Diatermocoagulazione

Contenuto di:

La **diatermocoagulazione** è una tecnica che si basa sull'utilizzo di corrente elettrica ad alta frequenza. Questa, applicata sui tessuti provoca una lesione simile ad un'ustione, a decorso molto veloce. Richiede spesso l'anestesia locale in quanto è una tecnica abbastanza dolorosa.

Che cos'è la diatermocoagulazione?

Fotosearch_k4832082 | Pazienti.it

La diatermocoagulazione è una tecnica utilizzata in ambito dermatologico dalla maggior parte degli specialisti.Viene utilizzata per l'asportazione di piccole parti di tessuto epidermico, ed è basata sull'elettrochirurgia: la capacità dell'energia elettrica di produrre calore.

Come funziona la diatermocoagulazione?

Nella diatermocoagulazione viene utilizzato uno strumento elettrico in grado di generare corrente elettrica ad impulsi. La corrente elettrica viene concentrata su un catodo e posto a contatto con la regione interessata che riesce dunque a tagliare o cicatrizzare l'epidermide.

Quando si fa ricorso alla diatermocoagulazione?

La diatermocoagulazione viene impiegata in caso di:

  • nei
  • asportazione verruche
  • condilomi acuminati
  • creste di gallo
  • emorroidi

Come si svolge la diatermocoagulazione?

La diatermocoagulazione si svolge utilizzando uno strumento in grado di generare corrente elettrica ad impulsi. La corrente taglia e cicatrizza l'epidermide. Gli impulsi di corrente sono concentrati su un piccolo catodo posto a contatto con la regione cutanea interessata dall'operazione mentre l'anodo più grande viene posto a contatto con un'altra parte del corpo in modo tale che la corrente possa scorrere.

Argomenti: verruche emorroidi nei condilomi diatermocoagulazione
Missing | Pazienti.it
Crioterapia

La crioterapia è un particolare tipo di terapia che utilizza la basse temperature per distruggere alcune lesioni cutanee Viene comunemente utilizzata a livello cutaneo per il eliminare fibromi, verruche...

Hemorrhoids | Pazienti.it
Emorroidi

Le emorroidi sono masse di tessuto vascolare della struttura interna del canale anale, ricche di vasi sanguigni e fibre elastiche. Le emorroidi diventano una patologia quando le vene emorroidarie, normalmente...

Missing | Pazienti.it
Ematochezia

"Ematochezia" è il termine medico per definire la presenza di sangue nelle feci.

Sangue_nelle_feci | Pazienti.it
Sangue nelle feci (Feci con sangue)

Le cause del sangue nelle feci derivano da patologie legate al tratto gastrointestinale. Il sangue nelle feci rettale si riferisce al passaggio di sangue rosso vivo dall'ano, spesso mescolato con...

Fotosearch_k4782255 | Pazienti.it
Legatura elastica emorroidi

La legatura elastica delle emorroidi consiste nell'applicazione di un minuscolo elastico. Tale tecnica produce la necrosi della vena emorroidaria legata che cade spontaneamente da sola dopo pochi giorni.

Missing | Pazienti.it
Test del sangue occulto fecale

Il test del sangue occulto nelle feci rappresenta un importante test di screening per il tumore del colon-retto, consigliabile con cadenza annuale o biennale a partire dai 45/50 anni di...

Missing | Pazienti.it
Anello emorroidale (legatura elastica delle emorroidi)

L'anello emorroidale (termine esatto: legatura elastica delle emorroidi) è uno dei trattamenti più comuni disponibili chi soffre di emorroidi.

Missing | Pazienti.it
Vena superiore rettale

La vena superiore rettale, o vena emorroidaria superiore, collega le vene che circondano il retto alla vena mesenterica inferiore. Questa trasporta il sangue dall’intestino crasso alla vena splenica. In questo...

Missing | Pazienti.it
Trattamento per le emorroidi

Il trattamento per le emorroidi è una procedura che viene effettuata legando con un elastico le emorroidi alla base e serve per tagliare il flusso di sangue al emorroidi. Questo...

Anoscopia | Pazienti.it
Anoscopia

L'anoscopia è una procedura impiegata per scoprire problematiche legate al tratto gastrointestinale. Consiste in una semplice procedura medica, che aiuta a identificare delle anormalità presenti in ano e retto.