Bilirubina

Contenuto di: - Aggiornato il 28/06/2016

La bilirubina è un pigmento di colore giallo-rossastro, prodotto dal catabolismo dell'emoglobina. Questo pigmento è contenuto nella bile e nell'urina e a livelli elevati è sintomo di svariate patologie. La bilirubina è responsabile della colorazione giallastra di lividi, dell'itterizia, delle urine e del colore marrone delle feci. Questa sostanza è stata anche trovata nelle piante.

Scopri consigli, prodotti e rimedi

Che cos'è la bilirubina?

Bilirubina | Pazienti.it

La bilirubina è un prodotto naturale che deriva dalla rottura dei globuli rossi, viene trasportata nel sangue e passa attraverso il fegato. Un livello troppo elevato di bilirubina nel sangue può indicare danni al fegato o malattia. Prima di raggiungere il fegato, come prodotto di degradazione dei globuli rossi questa sostanza viene definita indiretta. Una volta nel fegato, la maggior parte della bilirubina si lega a certi zuccheri, creando quella che viene chiamata bilirubina diretta o coniugata. La bilirubina diretta viene rilasciata nella bile e immagazzinata nella colecisti, poi viene escreta nelle feci. Alti livelli di bilirubina diretta o indiretta, possono indicare diversi tipi di problemi al fegato.

Perché si ricorre ai test della bilirubina?

I test della bilirubina possono essere utilizzati per una varietà di ragioni e di solito vengono effettuati insieme ad altri test che valutano la salute del fegato. Tali test possono essere fatti per:

  • indagare ittero
  • determinare se c'è un blocco nei dotti biliari del fegato
  • rilevare o monitorare la progressione di malattie epatiche come l'epatite
  • rilevare la distruzione aumentata dei globuli rossi
  • monitorare un trattamento

Esistono dei rischi connessi al test della bilirubina?

Il sangue per il test della bilirubina è di solito preso da una vena del braccio. Il principale rischio associato a questo tipo di esami del sangue è il dolore o lividi al sito da cui viene prelevato il sangue.

Come leggere i risultati dei test della bilirubina?

I risultati normali per un test della bilirubina sono 0,1-1 milligrammi per decilitro (mg / dL) della bilirubina totale (diretta più indiretta) e da 0 a 0,3 mg / dL diretto. La bilirubina indiretta è di solito misurata sottraendo bilirubina diretta da quella totale. Questi risultati possono variare leggermente da un laboratorio all'altro, ma sono tipici per gli uomini adulti. Risultati normali potrebbero essere leggermente diversi per donne e bambini, e i risultati possono essere influenzati da alcuni alimenti, farmaci o un intenso esercizio fisico. Livelli inferiori di bilirubina di solito non sono preoccupanti. Livelli elevati possono indicare danni al fegato o malattia.

Come si verifica il livello di bilirubina?

La quantità presente nel sangue di questa sostanza può essere verificata attraverso un test detto bilirubinemia. I livelli elevati di bilirubina possono essere dovuti a disfunzioni epatiche, come:

  • Bilirubina indiretta: presenza maggiore nella Sindrome di Gilbert, nell'emolisi e nelle reazioni a farmaci;
  • Bilirubina diretta: presenza maggiore nell'ittero da ostruzione biliare e nella Sindrome di Dubin-Johnson. 

Quando si parla di bilirubina indiretta?

Quando la bilirubina si forma nella milza viene definita indiretta (o non coniugata), perché non idrosolubile.

A cosa può essere dovuta la bilirubina indiretta alta?

La bilirubina indiretta si può avere in pazienti che soffrono di:

  • ipertiroidismo
  • anemia emolitica
  • anemia perniciosa
  • malattia di Gilbert
  • emorragie gastrointestinali
  • ematomi

Qual è la funzione della bilirubina?

Il ciclo della bilirubina, in aggiunta alla sua funzione altamente antiossidante, ha portato gli studiosi a ipotizzare che la sua funzione principale sia fungere da antiossidante cellulare. 

La bilirubina è tossica?

L'iperbilirubinemia indiretta nei neonati può causare un accumulo di bilirubina in alcune aree del cervello, con conseguenti danni irreversibili:

  • deficit neurologici,
  • epilessia,
  • riflessi anormali,
  • movimenti oculari.

La gamma dei segni clinici è detta encefalopatia da bilirubina. La neurotissicità dell'iperbilirubinemia neonatale si manifesta perché la barriera emato-encefalica non ha ancora raggiunto il suo pieno sviluppo e la bilirubina può passare liberamente attraverso l'interstizio. 

Quali sono gli effetti benefici della bilirubina?

Alcuni studi hanno dimostrato che, in assenza di patologie al fegato, alti livelli di bilirubina abbiano alcuni effetti benefici sull'organismo. Per esempio, nelle persone anziane questi livelli sono associati ad un'alta indipendenza funzionale e diminuiscono il rischio di alcune patologie cardiache. 

Cos'è l'iperbilirubinemia e cosa causa?

L'iperbilirubinemia è un accumulo di bilirubina nel sangue, che può causare:

  • emolisi,
  • sindrome di Gilbert,
  • sindrome di Rotor.

Quali sono le cause dell'iperbilirubinemia?

Un aumento moderato dei livelli di bilirubina può essere dovuto a:

  • farmaci antipsicotici e ormonali,
  • sulfamidici,
  • epatite,
  • chemioterapia,
  • stenosi biliare.

Un alto aumento dei livelli di bilirubina può essere dovuto a:

  • iperbilirubinemia neonatale,
  • insolita ostruzione dei dotti biliari,
  • patologie del fegato
  • sindrome di Crigler–Najjar
  • sindrome di Dubin–Johnson.

Infine, la cirrosi può causare un aumento normale, moderato o alto dei livelli di bilirubina.

Scopri consigli, prodotti e rimedi

Argomenti: anemia bilirubina alta bilirubina esami del sangue bilirubina bassa
Anemia | Pazienti.it
Anemia

L'anemia da deficit di ferro si presenta quando c’è una quantità ridotta di globuli rossi. La riduzione di globuli rossi si verifica in quanto il corpo non ha abbastanza ferro...

Acido_folico | Pazienti.it
Anemia da deficit di acido folico

L'anemia da deficit di acido folico si presenta quando una carenza di acido folico causa la produzione di globuli rossi grandi in modo anomalo e che non funzionano correttamente. Causa...

Anemia_perniciosa | Pazienti.it
Anemia perniciosa

L'anemia perniciosa è una forma di anemia da carenza di vitamina B12. La vitamina B12 aiuta l'organismo a produrre globuli rossi sani e aiuta a mantenere sane le cellule nervose....

Fotosearch_k10475610 | Pazienti.it
Prima visita ematologica

La prima visita ematologica serve per la diagnosi di eventuali patologie correlate al sangue e ad individuare la terapia più adatta.

Ferro | Pazienti.it
Ferro

Il ferro è indispensabile nei processi di respirazione cellulare e nel metabolismo degli acidi nucleici. Gli alimenti ricchi di ferro sono le carni, il fegato, i crostacei.

Carenza_nutritiva | Pazienti.it
Carenza nutritiva

Una carenza nutritiva consiste in una deficiente assunzione di principi nutritivi. Tale condizione comporta una varietà di problemi di salute quali anemia e beriberi.

Sangue | Pazienti.it
Emoglobina

L'emoglobina è la molecola proteica presente nei globuli rossi che trasporta l'ossigeno dai polmoni ai tessuti del corpo e che restituisce l’anidride carbonica che dai tessuti torna ai polmoni.

Emodialisi | Pazienti.it
Emodialisi

L'emodialisi è una pratica medica che si attua in casi di insufficienza renale. L'emodialisi svolge le funzioni principali dei reni.

Missing | Pazienti.it
Trasfusione di sangue

Una trasfusione di sangue è una procedura medica atta a ricevere del sangue tramite una flebo inserita in uno dei vasi sanguigni. Si ricorre alle trasfusioni per...

Missing | Pazienti.it
Antianemici

I farmaci antianemici sono quei farmaci che aumentano il numero dei globuli rossi e aiutano a contrastare le anemie.

Ricevi offerte di salute

Premendo il pulsante di attivazione dichiari di aver preso visione delle condizioni di servizio e della privacy policy e di accettarli integralmente.

Pagamento sicuro:

Pagamenti sicuri | Pazienti.it

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l'assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.

Logo | Pazienti.it org s.r.l. © 2013 |P.IVA 07112280966 Pazienti © 2013