Pelviperitonite

Contenuto di:

La pelviperitonite consiste nell'infiammazione del peritoneo pelvico.

Che cos'è la pelviperitonite?

Missing | Pazienti.it

La pelviperitonite è una malattia, essenzialmente ginecologica, consistente nell'infiammazione del peritoneo pelvico, la membrana che riveste l'addome nella zona pelvica.

Quali sono le cause della pelviperitonite?

All'origine di ogni pelviperitonite c'è sicuramente un'infezione. Questa può dipendere da:

  • cause ostetriche
  • esiti di manovre operatorie
  • dilagare di un processo infiammatorio dapprima localizzato nel tratto genitale inferiore e poi risalito attraverso vagina, utero e tube  alla pelvi. Tale infiammazione può essere causata da vari batteri: i più comuni sono il gonococco, la Escherichia coli e la Clamidia Trachomatis. Il processo infiammatorio può decorrere in modo silenzioso per tempi lunghi, per poi manifestarsi in modo acuto e grave improvvisamente

Quali sono i sintomi della pelviperitonite?

I sintomi della pelviperitonite includono:

  • gonfiore dell'addome
  • forte dolore e tensione nell'addome
  • nausea
  • vomito
  • disturbi intestinali
  • brividi
  • febbre
  • respirazione rapida
  • rialzo della temperatura corporea corporea

Come si diagnostica la pelviperitonite?

La procedura diagnostica della pelviperitonite prevede:

  • prelievo cervicale
  • prelievo vaginale
  • prelievo uretrale
  • esami ematochimici
  • laparoscopia
  • ecografia pelvica

Quali sono i trattamenti della pelviperitonite?

La terapia per la pelviperitonite è medica, con reidratazione e somministrazione endovenosa di alte dosi di antibiotici.  Spesso , se si è avuta una ascessualizzazione della infezione,oltre alla terapia medica è necessario intervenire chirurgicamente per drenare e ripulire chirurgicamente la fonte del versamento o per asportare l'organo dal quale ha avuto origine l'infiammazione.

Quali sono le complicanze della pelviperitonite?

La pelviperitonite, se non trattata tempestivamente, può evolvere in peritonite generalizzata ed in uno shock settico gravissimo.

Resta quindi un fattore fondamentale la prevenzione: quando si hanno sintomi apparentemente non significativi, come una dolenzia continua al basso ventre, una dispareunia, febbricola e  quando non vi sono altre cause apparenti per spiegare una sterilità di coppia, è bene fare preventivamente gli accertamenti infettivologici sia come tampone vaginale e uretrale, sia ematici ( per evidenziare eventuali anticorpi), sia ecografici per escludere una PID: Pelvic Infiammatory Disease.

Argomenti: ecografia pelvica Pelviperitonite infiammazione del peritoneo pelvico