Chiusura delle tube

Contenuto di:

La chiusura delle tube, nota anche come sterilizzazione tubarica, è un tipo di controllo delle nascite permanente. Durante un interventi di chiusura delle tube, le tube di Falloppio vengono bloccate in modo reversibile per evitare la gravidanza. La chiusura delle tube interrompe il movimento dell'uovo verso l'utero per la fertilizzazione e blocca il viaggio dello sperma fino alle tube di Falloppio verso l'ovulo. La legatura delle tube non influisce sul ciclo mestruale.

Che cos'è la chiusura delle tube?

Missing | Pazienti.it

La chiusura delle tube, nota anche come sterilizzazione tubarica, è un tipo di controllo delle nascite reversibile (in Italia la legge proibisce interventi che ledano in modo definitivo la capacità di procreare). Durante un intervento di chiusura delle tube, le tube di Falloppio vengono bloccate in modo permanente per evitare la gravidanza.

La chiusura delle tube interrompe il movimento dell'uovo verso l'utero per la fertilizzazione e blocca il viaggio dello sperma fino alle tube di Falloppio verso l'ovulo. La chiusura delle tube non influisce sul ciclo mestruale.

La chiusura delle tube può essere effettuata in qualsiasi momento, anche dopo il parto o in combinazione con un'altra procedura chirurgica addominale, come un parto cesareo.

Perché si ricorre alla chiusura delle tube?

La chiusura delle tube è una delle procedure più comunemente utilizzate come sterilizzazione chirurgica per le donne. La chiusura delle tube impedisce temporalmente la gravidanza, e termina la necessità di qualsiasi tipo di contraccezione. La chiusura delle tube può anche ridurre il rischio di cancro ovarico. La chiusura delle tube non è appropriata per tutti, però.

Quali sono i rischi connessi alla chiusura delle tube?

La chiusura delle tube è un intervento addominale. I rischi connessi alla chiusura delle tube includono:

  • danni alla vescica
  • reazione avversa all'anestesia
  • ferita che non si rimargina correttamente o che si infetta
  • dolore pelvico o addominale

Si può essere a più alto rischio di complicanze da una chiusura delle tube se:

  • si ha avuto precedente chirurgia pelvica o addominale
  • si ha una storia di malattia infiammatoria pelvica
  • si soffre di obesità o diabete

La chiusura delle tube non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili.

Nel primo anno dopo una chiusura delle tube, si stima che una donna su 100 possa rimanere incinta. Più giovane si è al momento della chiusura delle tube, più è probabile che la sterilizzazione possa fallire. Se si concepisce dopo aver avuto una chiusura delle tube, c'è una maggiore probabilità che la gravidanza sarà ectopica (l'ovulo fecondato si impianta al di fuori dell'utero, in genere in una tuba di Falloppio).

Vi è anche la possibilità di un accesso alle tube per via vaginale, non molto usato: ultimamente sono stati usati degli applicatori, tipo IUD, in tessuto in parte metallico, in parte plastico, che otturano l'orifizio tubarico da dentro l'utero, con meccanismo a tipo ombrello.

Argomenti: gravidanza dolore pelvico Chiusura delle tube
Rosolia | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Colestasi_gravidica | Pazienti.it
Colestasi gravidica

La gravidanza può presentare alcune complicazioni piuttosto rare, una di queste è la colestasi gravidica, che è causata dalla presenza di bile nella circolazione sanguigna.

Ovaia | Pazienti.it
Ovaia

L'ovaia è un elemento perlaceo, di colore bianco e situato lungo la parete laterale del bacino in una regione chiamata fossa ovarica . La fossa di solito si trova sotto...

Missing | Pazienti.it
Il parto

Il parto è il culmine di una gravidanza, ovvero il periodo con l'espulsione di uno o più neonati lattanti da una donna.

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...