerchiaggio cervicale non è appropriato per tutti i casi di rischio di parto prematuro. Il medico potrebbe scoraggiare cerchiaggio cervicale in caso di:

  • Sanguinamento vaginale
  • Parto prematuro
  • Un'infezione intrauterina
  • Rottura prematura delle membrane 
  • Una gravidanza multipla
  • Un'anomalia fetale incompatibile con la vita
  • Prolasso delle membrane fetali, una condizione in cui il sacco amniotico sporge attraverso l'apertura della cervice

Rischi del cerchiaggio

I rischi connessi con il cerchiaggio cervicale includono:

  • Infezione
  • Sanguinamento vaginale
  • Lacerazione cervicale
  • Prolasso delle membrane fetali nella vagina
  • Rottura prematura delle membrane
  • Travaglio e parto prematuro
  • Aborto spontaneo

Dopo aver ricevuto un cerchiaggio cervicale, contattare immediatamente il proprio medico se si dispone di fuoriuscita di liquido dalla vagina che è un segno di rottura prematura delle membrane. Il medico potrebbe consigliare di rimuovere il cerchiaggio cervicale prima, se si ha una rottura prematura delle membrane e una infezione uterina, a seconda della fase della gravidanza.

Come si prepara il cerchiaggio?

Prima del cerchiaggio cervicale, il medico deve fare un'ecografia per controllare i segni vitali del bambino e escludere ii difetti maggiori alla nascita. Il medico potrebbe prendere un tampone delle vostre secrezioni cervicali o fare l'amniocentesi - una procedura in cui un campione di liquido amniotico viene analizzato - per verificare la presenza di infezione. Se si dispone di un'infezione che richiede antibiotici, è necessario completare il trattamento prima che il cerchiaggio sia fatto.

Idealmente, un cerchiaggio cervicale indicativamente è eseguito tra le settimane 12 e 14 della gravidanza. Tuttavia, il cerchiaggio cervicale può essere fatto fino a 24 settimane di gravidanza, se un esame pelvico o l'ecografia mostra che la cervice sta cominciando ad aprirsi. Il cerchiaggio cervicale è generalmente evitato dopo la settimana 24 di gravidanza a causa del rischio di rottura del sacco amniotico e conseguente nascita prematura.

Che cosa ci si può aspettare?

Il cerchiaggio cervicale è generalmente fatto in regime ambulatoriale in un centro ospedaliero o alcune volte come intervento chirurgico in anestesia regionale o generale. La maggior parte delle procedure di cerchiaggio cervicale sono fatte attraverso la vagina.

Il cerchiaggio cervicale può essere fatto anche attraverso l'addome se quello transvaginale non ha successo o è anatomicamente difficile a causa di lacerazioni o cervice troppo corta.

La procedura

Durante il cerchiaggio transvaginale, il medico inserisce uno speculum nella vagina e afferrare il collo dell'utero con una pinza ad anello. Il medico probabilmente utilizzerà il cerchiaggio McDonald o il cerchiaggio Shirodkar. La ricerca suggerisce che non ci siano  differenze significative nei risultati tra i due metodi. Per posizionare il cerchiaggio McDonald, il medico deve utilizzare un ago per mettere punti di sutura intorno alla parte esterna della cervice. Poi legherà le estremità dei punti di sutura per chiudere il collo dell'utero.

Nel metodo Shirodkar, il medico utilizzerà il forcipe ad anello per tirare il collo dell'utero verso di lui mentre tira indietro le pareti laterali della vagina. Poi farà piccole incisioni nella cervice dove incontra il tessuto vaginale. Infine passerà un ago con del nastro attraverso le incisioni e legherà il collo dell'utero per chiuderlo. Il medico potrebbe utilizzare dei punti per chiudere il tessuto vaginale colpito dalle incisioni.

Durante il cerchiaggio transaddominale, il vostro medico farà un'incisione addominale e potrebbe elevare l’utero per ottenere un migliore accesso al collo dell'utero. Quindi, utilizzerà un ago per posizionare un nastro intorno allo stretto passaggio che collega la parte inferiore del vostro utero alla cervice e legherà il collo dell'utero. Poi rimetterà l'utero in posizione e chiuderà l'incisione. La procedura può anche essere eseguita in laparoscopia.

Cosa fare dopo il cerchiaggio?

Dopo il cerchiaggio cervicale, il medico farà un'ecografia per controllare il benessere del bambino.

Si possono avere alcuni crampi e minzione dolorosa per alcuni giorni. Acetaminofene (Tylenol, altri) è consigliato per il dolore o il fastidio. Se il vostro medico ha usato punti per riposizionare il tessuto vaginale colpito da incisioni, si potrebbe notare il passaggio di materiale per due o tre settimane mentre i punti si dissolvono. Per precauzione, il vostro medico potrebbe consigliare di evitare il sesso per almeno una settimana e in seguito di usare i preservativi durante il sesso.

Se avete il cerchiaggio cervicale perché la cervice aveva già cominciato ad aprirsi o un'ecografia ha mostrato che la cervice è corta, potrebbe essere necessario rimanere in ospedale per osservazione. Per precauzione, il vostro medico potrebbe consigliare di limitare l'attività fisica e il sesso fino alla settimana 34 di gravidanza.

Il medico potrebbe consigliare di eseguire visite settimanali o bisettimanali per esaminare il collo dell'utero fino al parto.

Come si rimuove il cerchiaggio cervicale?

Il cerchiaggio cervicale è tipicamente rimosso intorno alla settimana 37 di gravidanza o all'insorgenza di parto prematuro.

Il cerchiaggio McDonald di solito può essere rimosso in uno studio medico senza anestesia, mentre il cerchiaggio Shirodkar potrebbe aver bisogno di essere rimosso in un centro ospedaliero o con un intervento chirurgico. Dopo aver avuto un cerchiaggio cervicale rimosso, si sarà in genere in grado di riprendere le normali attività.

Se invece è stato praticato un cerchiaggio transaddominale, sarà necessario nuovamente incidere l’addome per rimuovere il cerchiaggio. Il bambino sarà estratto attraverso un'incisione fatta sopra il cerchiaggio. 

Risultati del cerchiaggio

L'efficacia di cerchiaggio cervicale è un sempre argomento di dibattito.

La ricerca suggerisce che il cerchiaggio cervicale può ridurre l'incidenza di parto prematuro in donne a rischio di recidiva nascita prematura. Tuttavia, i tempi del cerchiaggio cervicale possono anche influire sul risultato.

Argomenti: gravidanza aborto cerchiaggio
Missing | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Colestasi_gravidica | Pazienti.it
Colestasi gravidica

La gravidanza può presentare alcune complicazioni piuttosto rare, una di queste è la colestasi gravidica, che è ausata dalla presenza di bile nella circolazione sanguigna.

Ovaia | Pazienti.it
Ovaia

L'ovaia è un elemento perlaceo, di colore bianco e situato lungo la parete laterale del bacino in una regione chiamata fossa ovarica . La fossa di solito si trova sotto...

Missing | Pazienti.it
Il parto

Il parto è il culmine di una gravidanza, ovvero il periodo con l'espulsione di uno o più neonati lattanti da una donna.

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...